• search in
    #All #News #Press Release
Sostenibilità

Net Zero Carbon: l'impegno di Fastweb al 2030

Fastweb da anni contribuisce alla lotta ai cambiamenti climatici per garantire un futuro sostenibile acquistando il 100% di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, calcolando ogni anno la sua Carbon Footprint e fissando sfidanti obiettivi di riduzione: a partire dal 2021 ha avviato un importante progetto di compensazione delle emissioni che non si possono evitare e di riqualificazione del territorio italiano.

Net Zero Carbon

Per ridurre il proprio impatto sull'ambiente Fastweb, oltre agli obiettivi fissati al 2030 con la Science Based Targets initiative, ha avviato, in collaborazione con AzzeroCO2 – azienda specializzata in progetti di compensazione delle emissioni di CO2 e nella riqualificazione territoriale tramite forestazione - e Legambiente, un ambizioso piano di compensazione delle emissioni di gas a effetto serra.

Fastweb ha attuato un progetto di compensazione delle emissioni non riducibili che le consentono di essere già nel 2021 Net Zero Carbon per tutte le emissioni dirette e per quelle legate all'erogazione dei servizi ai clienti, ovvero per lo Scope 1, lo Scope 2 e parte dello Scope 3, e aumenterà progressivamente la quantità di CO2 compensata con l'obiettivo di diventare completamente Net Zero Carbon entro il 2030.

Piano di compensazione

Le emissioni dirette (Scope 1), sono quelle dovute ad attività dell'azienda o da essa controllate (ad esempio per l'utilizzo di combustibili per il riscaldamento e per il trasporto mediante auto aziendali ed auto in pool).

Le emissioni energetiche indirette (Scope 2), sono quelle derivanti dall'acquisto di energia elettrica, un dato che per Fastweb è pari a 0 in quanto già dal 2015 la società acquista da fonti rinnovabili il 100% dell'energia elettrica utilizzata nella infrastruttura di rete, nelle sedi e nei negozi flagship proprietari.

Le altre emissioni indirette (Scope 3), sono quelle generate da sorgenti di gas ad effetto serra non di proprietà o controllate da soggetti esterni (es. catena di fornitura, attività di logistica, utilizzo dei servizi da parte dei clienti e gestione del fine vita dei prodotti).

Progetti internazionali di compensazione

Per raggiungere questi importanti obiettivi Fastweb ha individuato, grazie alla collaborazione con AzzeroCO2 e Legambiente, cinque progetti internazionali in India, Brasile, Nicaragua e Uganda che prevedono la riforestazione e la gestione forestale di alcune aree, e la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (eolico e idroelettrico). Inserendo il codice QNE-65-BXG di compensazione è possibile visionare il dettaglio delle emissioni compensate e scaricare i relativi certificati.

FORESTAZIONE NELLA FORESTA CENTRALE DI BUKALEBA IN UGANDA
PROTEZIONE DELLA FORESTA DI PACAJA IN BRASILE
ENERGIA ELETTRICA DA EOLICO IN INDIA
ENERGIA ELETTRICA DA EOLICO IN NICARAGUA
ENERGIA DA IDROELETTRICO A RIO GRANDE DO SUL, BRASILE

Riqualificazione del territorio italiano

Oltre a sostenere progetti internazionali in India, Brasile, Nicaragua e Uganda, Fastweb si impegna per migliorare anche il territorio italiano: per questo la società ha deciso di collaborare con AzzeroCO2 e Legambiente alla campagna nazionale Mosaico Verde, un importante progetto di riforestazione e tutela di alcune città italiane.

Fastweb ha deciso di piantare 9.000 alberi in tre anni, a partire da Milano (area Porto di Mare-Rogoredo), Roma (Parco della Cellulosa) e Bari (Parco Urbano ASI). Grazie a questo progetto Fastweb darà il suo contributo alla forestazione del nostro Paese, non solo con l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO2, ma contribuendo anche alla riqualificazione di territori urbani, al miglioramento della biodiversità e della qualità della vita.

Alle piantumazioni parteciperà attivamente anche il personale di Fastweb che potrà prendere parte alle giornate dedicate alla messa a dimora degli alberi. Le giornate di riforestazione saranno aperte anche ai figli dei dipendenti con l'obiettivo di coinvolgere anche i più piccoli e diffondere maggior consapevolezza al rispetto dell'ambiente anche nelle future generazioni.

Milano
Area Porto di Mare - Rogoredo
Area Porto di Mare - Rogoredo

L'area Porto di Mare, situata nella zona sud di Milano in un territorio urbanizzato, tra il confine della città e il quartiere Corvetto, ha una storia che l'ha vista adibita a discarica per rifiuti solidi urbani dal 1973 al 1981. L'area insiste quasi completamente nel perimetro del Parco Agricolo Sud Milano e conserva importanti elementi paesaggistici e peculiarità faunistiche di elevato valore naturalistico riconosciute e tutelate a livello regionale e nazionale. Da ottobre 2017 il Comune di Milano e l'associazione Italia Nostra, con il suo centro Forestazione Urbana, sono impegnati nei lavori di riqualificazione, che hanno l'obiettivo di recuperare l'area degradata e renderla fruibile dai residenti con la messa a dimora di nuovi alberi, il consolidamento dei percorsi ciclopedonali, il recupero delle zone dei laghetti e delle praterie e la ripulitura di almeno il 50% dell'area dai rifiuti accumulati negli anni.

Fastweb ha scelto quindi di contribuire alla riqualificazione di questo parco mettendo a dimora 1.000 alberi su una porzione di quest'area, che crescendo miglioreranno il paesaggio e creeranno delle zone d'ombra per poter rendere più fruibile il parco in estate.

Highlights
SUSTAINABILITY