ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.
  • cerca in
    #Tutto #News #Comunicati
News

Fastweb per Inspiring Girls: un progetto al femminile

News 14/01/2019
InspirinGirls è una campagna internazionale che ha l'obiettivo di creare nelle ragazze consapevolezza del proprio talento liberandole dagli stereotipi di genere che frenano la loro ambizione

Perché già a 6 anni i bambini classificano le attività come maschili e/o femminili? Perché le bambine di 13 anni limitano le loro aspirazioni professionali, in base al genere di appartenenza? Perché le donne si laureano principalmente in materie umanistiche?

Una risposta a queste domande la forniscono  alcune recenti ricerche* dalle quali risulta che il 57% degli insegnanti e il 51% dei genitori ammette di avere dei pregiudizi di genere inconsapevoli rispetto alle materie STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).

Se il contesto sociale è quindi, anche inconsapevolmente, soggetto a pregiudizi, le scelte delle bambine ne saranno condizionate.

Da queste considerazioni nasce il progetto InspirinGirls, una campagna internazionale che ha l'obiettivo di creare nelle ragazze consapevolezza del proprio talento liberandole dagli stereotipi di genere che frenano la loro ambizione.

Valore D è il partner italiano del progetto e anche noi in Fastweb partecipiamo a questa iniziativa, grazie al coinvolgimento diretto di alcune colleghe, che hanno portato la loro testimonianza nelle scuole di tutta Italia. Durante gli incontri, le "role model" hanno condiviso con i ragazzi delle medie il loro vissuto personale e professionale per dare l'ispirazione, la motivazione e l'esempio di cui gli studenti hanno bisogno per realizzare a pieno il proprio potenziale. Le nostre colleghe hanno già incontrato tanti studenti a Palermo, Bari, Roma, Napoli, Reggio Emilia, Chieti, Milano e i loro racconti confermano il grande valore del progetto non solo per i ragazzi, ma anche per loro stesse.

Ecco alcuni loro commenti:

Tiziana, Palermo:

Grazie a questa iniziativa ho avuto la possibilità di portare la mia esperienza di donna lavoratrice/madre, è stato molto costruttivo. E anche i ragazzi si sono ritrovati a raccontare i progetti per il futuro, le loro aspettative, ma anche le difficoltà. Che dire: ESPERIENZA SUPER!!! GRAZIE GRAZIE GRAZIE.

Roberta, Bari:

La cosa più importante, e di questo vi ringrazio immensamente, è l'effetto che questa esperienza ha sortito su di me. Una ragazzina mi ha detto: "Sono rimasta colpita dal fatto che quando sei entrata in classe eri in un modo e adesso ne sei uscita completamente diversa". Si è creata una magia.

Emanuela, Napoli:

Questa è una delle occasioni in cui senti di poter restituire ciò che hai avuto nella vita: offrire la propria testimonianza per contribuire ad un cambiamento culturale attraverso la formazione delle nuove generazioni è semplicemente .... WOW!

Marica, Napoli:

Ero emozionatissima, ma poi gli occhi di quei ragazzini mi hanno dato una carica pazzesca! È stato un bellissimo confronto, costruttivo e anche divertente!

Maura, Roma:

Martedì sono tornata a scuola...faticosissimo...come stare in riunione 3 giorni consecutivi...ma quanto mi sono divertita!!! Un'esperienza arricchente. Felice di aver partecipato!

Luciana, Chieti:

Portare una testimonianza di vita e di lavoro per stimolare il confronto sull'importanza di essere curiosi, affamati di sapere. E che emozione stare tra quei banchi, con la LIM, ma anche con le cartine geografiche ancora appese ai muri.

Antonia, Reggio Emilia:

Ho cercato di trasmettere l'energia della voglia di fare, il potere della curiosità e il desiderio di imparare ciò che ancora non si sa. Ho condiviso con loro l'importanza dell'errore quando è accompagnato dalla passione per ciò che si fa e il coraggio di non porre limiti ai propri sogni.

Francesca, Milano:

Emozionante rientrare in classe dopo così tanti anni per raccontare a queste giovani vite qualcosa di sé, di così stimolante da poter essere di ispirazione.

Laura, Milano:

L'emozione iniziale si è stemperata subito, con il caloroso saluto dei ragazzi. Tantissime domande, tanta curiosità, attenzione e partecipazione. L'ora è volata in un attimo ... davvero una bella esperienza, da ripetere!

Continueremo nei prossimi mesi il nostro viaggio nelle scuole d'Italia perchè anche questo è un modo per costruire un ponte concreto tra scuola e mondo del lavoro e per sostenere la parità di genere, incoraggiando le ragazze a seguire le loro aspirazioni, libere da stereotipi.


*Ricerche condotte da:
(1) Accenture Finds Girls' Take-up of STEM Subjects is Held Back by Stereotypes, Negative Perceptions and Poor Understanding of Career Options, Febbraio 2017
(2) GirlsGuiding, 2016
(3) Science_ Gennaio 2017