login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Come eseguire ChatGPT in locale

Ascolta l'articolo

Tutti i passaggi da seguire per il lancio di ChatGPT in locale: dall’installazione del linguaggio di programmazione Python al setup delle API e le libraries necessarie

Chat GPT Shutterstock

Eseguire ChatGPT in locale è assolutamente possibile e, da un certo punto di vista, è relativamente semplice. L’esecuzione prevede soltanto tre passaggi e in tutti i casi è possibile appoggiarsi a manuali procedurali passo dopo passo. 

Al tempo stesso è sicuramente consigliabile sviluppare competenze informatiche e di programmazione. Anche perché per concludere l’operazione è necessario utilizzare il linguaggio Python e le cosiddette API di ChatGPT

Una volta installati entrambi gli elementi sul proprio dispositivo, è sufficiente configurare le chiavi API e scaricare le singole librerie di dati richieste dal tool di intelligenza artificiale generativa. 

A questo punto è possibile eseguire ChatGPT in locale, godendo di tutte le sue possibilità. A partire dalla realizzazione di contenuti inediti. Fino ad arrivare alle simulazioni di conversazione sugli argomenti più disparati. 

  • 1. Installare Python sul proprio dispositivo
    Python

    Shutterstock

    La prima cosa da fare per poter utilizzare ChatGPT in locale è installare Python. Python è un linguaggio di programmazione che rientra nella categoria object-oriented.

    Esistono diversi paradigmi di programmazione e uno di questi è proprio la programmazione orientata agli oggetti: tipica di Python, ma anche di Java, Ruby, C++ e altri linguaggi.

    Tra gli altri paradigmi più diffusi è possibile citare per lo meno la programmazione procedurale tipica di linguaggi come COBOL e Fortran. La programmazione strutturata tipica di linguaggi come C e Pascal, o la programmazione logica, che spesso si lega al mondo dell’intelligenza artificiale. 

    Dal punto di vista tecnico Python viene spesso considerato non troppo diverso da uno pseudocodice: ovvero un linguaggio di progettazione che rappresenta algoritmi. E che non è soggetto alle limitazioni tipiche dei linguaggi che rappresentano diagrammi di flusso. 

    Utilizzare gli script di Python permette di automatizzare molteplici attività: a partire dalla semplice esecuzione di un comando su più file contemporaneamente. Fino ad arrivare ad attività complesse, che prevedono più passaggi. 

    Per fare qualche esempio più concreto, Python permette di eseguire operazioni matematiche. Così come permette di intervenire su testi scritti: magari individuando e cancellando eventuali errori o parole duplicate. 

    Allo stesso modo Python può venire utilizzato per sviluppare programmi o funzionalità. Così come può essere utilizzato per testare software già sviluppati, individuando bug e applicando soluzioni. 

    L’installazione di Python è molto semplice e prevede pochi passaggi guidati. La prima cosa da fare è visitare il sito ufficiale www.python.org, per poi scaricare la versione più recente del linguaggio di programmazione. 

    Dopodiché non resta che seguire le istruzioni, per procedere all’installazione vera e propria. Tenendo conto che i singoli passaggi potrebbero variare leggermente, in base al sistema operativo in uso

  • 2. Installare il client API di OpenAI
    Api di openai

    Shutterstock

    Una volta installato Python è necessario installare il client API di OpenAI: la società e il laboratorio di ricerca artefici della realizzazione di tool di intelligenza artificiale generativa come ChatGPT e DALL-E

    L’acronimo API sta per Application Programming Interface. In informatica le interfacce di programmazione delle applicazioni che permettono di integrare diversi software su diversi dispositivi

    In altre parole le API rendono possibile la comunicazione tra servizi, programmi e prodotti differenti. È possibile distinguere tra client API e server API in base alla specifica procedura in atto. 

    L’applicazione o il servizio client è quella che effettua l’accesso. Mentre l’applicazione o il servizio server è quello che effettivamente contiene la risorsa a cui si accede. 

    Le API sono soluzioni collaborative che permettono a team e professionisti diversi di lavorare insieme. Non sorprende dunque che OpenAI faccia uso delle API. 

    Bisogna infatti ricordare che OpenAI è formalmente una società no-profit. E che si pone un obiettivo dichiarato ben preciso: collaborare liberamente con terze parti. Ragion per cui i brevetti e le ricerche OpenAI sono tendenzialmente di dominio pubblico. 

    Il modo più semplice per avvicinarsi al download e l’installazione dell’API ChatGPT di OpenAI consiste nel visitare un’area dedicata del sito ufficiale della società. 

    OpenAI fornisce molte informazioni per utilizzare le sue API: a partire dall’assistenza per la creazione di un account. Fino ad arrivare a indicazioni specifiche in base al linguaggio di programmazione scelto dall’utente. 

    In questo caso è bene seguire le istruzioni di setup con Python. Ma in alternativa è anche possibile scegliere tra altri linguaggi e strumenti: come ad esempio curl e Node.js.

  • 3. Utilizzare ChatGPT in locale
    Chat GPT

    Shutterstock

    Una volta installati il linguaggio di programmazione Python e le API ChatGPT è finalmente possibile passare alla fase finale: l’esecuzione di ChatGPT in locale

    OpenAI suggerisce innanzitutto di creare unambiente virtuale su Python, ma questo passaggio non è obbligatorio. Dopodiché bisogna installare la libreria di API OpenAI dedicata proprio a Python. Per farlo bisogna lanciare il seguente comando: pip install – upgrade openai

    A questo punto bisogna installare le diverse librerierichieste da ChatGPT: ad esempio request, numpy e tqdm. Anche in questo caso l’elenco è consultabile sul portale di OpenAI e il comando da eseguire su Python è molto semplice: pip instal “nome della library”

    Il setup delle chiavi API ChatGPT potrebbe seguire passaggi differenti in base al sistema operativo in uso. Ma il portale di OpenAI fornisce indicazioni chiare sia per Windows che per MacOS. 

    L’ultimo passaggio è l’esecuzione effettiva di ChatGPT in locale. Ovvero l’importazione di ChatGPT in Python e il successivo ordine di esecuzione con un comando del tipo: openai.completion.create.

    I risultati che possono essere ottenuti con ChatGPT in locale sono esattamente gli stessi a cui sono abituati gli utenti del web. È possibile fare domande generiche al tool di AI, così come è possibile farle analizzare un testo specifico

    È possibile chiedergli di riassumere informazioni da una o più pagine del web. Così come è possibile ordinargli di realizzare un contenuto inedito

    Per saperne di più: Intelligenza Artificiale: cos'è e cosa può fare per noi

A cura di Cultur-e
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Fda gratis svg
Iscriviti al canale gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.