Il metaverso sta catturando l’attenzione di tantissime realtà diverse. Le esperienze altamente immersive di ultima generazione sembrano perfette per impostare operazioni di marketing e digital marketing. Allo stesso modo, il metaverso offre potenzialità decisamente interessanti anche in termini di e-commerce e shopping online

Per avere un’idea più concreta si può partire dai numeri: secondo esperti del settore, il metaverso entro il 2030 raggiungerà un valore di oltre 800 miliardi di dollari.

Si stima che tra meno di 10 anni gli utenti che vivranno nel metaverso saranno almeno 350 milioni in oltre 43 mondi virtuali differenti. 

Questi dati aiutano a capire come mai tantissimi brand si stiano attrezzando per creare nuovi prodotti o servizi digitali. Per non parlare di tutte le realtà già attive nel metaverso, come ad esempio Nike o Gucci. 

Restando in tema esperienze virtuali immersive, Nike ha recentemente attirato più di 5 milioni di utenti dentro “Nikeland”: uno spazio realizzato all’interno di Roblox. Lo stesso universo in cui Gucci ha proposto una “Garden Experience” brandizzata, che ha portato alla vendita di una borsa digitale per oltre 4.000 dollari. 

Come funzionerà lo shopping nel metaverso

Il primo traguardo raggiunto dagli e-commerce nel metaverso sarà la possibilità di vivere uno shopping coinvolgente come non mai. Gli utenti utilizzeranno i propri avatar per visitare negozi virtuali e provare la merce disponibile, ma anche per entrare in contatto con altre persone provenienti da tutto il mondo. 

Piuttosto che di e-commerce, si potrebbe iniziare a parlare di iCommerce: un commercio immersivo, che unisce la dimensione relazionale a quella della pura e semplice compravendita. 

Il contesto innovativo, quasi futuristico, dello shopping nel metaverso sembra semplicemente perfetto per realizzare campagne di marketing ad hoc. Soprattutto per riuscire a intercettare i clienti più giovani: dai Millennial alla Generazione Z.

In tal senso va anche considerato che i brand e i negozianti andranno via via sviluppando delle nuove regole di comunicazione e di vendita. Linguaggi adatti alla tecnologia corrente e alla sua specifica utenza. 

La sfida dunque non consisterà nella semplice digitalizzazione dei negozi fisici. Piuttosto gli store dovranno cambiare nuovamente forma, adattandosi alle leggi del metaverso e della sua popolazione. 

Metaverso e e-commerce tradizionali

Coloro che percepiscono il metaverso come una minaccia agli e-commerce tradizionali non si devono preoccupare. La possibilità di dare ulteriore risonanza a un prodotto o servizio non farà altro che migliorare le performance dei negozi preesistenti. 

Ciò vuol dire che sia il retail online che quello offline potrebbero beneficiare da strategie di marketing e, più in generale, operazioni ad hoc sviluppate per il metaverso. Soluzioni che permetteranno ai marchi di aumentare il proprio pubblico e di accrescere la propria brand awareness.

Per saperne di più: Tutto sul metaverso

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb