login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Il tool AI di Google che scrive news per i giornalisti

Ascolta l'articolo

Sebbene i vantaggi della produzione di notizie siano allettanti, è imperativo trattare l'integrazione dell'AI nel giornalismo con cautela e responsabilità

Intelligenza artificiale Shutterstock

Google si spinge ancora una volta oltre i confini dell'innovazione introducendo "Genesis", uno strumento di intelligenza artificiale progettato per rivoluzionare il settore delle notizie. Mentre il gigante della ricerca immagina questo strumento come alleato di un giornalista, ha già suscitato non poche preoccupazioni sia tra i dirigenti dei media che tra i giornalisti.

La promessa di Google: un assistente personale per i giornalisti

Genesis. Questo è il nome dell'ultimo esperimento di Google nel campo dell'intelligenza artificiale generativa. La piattaforma vanta la capacità di assorbire grandi quantità di informazioni e generare autonomamente contenuti di notizie. Automatizzando determinate attività, Genesis mira a liberare tempo prezioso per i giornalisti, consentendo di concentrarsi su aspetti più complessi del loro mestiere.

Ma al di là dei guadagni in efficienza, l'azienda vede Genesis come un'innovazione tecnologica responsabile che potrebbe allontanare l'industria editoriale dalle insidie dell'AI generativa. Offrendo ai giornalisti un sofisticato assistente personale, Google spera di migliorare la produzione di notizie pur mantenendo il ruolo essenziale dei giornalisti umani nel riportare, creare e verificare i loro articoli.

Aspetti positivi e negativi delle notizie generate dall’AI

Nonostante le ambiziose aspirazioni di Google, alcuni dirigenti che hanno assistito alla presentazione di Genesis hanno trovato la tecnologia inquietante. Una delle preoccupazioni principali ruota attorno alla potenziale svalutazione dello sforzo scrupoloso che serve per produrre notizie accurate e ben congegnate. I giornalisti sono sempre stati il fondamento di un reportage credibile e, se l'intelligenza artificiale venisse utilizzata in modo improprio, potrebbe mettere a repentaglio non solo la credibilità dello strumento, ma anche quella delle testate giornalistiche che lo adottano.

Jeff Jarvis, un eminente professore di giornalismo e commentatore dei media, sottolinea che l'impatto di Genesis dipende da un uso responsabile. Se rimane uno strumento per fornire informazioni fattuali in modo affidabile, i giornalisti possono beneficiare in modo significativo delle sue capacità. Tuttavia, se applicato erroneamente su argomenti sfumati che richiedono comprensione culturale, potrebbe inavvertitamente danneggiare la reputazione dei media che lo utilizzano.

L'equilibrio tra intelligenza artificiale e giornalismo tradizionale

Le organizzazioni giornalistiche di tutto il mondo sono alle prese con la prospettiva di incorporare strumenti di AI nelle redazioni. The Times, NPR e Insider intendono esplorare come potrebbe essere applicata responsabilmente al regno delle notizie ad alto rischio, dove i secondi contano e l'accuratezza è fondamentale.

Altre come l'Associated Press, si sono già dilettate con l'AI per generare determinati articoli, come rapporti sugli utili aziendali, ma rimangono una piccola frazione rispetto dei giornalisti in carne ed ossa. 

Se finora l'industria è stata cauta nel suo approccio, l'introduzione di Genesis apre nuove possibilità, consentendo la generazione di articoli su più ampia scala. Tuttavia, la sfida principale consiste nel mantenere rigorosi standard editoriali per prevenire la diffusione della disinformazione e preservare l'integrità del giornalismo tradizionale.

Il dilemma etico sulla formazione dell'AI

Sebbene Google sia stata pioniera nella cura delle informazioni e nell'indirizzare gli utenti ai siti Web degli editori, è stato più volte dimostrato che il suo chatbot AI Bard è incline a presentare inesattezze fattuali e aggirare fonti di notizie autorevoli. Trovare un equilibrio tra innovazione e accuratezza rimane una lotta costante, soprattutto a causa delle crescenti pressioni per condividere le entratepubblicitarie con le testate giornalistiche.

Uno dei problemi etici che circondano le iniziative AI di Google è l'uso di decenni di articoli e post di testate giornalistiche per addestrare i propri sistemi senza offrire compensi. I principali organi di stampa, tra cui NBC News e The New York Times, si sono opposti con veemenza a questo sfruttamento dei dati. Mentre l'AI continua ad evolversi, è fondamentale affrontare queste preoccupazioni e collaborare con gli editori per promuovere un ecosistema etico e sostenibile.

Per saperne di più: Intelligenza Artificiale: cos'è e cosa può fare per noi

A cura di Cultur-e
Sai che Fastweb Plus è anche su Instagram?
Instagram
Sai che Fastweb Plus è anche su Instagram?
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.