login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Android 15, cosa aspettarsi dal nuovo sistema operativo di Google

Ascolta l'articolo

Android 15, Google è al lavoro a molte novità in arrivo col nuovo software, specialmente in materia di interazione tra hardware e software, sul modello di iOS

Android 15 pcperle/Shutterstock

Pochi giorni fa, Google ha presentato ufficialmente la prima beta di Android 15, la prossima versione del sistema operativo mobile destinata ad arrivare sul mercato nella seconda metà del 2024.

Naturalmente si tratta solo di una primissima release che mostra solo alcune delle novità che Big G sta portando a bordo del suo software e che, con buone possibilità, già dai prossimi mesi saranno affiancate da altrettante funzioni in fase di sviluppo.

Da un primo sguardo, però, sembra che il colosso di Mountain View abbia intenzione di lavorare molto di più sull’integrazione tra hardware e sistema operativo, con Android 15 che, prendendo a modello iOS di Apple, potrebbe lavorare a strettissimo contatto con i Pixel.

Android 15, le principali novità

Buona parte degli aggiornamenti disponibili riguardano il Dynamic Performance Framework di Android che, in poche parole, aiuta lo smartphone a gestire il rapporto tra le app (soprattutto quelle ad alto consumo energetico) e il sistema di alimentazione dei vari device.

A un primo sguardo, queste novità hanno il compito di aiutare il dispositivo a rispondere meglio alle “richieste” dei software verso la GPU, CPU e i sistemi per la dissipazione del calore, garantendo una migliore efficienza energetica, anche per le attività di sistema sempre attive in background.

Una novità che, a livello visivo, non comporta nulla per gli utenti che in molti casi nemmeno si rendono conto dei complessi processi in esecuzione sul proprio device ma che, in realtà, è fondamentale per migliorare le prestazioni generali.

Gli altri aggiornamenti riguardano la privacy e la sicurezza informatica, con i device che otterranno nuovi sistemi di difesa contro le minacce informatiche e nuove modalità per la pubblicità mirata tramite Privacy Sandbox.

Con Android 15 arriva anche la funzionalità per la registrazione parziale dello schermo, già introdotta con una delle beta di Android 14, che consente di registrare solo il contenuto di un'applicazione in esecuzione anziché l'intero schermo.

L’ultima novità riguarda un miglioramento nell’utilizzo della fotocamera con le app di terze parti, dalle poche informazioni pare che ci sarà una modalità per migliorare gli scatti in condizioni di scarsa illuminazione e probabilmente nuove modalità di elaborazione dell’immagine per foto ancora migliori.

Interessante sottolineare come, per il momento, non siano menzionate le attività legate all’intelligenza artificiale che, molto probabilmente, troveranno posto nelle prossime release.

Quando arriva Android 15

Stando alle prime informazioni Google ha intenzione di rilasciare le beta pubbliche di Android 15 tra marzo e aprile, anche se per il momento non sono ancora disponibili maggiori informazioni al riguardo.

Con buone possibilità, comunque, la prima parte del 2024 servirà da “rodaggio” per la nuova versione del sistema operativo, consentendo ai possessori di Google Pixel di provare le funzionalità in arrivo e fornire all’azienda dei feedback al riguardo.

L’ultima release di Android 15, perciò, potrebbe arrivare solo a settembre o ottobre di quest’anno quando sarà presentato il (probabile) Google Pixel 9 e Big G inizierà gradualmente la distribuzione del software su tutti i device compatibili.

Per saperne di più: Android, caratteristiche del sistema operativo

A cura di Cultur-e
Prompt engineering
Immagine principale del blocco
Prompt engineering
Fda gratis svg
Come interrogare le intelligenze artificiali
Iscriviti al corso gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.