ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.
  • cerca in
    #Tutto #News #Comunicati
Comunicati

#Restoacasaaprogrammare, Bambini e ragazzi a scuola di programmazione con Corriere della Sera e Fastweb

Comunicati 01/04/2020
Al via da domani la serie di quattro video lezioni per bambini e ragazzi

iniziativa #restoacasaaprogrammare

Fastweb e la redazione Tecnologia del Corriere della Sera presentano #Restoacasaaprogrammare, il  percorso in quattro video lezioni gratuite dedicate a bambini e ragazzi dai 7 ai 13 anni, e ai loro genitori, per muovere i primi passi nella programmazione e creare insieme un videogioco. A partire da domani, 2 aprile e per le successive tre settimane, con appuntamento fisso ogni giovedì, le mascotte Richi e Susi accompagneranno i bambini, costretti a rimanere in casa per l'emergenza Coronavirus, alla scoperta dell'informatica attraverso una serie di quattro video pillole che saranno disponibili in streaming dal sito del Corriere.it.

Nell'arco di un mese bambini e ragazzi impareranno, divertendosi, a creare  un videogioco completo attraverso Scratch, il software di coding "a oggetti" creato dall'Mit per i più piccoli. Ogni settimana sarà disponibile un nuovo video di breve durata e del materiale testuale da scaricare, con la possibilità di ripassare in ogni momento i tutorial delle puntate precedenti. Alla fine delle quattro settimane i ragazzi saranno così in grado di costruire il loro videogioco completo di tutte le funzionalità in un percorso pedagogico che si sviluppa nell'ambito della nuova modalità di didattica a distanza che bambini e ragazzi stanno vivendo in questo periodo.

Grazie all'iniziativa con Il Corriere della Sera, Fastweb, che da anni lavora per la promozione e la diffusione delle competenze digitali, vuole stimolare i bambini e i ragazzi che sono costretti a rimanere a casa offrendo un momento di condivisione e di apprendimento, insieme ai propri genitori, nell'ambito della programmazione e dei nuovi linguaggi che sempre di più saranno protagonisti in futuro, in maniera semplice e divertente.