Google Chrome

Chrome si aggiorna pensando alla sicurezza e alla privacy

Importanti aggiornamenti per la sicurezza online, con controlli per la privacy, DNS criptati e molto altro
Chrome si aggiorna pensando alla sicurezza e alla privacy FASTWEB S.p.A.

La prossima versione di Chrome per desktop si preannuncia come un aggiornamento molto più grande del solito. Oltre al raggruppamento delle schede e al blocco automatico degli annunci quando la batteria è scarica, il browser sta sviluppando anche una serie di miglioramenti in termini di sicurezza, protezione e privacy.

Con il nuovo aggiornamento, gli utenti otterranno alcune nuove funzionalità: modifiche dell'interfaccia utente, più controlli per impedire di visitare per sbaglio siti web dannosi (inclusa un'opzione più proattiva che può condividere maggiori dati con Google), DNS più sicuri e blocco dei cookie di terze parti in modalità di navigazione in incognito.

Il primo e più ovvio aggiornamento sono le modifiche all'interfaccia utente. Google sta spostando alcuni pulsanti e alcune impostazioni per renderli più facili da trovare. Le impostazioni per i cookie, quelle sulla privacy, le estensioni e le impostazioni di sincronizzazione di Google stanno diventando sempre più importanti e otterranno etichette descrittive migliori e più chiare. Le modifiche qui saranno più significative del solito perché sono connesse a numerosi problemi segnalati dagli utenti. Google sta spostando il menu delle estensioni in una piccola "icona puzzle" che verrà visualizzata per impostazione predefinita nella barra degli strumenti principale. Ancora più importante, Google ha intrapreso un lungo sforzo per ripulire le estensioni di Chrome e semplificare la limitazione delle autorizzazioni. Sarete comunque in grado di aggiungere estensioni alla barra degli strumenti, se lo desiderate. Il nuovo menu farà molto di più, che facilitare la ricerca delle estensioni. Mostrerà infatti più chiaramente lo stato e le autorizzazioni correnti di ogni estensione e semplificherà la scelta di tali elementi. Aspettatevi comunque ulteriori modifiche per migliorare il modo in cui Chrome gestisce le estensioni. Si tratta infatti di strumenti necessari, ma sono anche state un vettore per i malware.

La prossima modifica dell'interfaccia utente riguada i cookies. Google sta portando i cookie al livello superiore del suo menu delle impostazioni, dove sarà più facile regolarli. Non si tratta un cambiamento sostanziale, ma potrebbe essere un modo, per Google, di iniziare ad educare i suoi utenti meno tecnici su cosa sono i cookie e perché dovrebbero prestarvi attenzione.  Tutto questo perché Chrome è sulla buona strada per bloccare completamente i cookie di terze parti, una mossa che altri browser come Safari e Firefox hanno già intrapreso. Google si sta muovendo più lentamente perché pensa che il blocco di alcuni cookie potrebbe causare il crash troppi siti web, in questo momento. Tuttavia, Google inizierà a bloccare i cookie di terze parti, ma solo in modalità di navigazione in incognito. In Incognito, gli utenti potrebbero essere più accondiscendenti, se un sito dovesse crashare, se questo è in nome della privacy. Sarà comunque possibile concedere una tantum i cookie di terze parti per ogni sessione di Incognito.

Le impostazioni includeranno anche uno strumento più importante per il controllo sulla sicurezza. Tale strumento esiste già, ma Google lo espanderà per dare la possibilità agli utenti di verificare la presenza di violazioni della password. Se utilizzate gli strumenti di Chrome per salvare le password, il browser sarà in grado di avvisarvi se un sito che avete utilizzato ha subito una violazione. Verificherà inoltre la presenza di estensioni non autorizzate, aggiornamenti di Chrome e se avete attivato la funzione Safe Browsing di Google.

Se non avete familiarità con questa estensione, Navigazione Sicura è lo strumento di Chrome per rilevare siti di phishing noti. Mantiene un database di tali siti e li invia ai browser ogni mezz'ora in modo tale che quando uno di questi viene visitato, Chrome mostrerà un avviso enorme e spaventosamente appropriato.

Nella prossima versione di Chrome, Google offrirà inoltre una nuova opzione chiamata Navigazione Sicura Avanzata. Se accenderete questa funzione, condividerete l'URL dei siti web "non comuni" visitati con Google in tempo reale. Il motivo è che Google ha scoperto che alcuni truffatori possono registrare e implementare nuovi siti web di phishing a un ritmo così rapido che persino un aggiornamento di 30 minuti di un database di phishing non è abbastanza veloce. Google afferma che questo strumento si combinerà anche con le informazioni raccolte dai vostri account personali Gmail e Drive. Ad esempio, se Gmail ha rilevato un'e-mail di spam con un link impreciso, questo strumento potrebbe informare Chrome che si tratta di un sito di phishing, se dovesse capitarvi di cliccare per sbaglio su di esso.

Ovviamente, condividere ancora più dettagli con Google - in particolare qualcosa di privato come i siti web che si visitano - dovrebbe darvi da pensare. La società afferma che, non appena l'algoritmo di Navigazione Sicura determinerà che l'URL che si sta visitando è sicuro, renderà automaticamente anonimi tutti i dati raccolti. Successivamente, eliminerà completamente i dati anonimi, anche se non è chiaro esattamente dopo quanto tempo.

Infine, Chrome seguirà Mozilla nel consentire i DNS-over-HTTPS, un modo più sicuro per il browser per nascondere ad occhi indiscreti l'URL digitato e l'indirizzo IP reale del sito che si sta visitando. Sembra che Google stia lavorando con i principali ISP per attivarlo laddove supportato anziché semplicemente trasferire le persone su un DNS sicuro di sua sponte. Non sta però attivando questa opzione per tutti, perché il DNS-over-HTTPs non è privo di controversie. Normalmente, il DNS viene inviato in chiaro, il che semplifica il funzionamento dei filtri a livello di rete. Il DNS crittografato rende invece la vita delle app molto più complicata.

Google afferma che Chrome utilizzerà un elenco di provider DNS crittografati gestiti dalla società in modo che corrispondano al proprio ISP, quindi tornerà al DNS predefinito se non dispone di un'opzione crittografata. Verrà disattivato in Windows se il controllo parentale è attivato e lo disattiverà anche nei casi in cui vede i criteri di gestione dei dispositivi aziendali.

Questo è tutto. Ma è anche molto. In combinazione con alcune delle altre modifiche, la prossima versione di Chrome sembra essere il più grande aggiornamento da molto tempo. L'aggiornamento verrà implementato esattamente come tutti gli aggiornamenti di Google: nelle prossime settimane.

20 maggio 2020

Condividi
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail