Assemblare un PC

Le specifiche da controllare prima di comprare il PC

Quando si deve acquistare un PC nuovo, indipendentemente dal fatto che si tratti di un laptop o di un desktop, necessario valutare bene le specifiche tecniche
Le specifiche da controllare prima di comprare il PC FASTWEB S.p.A.

Se stai pensando di comprare un PC nuovo o di assemblare un PC in casa, di sicuro ti stai trovando di fronte ad una offerta di componenti talmente vasta da far venire il mal di testa. La scelta di processori, chipset, schede madri, RAM, hard disk, SSD e schede grafiche, solo per citare i componenti base di un PC, è sempre più difficile a causa della presenza sul mercato di una quantità di modelli (e varianti) pressocché infinita.

In molti, per questo, prima di comprare cercano di capire quali sono le specifiche minime di un PC nel 2020. Ma la risposta giusta non esiste: tutto dipende dal tipo di utilizzo che faremo del PC. Se si tratta di un computer per navigare su Internet, usare i classici programmi di produttività Office, ritoccare qualche foto ogni tanto, allora le specifiche tecniche del nostro computer possono essere anche abbastanza basse. Ma se col PC ci dobbiamo lavorare nei settori della grafica o del video, o se ci dobbiamo giocare ai titoli più recenti e pesanti, di potenza ne servirà molta.

Ancora prima di scegliere le componenti, però, dovremo rispondere a due domande fondamentali: desktop o laptop e Intel o AMD?

Processore, quale scegliere

Comprare un PC: desktop o laptop?

I vantaggi di un PC laptop rispetto ad un desktop sono noti a tutti: lo si può portare ovunque, è leggero, spesso ha un buono schermo e, soprattutto, è già bello e pronto e non dobbiamo acquistare anche un monitor, un mouse e una tastiera. Gli svantaggi di un laptop rispetto ad un desktop sono altrettanto noti: costa di più, a parità di prezzo è meno potente, si può espandere e potenziare pochissimo se ne abbiamo l'esigenza. La scelta è assolutamente personale e spetta solo a te, ma ti invitiamo a valutare molto bene l'uso che farai del tuo nuovo computer prima di scegliere se comprare un desktop immobile ma potente o un laptop lento ma trasportabile.

Comprare un PC: Intel o AMD?

Fino a un paio di anni fa la risposta a questa domanda era semplice: Intel per un PC ad alte prestazioni, AMD per uno di fascia media o bassa. Negli anni, infatti, Intel ha ottenuto la leadership nel segmento alto delle CPU, mentre AMD è stata relegata alla fascia dalle prestazioni inferiori ma dal prezzo vantaggioso. Non è più così: oggi AMD ha in gamma delle CPU davvero potenti e ad un prezzo assolutamente vantaggioso. Anche in questo caso, quindi, la scelta spetta solo a te e l'unico consiglio valido è quello di prendere in considerazione eventuali offerte del momento.

Windows 10

Comprare un PC: le specifiche minime di Windows 10

Se al momento stai usando un vecchio PC, con un vecchio sistema operativo, e ti stai chiedendo se il nuovo PC sarà in grado di supportare Windows 10 allora non devi leggere i requisiti minimi richiesti da questo sistema operativo: sono assolutamente irrealistici per lavorare decentemente. Ufficialmente, infatti, per Windows 10 bastano una CPU da 1 GHz, 2 GB di RAM, 20 GB di hard disk e una scheda grafica qualunque, purché sia compatibile con le librerie DirectX 9 (che risalgono a Windows XP).

Con questa configurazione puoi accendere il PC, aspettare un bel po' prima che si avvii Windows e poi aspettare ancora per qualunque cosa tu chieda al computer di fare. Meglio orientarsi subito su una configurazione superiore, anche perché è quasi difficile ormai trovare sul mercato del nuovo componenti dalle prestazioni così basse.

Comprare un PC: la CPU che ti serve veramente

Partiamo dalla CPU, ricordandoti che la scelta tra AMD e Intel spetta solo a te. Un buon modo di capire quale è il livello minimo di prestazioni accettabile per te è fare riferimento alle classifiche dei benchmark, cioè i software usati per testare la velocità dei processori. Il più famoso e affidabile, al momento, è PassMark, che ha anche un enorme database di CPU già testate.

Montare la CPU sulla scheda madre

I valori di una CPU in PassMark possono variare moltissimo, anche di dieci volte o più tra una entry level e una di alto livello. Per un uso base, di produttività personale, un valore accettabile è di almeno 4-5.000 punti e non di meno. Per usare programmi di grafica o di montaggio video a livello amatoriale, ma non sporadico, meglio orientarsi su CPU con punteggi di 8-10.000 almeno. Per lavorare sul serio con questi software e per i videogiochi, invece, l'unico limite è la cifra che puoi spendere: più potenza c'è e meglio è.

Ma, attenzione: è perfettamente inutile avere una CPU molto performante se poi le affianchiamo poca RAM. Spesso si ottengono prestazioni migliori con una CPU di livello inferiore, ma affiancata da più memoria. E, sempre parlando di memoria, ricorda che molte CPU moderne supportano la RAM a doppio canale, che va molto più veloce a parità di quantità di RAM installata. In pratica si tratta di fare lavorare la RAM in parallelo: se ci servono 8 GB di RAM è meglio usare due moduli da 4 GB che uno solo da 8 GB.

RAM

Comprare un PC: la scheda video che ti serve veramente

Anche per quanto riguarda la scheda video tutto dipende da che tipo di programmi devi usare, ma in questo caso la scelta è più semplice perché a meno che non entri in gioco (è il caso di dirlo) la grafica 3D ad alta risoluzione è quasi certo che ti puoi affidare ad un chip grafico integrato nella scheda madre. Per i programmi di produttività e per lo svago, infatti, quasi sempre sono più che sufficienti. Se si tratta di chip grafici prodotti negli ultimi due anni, inoltre, molto probabilmente non daranno problemi neanche nella riproduzione dei video in 4K.

Se, invece, col PC ci vuoi giocare le cose cambiano e, ancora una volta, l'unico limite sono i soldi che puoi spendere: la soluzione migliore che puoi comprare oggi, infatti, entro un paio d'anni sarà vecchia e non ti basterà a giocare ad alta risoluzione ai titoli più impegnativi.

Scheda video

Discorso a parte va fatto per i programmi di elaborazione video: in questo caso i chip grafici possono essere utilizzati per eseguire parte dei calcoli di compressione dei file a velocità molto superiori rispetto anche alle migliori CPU. Sia Nvidia che AMD hanno in catalogo soluzioni utili a questo scopo, ma dovrai assicurarti che siano compatibili con il software di elaborazione video che hai intenzione di usare. Altrimenti i calcoli li farà tutti la CPU.

Comprare un PC: l'hard disk che ti serve veramente

Passando all'unità di archiviazione, la buona notizia è che negli ultimi anni il costo degli SSD è crollato. Se un tempo queste velocissime unità allo stato solido (che in pratica sono formate da chip di memoria che non si cancellano quando spegni il PC) erano costosissime, oggi non è più così e con meno di 100 euro puoi comprare anche un SSD da 500 GB.

Certo, ci sono grandi differenze di prestazioni da un modello all'altro ma anche il peggior disco SSD sarà comunque migliore di un hard disk magnetico tradizionale. Se non hai esigenze particolari, quindi, un modello di fascia media è quello che fa per te. L'unico caso in cui ti conviene ancora comprare un disco magnetico da affiancare ad un SSD (con il secondo che userai come disco principale, per Windows e tutti i programmi) è quello in cui tu abbia una grande collezione di file multimediali o di videogames da archiviare.

 

7 maggio 2020

copyright CULTUR-E
Condividi
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail