L’idea di metaverso può avere un impatto importante anche sul turismo.

Generalmente, quando si pensa a questo settore, ci si riferisce a tutte quelle attività legate agli spostamenti per brevi periodi, lontani dal luogo in cui si vive.

L’indotto include i trasporti, i servizi, l’intrattenimento e le strutture ricettive; tutte attività che possono essere simulate digitalmente e che rappresentano nuove prospettive di sviluppo per i lavori del futuro. Tra questi, naturalmente, quello delle guide turistiche.

Turismo e metaverso sono già oggi una delle prospettive più interessanti dei prossimi anni;andiamo a vedere come si svilupperà in futuro.

Turismo e metaverso: la risposta della tecnologia all’emergenza sanitaria

Guide turistiche ed emergenza sanitaria

Shutterstock

Le prime e sostanziali innovazioni nell’industria del turismo sono avvenute proprio durante l’emergenza da Covid-19.

In quei mesi di chiusura e di distanziamento, la tecnologia ha contribuito in modo sostanziale a ridisegnare molte delle attività che, prima, venivano svolte di persona.

Poter visitare città, musei e posti lontani, ma restando saldamente al sicuro in casa è sembrata, inizialmente, una situazione paradossale; per molti una “costrizione” che ha lacerato il senso stesso del turismo.

L’emergenza sanitaria ha dimostrato le infinite possibilità della tecnologia e di come possa cambiare in meglio la vita delle persone.

Tuttavia, nei mesi successivi, la percezione dei consumatori al riguardo è cambiata e, grazie alla realtà virtuale e alla realtà aumentata, in molti hanno scoperto modalità di intrattenimento inedite fino a quel momento.

La rappresentazione virtuale di tutte quelle meraviglie che prima venivano osservate dal vivo è stata, man mano, accettata di buon grado; probabilmente non soppianterà mai gli spostamenti fisici, ma per molti ha rappresentato (e rappresenterà) un’ottima soluzione per sfuggire all’isolamento e alla solitudine.

Benefici del turismo nel metaverso

metaverso, persona con visore

Shutterstock

Restando saldamente legati all’idea classica di turismo è innegabile che la nuova accezione del termine possa avere evidenti benefici.

Anzitutto, in termini ambientali, si parla di attività molto più sostenibili che non richiedono spostamente fisici e dunque molto meno inquinanti.

Turismo e metaverso, una rivoluzione che oltre agli evidenti benefici economici rappresenterà un modo democratico e inclusivo di pensare l’intrattenimento

Oltretutto essere presenti in digitale in un dato posto è molto meno impattante che esserci di persona.

É un modo per preservare luoghi e opere che sarebbero comunque fruibili al pubblico ma senza lo stress che dovrebbero sopportare se “circondate” da mandrie di persone ogni giorno.

L’idea di turismo nel metaverso ha un grande impatto anche a livello sociale; si pensi a chi, per motivi economici o di salute, non può muoversi fisicamente da un posto all’altro; poter fruire di tali modalità di intrattenimento, sfruttando la potenza del web 3.0 è, forse, la soluzione più democratica per rendere la realtà davvero alla portata di tutti.

Turismo, lavoro e tecnologia: le opportunità del digitale

metaverso

Shutterstock

Il discorso più importante dell’espansione del turismo nel metaverso è legato alle nuove opportunità di business che nasceranno da questa unione.

La prima e più evidente innovazione riguarda la creazione delle attrazioni, con lo sviluppo di tour e attività iperrealistiche sempre più immersive.

Centrale, in questo senso, il ruolo del designer che dovrà realizzare fisicamente le attività cercando di renderle quanto più concrete possibile e, ovviamente, fruibili nel migliore dei modi.

É un discorso molto più articolato del “semplice” guardare; diventa un’esperienza (quasi) fisica, che permette agli utenti di vivere in prima persona il mondo, proprio come accade nel turismo classico. Per questo motivo, il lavoro del VR Designer dovrà rendere il metaverso tangibile, interattivo e pienamente rispettoso delle regole e dei vincoli della fisica reale.

Il metaverso potrebbe essere la massima espressione della creatività e rappresentare il prossimo punto di svolta nell’evoluzione delle potenzialità umane

Vedranno la luce anche altre professioni legate alla tecnologia e all’innovazione; una fra tutte quella del creatore di avatar, che avrà il compito di modellare gli utenti che popoleranno il metaverso. Una professione complessa e che richiede moltissimo lavoro per rendere questo mondo digitale vario e, come accade in quello reale, popolato da “creature” uniche.

Altro discorso importante riguarda l’organizzazione e la gestione delle strutture ricettive e degli eventi nel metaverso. Qui giocheranno un ruolo fondamentale tutte quelle figure che si occuperanno di strutturare questo turismo 2.0, quindi, gli albergatori digitali, le guide turistiche e i fornitori di servizi.

Si parla di processi molto più veloci rispetto all’allestimento e alla cura di luoghi e attività nel mondo reale; ma comunque impegnativi, che richiedono la presenza di professionisti del settore competenti e preparati.

Anche l’intrattenimento è centrale in questo contesto, arrivando a fondere perfettamente l’idea del gioco alla vita reale.

Nel metaverso la gamification è una prospettiva fondamentale che può essere sfruttata anche per fini commerciali ed è in grado di ripensare completamente il modo di fruire la realtà e le attività ricreative.

Prospettive di sviluppo future

Metaverso

Shutterstock

Secondo Gartner entro il 2026, almeno il 25% degli utenti “vivrà” per almeno 1 ora al giorno nel metaverso.

Numeri importanti che, già da oggi, mostrano le infinite possibilità (soprattutto economiche) che deriveranno dall’intuizione di Mark Zuckerberg.

E se da un lato il fattore economico sarà determinante dall’altra è anche vero che il metaverso rappresenterà una reale possibilità per abbattere i limiti spaziali, temporali e sociali che ancora affliggono il genere umano.

Un modo per rendere la realtà interattiva e (forse) al servizio dell’utente che, mai come prima, avrà il pieno controllo di ciò che gli accade e di ciò che lo circonda.

Un’idea democratica, libera, innovativa e accessibile a tutti e che potrebbe dare vita a un nuovo modo di percepire il mondo e le sue infinite possibilità.

Per saperne di più: Quali sono i lavori del futuro che richiedono competenze tecnologiche e di sicurezza

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb