Fastweb

Come pagare con lo smartphone

App hanno ritardato aggiornamento Android per conservare dati utenti Smartphone & Gadget #app #android App hanno ritardato aggiornamento Android per conservare dati utenti Alcune app per Android ritardarono l'aggiornamento al sistema operativo Marshmallow per poter continuare a raccogliere, conservare e rivendere i dati degli utenti
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Come pagare con lo smartphone FASTWEB S.p.A.
pagare con lo smartphone
Smartphone & Gadget
Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay sono solamente alcuni delle applicazioni da poter utilizzare per poter pagare con lo smartphone gli acquisti in negozio

Pagare con lo smartphone non è più un'azione impossibile da fare in Italia. Sono oramai decine i servizi che permettono di utilizzare il proprio device con tecnologia NFC (Near Field Comunication) per effettuare pagamenti nei negozi senza dover utilizzare il contante o le carte di credito. Una vera e propria rivoluzione che ha investito il mondo del commercio negli ultimi anni. Una delle prime aziende a lanciare questa tecnologia è stata Google nel 2011 con l'applicazione Google Wallet. Iniziativa che però ha avuto vita breve e che è stata sostituita da Android Pay, applicazione che utilizza sempre la tecnologia NFC per abilitare i pagamenti contactless con gli smartphone. Sostituito a sua volta da Google Pay, arrivato in Italia a fine ottobre 2018.

Il servizio ha cominciato a diffondersi con il lancio di Apple Pay e dell'iPhone 6, il primo melafonino con tecnologia NFC. Grazie alla piattaforma realizzata dall'azienda di Cupertino, il numero di negozi e di istituti di crediti che supportano i pagamenti contactless sono aumentati a dismisura. Apple Pay è anche disponibile in Italia dal 17 maggio 2017.

Ma come funziona il pagamento contactless tramite lo smartphone? Molto semplice. Basta scaricare l'applicazione che si vuole utilizzare, ad esempio Apple Pay o Satispay (in Italia Android Pay ancora non è attivo), registrare all'interno del wallet (una sorta di portafoglio digitale) le proprie carte di credito, attivare la tecnologia NFC nello smartphone (lo si può fare tranquillamente entrando all'interno delle Impostazioni) e infine avvicinare il device al POS ed effettuare il pagamento. Per poter funzionare il POS deve integrare la tecnologia NFC. Ecco le migliori applicazioni per pagare con lo smartphone.

Come funziona Apple Pay

apple pay

Lanciato nel settembre 2014, Apple Pay è il sistema di pagamenti contactless sviluppato dalla casa di Cupertino per i suoi dispositivi mobili (non solo iPhone e iPad, ma rende possibili anche i pagamenti contactless con Apple Watch). Disponibile dall'iPhone 6 in poi, Apple Pay sfrutta il Wallet della casa di Cupertino (una sorta di portafogli virtuale dove poter conservare i dati della carta di credito, buoni sconto, biglietti e altre carte fedeltà) e la tecnologia NFC (per mettere in contatto lo smartphone con i POS compatibili) così da garantire pagamenti contactless sicuri e veloci. Come pagare con Apple Pay in Italia? Niente di più semplice: al momento del pagamento, si avvicina l'iPhone al POS e si attende che Apple Pay carichi le carte di credito presenti all'interno del Wallet. A questo punto l'utente sceglie la carta contactless sulla quale accreditare il conto e sfrutta il sensore Touch ID per autorizzare la transazione. Nell'iPhone X al posto del Touch ID l'utente dovrà utilizzare il Face ID. In Italia Apple Pay è disponibile dal 17 maggio 2017 e per il momento supporta le carte di debito e di credito di Unicredit, Unicredit, Mediolanum, Fineco, BCC, Carrefour Banca e Boon, ma il servizio dovrà essere esteso molto presto anche ad altre banche.

Boon

Boon è uno dei servizi supportati da Apple Pay e permette di ovviare al problema degli istituti di credito che non hanno sottoscritto una convenzione con il servizio dell'azienda di Cupertino. Boon offre la possibilità di creare un carta di credito virtuale che può essere ricaricata attraverso il proprio conto corrente: in questo modo anche se non siamo clienti Unicredit potremo utilizzare Apple Pay per i nostri pagamenti con lo smartphone.

Google Pay

Google Pay è la risposta dell'azienda di Mountain View ad Apple Pay e va a sostituire il vecchio Android Pay. Il servizio è sbarcato ufficialmente in Italia nell'ottobre del 2018 ed è disponibile su tutti gli smartphone Android.  Google Pay funziona come un qualsiasi portafoglio digitale: l'utente può registrare sul proprio wallet le carte di credito e utilizzarle per fare acquisti online oppure per pagare negli esercizi commerciali che supportano il pagamento contactless grazie alla tecnologia NFC.

Il funzionamento di Google Pay è molto semplice. Basta lanciare l'applicazione (disponibile gratuitamente su Google Play Store e App Store) e collegare al proprio wallet una carta di credito, debito o una prepagata (Maestro, MasterCard e Visa) emessa da una delle banche che supportano il servizio (Banca Mediolanum, Boon, HYPE, Nexi, N26, Revolut, Widiba, Iccrea Banca, Poste Italiane, BPER Banca, Banco di Sardegna, Cassa di Risparmio di Bra, Cassa di Risparmio di Saluzzo, Banca Popolare dell'Alto Adige e Bunq). Per aggiungere una carta di credito è possibile scattare un'immagine oppure inserire manualmente i dati.

Come funziona Samsung Pay

Con il Galaxy S6, Samsung ha introdotto nella nativa Sud Corea (ma via via "esportato" anche nel resto del mondo) il sistema di pagamento contactless Samsung Pay. Dal punto di vista tecnologico, Samsung Pay sfrutta le stesse tecnologie già viste all'opera con Apple Pay e Android Pay: chip NFC per le comunicazioni, portafogli virtuale per salvare i dati della carta di credito e autorizzazione con riconoscimento biometrico. Per sviluppare il "suo" contactless, Samsung ha acquistato la startup LoopPay, così da rafforzare il suo team di sviluppo interno e poter sfruttare le tecnologie già realizzate. Come pagare con Samsung Pay? Dopo aver effettuato la configurazione del dispositivo e della carta di credito, sarà sufficiente avvicinare lo smartphone al POS, effettuare la scansione dell'impronta e attendere qualche secondo. Secondo alcuni rumors, l'azienda sudcoreana dovrebbe portare al più presto il servizio anche in Italia: la data è fissata entro la fine del 2017.

Come funziona Satispay

Servizio sviluppato in Italia e che sta riscuotendo un successo sempre maggiore, Satispay permette di effettuare pagamenti con lo smartphone anche senza avere la tecnologia NFC: basta essere iscritto al servizio e avere un account funzionante. Vediamo come funziona Satispay. Il primo passaggio da fare è scaricare e installare l'applicazione dallo store online. Successivamente bisognerà iscriversi al servizio e collegare il proprio conto corrente attraverso l'IBAN. A questo punto si dovrà impostare la somma da trasferire sul conto Satispay e che verrà utilizzata per effettuare pagamenti con lo smartphone o per inviare soldi ai propri amici. Tutto avviene gratuitamente senza dover pagare nessuna "tassa" per il trasferimento (ad eccezione di alcuni istituti di credito che addebitano una piccola somma per trasferire i soldi dal conto corrente a Satispay).

Per poter effettuare il pagamento presso i negozi è necessario che il commerciante abbia un account attivo su Satispay (al momento sono circa 18mila gli esercenti che supportano l'applicazione). Anche per inviare delle piccole cifre ai nostri amici, è obbligatorio che abbiano un account sulla piattaforma.

Come pagare con lo smartphone con Jiffy

Altro servizio rivoluzionario che permette di effettuare pagamenti con lo smartphone è Jiffy. Si tratta di un'applicazione con cui è possibile fare pagamenti e trasferimenti di denaro utilizzando semplicemente il telefonino. L'addebito avviene direttamente sul proprio conto corrente e non sarà necessario tirar fuori la carta di credito. Ma come funziona Jiffy? Molto semplice: quando si dovrà effettuare un pagamento in un negozio, l'applicazione genererà un codice QR Code che il commerciante dovrà scansionare con il proprio smartphone.

Vodafone Pay

Anche Vodafone ha lanciato la sua applicazione per i pagamenti contactless. Si tratta di Vodafone Pay e non ha nessuna limitazione per quanto riguarda gli istituti di credito supportati. Il servizio funziona attraverso PayPal: per effettuare i pagamenti al negozio vengono scalati i soldi dal conto PayPal che è collegato direttamente al proprio conto corrente. In questo modo non bisognerà salvare all'interno dell'applicazione i dati della carta di credito, ma solamente quelli del conto PayPal.

 

14 marzo 2019

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #nfc #contactless #smartphone #app #apple pay #android pay

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.