Bobby

Come funziona Bobby, l'app per gli abbonamenti

Da Spotify a Netflix, passando per Deezer, Dropbox e Amazon Prime, l'app consente di monitorare tutte le spese mensili online
Come funziona Bobby, l'app per gli abbonamenti FASTWEB S.p.A.

Spotify, Apple Music, Google Play Music o Deezer nel caso si voglia ascoltare musica su smartphone. Netflix, Chili TV, Infinity e Now TV per vedere film in streaming. Dropbox, Google Drive, Microsoft OneDrive e iCloud per salvare i file sulla nuvola e averli sempre a disposizione. Man mano che la Rete continua a diventare una parte più importante della nostra vita, iniziamo ad accumulare abbonamenti e sottoscrizioni a servizi web di ogni tipo: dai citati servizi di streaming audio e video al cloud storage, passando per gli abbonamenti per PlayStation e Xbox o lo stesso piano tariffario per cellulare.

Se presi singolarmente i servizi in questione possono apparire economici, è quando si somma il costo Dropbox al costo Spotify con il costo Twitch e il costo PlayStation Plus che i conti, più o meno, iniziano a non tornare. Per evitare di doversi mettere carta, penna e calcolatrice alla mano per tenere conto di tutti gli abbonamenti e i relativi costi si può ricorrere a Bobby, app per soli sistemi iOS nata per mettere ordine nei nostri abbonamenti e, soprattutto, nei nostri costi mensili.

 

Bobby

 

Che cos'è Bobby

Applicazione gratuita per iPhone sviluppata dal programmatore olandese Jeffrey de Groot, Bobby permette agli utenti di tenere traccia dei propri abbonamenti in un'unica schermata. Grazie alle impostazioni predefinite e alle possibilità di personalizzazione, l'utente può inserire una voce per ogni singolo servizio web cui è iscritto e ricevere una notifica quando la bolletta sta per essere emessa. Non solo: personalizzando l'elenco degli abbonamenti, si possono inserire anche costi mensili sostenuti al di fuori del web (l'affitto di casa, ad esempio, o la rata del mutuo) e avere un'idea più chiara delle spese sostenute mese dopo mese.

Come funziona Bobby

L'app fa della semplicità e della facilità di utilizzo i suoi cavalli di battaglia. Basteranno tre tocchi per aggiungere un nuovo abbonamento a un servizio web e avere così un'idea più chiara di quali siano le spese personali.

Una volta scaricato Bobby dall'App Store e installata l'app sul proprio dispositivo della mela morsicata, ci si ritroverà con una schermata completamente bianca (o quasi): per aggiungere un nuovo abbonamento si dovrà premere sul pulsante "+" in alto a destra e attendere che compaia la lista dei servizi web da aggiungere al proprio portafogli personale. La nuova schermata è divisa in due schede: la prima, selezionata di default, include gli abbonamenti più celebri, mentre nella seconda l'utente può trovare tutti i servizi attualmente "convenzionati" con Bobby. Nella parte inferiore della schermata, invece, trova spazio il pulsante "Create custom subscription", per aggiungere manualmente servizi eventualmente non presenti nella lista.

 

Come funziona Bobby

 

Individuato il servizio (in caso, è possibile anche fare una ricerca con l'apposito strumento), lo si seleziona e si procede con la creazione della scheda. Nel box in alto, subito sotto il logo del servizio, si inserisce l'ammontare dell'abbonamento mensile, mentre nella parte inferiore si troveranno alcune impostazioni (se il pagamento è a base mensile, base quadrimestrale o trimestrale, un campo per la descrizione e la possibilità di modificare il nome del servizio) più il pulsante per accedere alle Impostazioni avanzate. Qui l'utente potrà inserire la data d'inizio dell'abbonamento e inserire un promemoria che consentirà di ricevere una notifica push pochi giorni prima che l'abbonamento scada.

 

Come funziona Bobby

 

Nel caso in cui il servizio non sia presente nella lista è possibile, come detto, aggiungerne di nuovi manualmente. Si preme sul pulsante "Create custom subscription", si inserisce il nome e si passa alla fase successiva. Qui sarà possibile inserire il costo abbonamento mensile, aggiungere un'icona personalizzata e un colore di fondo, per distinguere il nuovo servizio da quelli già esistenti. Per il resto, la procedura ricalca quella già vista in precedenza: l'utente può inserire la data di inizio dell'abbonamento, la cadenza di pagamento e creare un reminder.

 

Come funziona Bobby

 

Inseriti i vari abbonamenti, la schermata iniziale dell'app (quella completamente bianca, per intendersi), inizierà a riempirsi di schede di colore diverso. Ciò permetterà di distinguere tra tutte le sottoscrizioni, consultare il costo mensile e i giorni mancanti al pagamento e, nella parte bassa, il totale mensile da pagare.

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail