Traduttori online

Cos'è e come funziona DeepL

Creato dal database del dizionario online Linguee, fa uso di reti neurali artificiali altamente specializzate per offrire traduzioni più naturali
Cos'è e come funziona DeepL FASTWEB S.p.A.

Nel campo dei traduttori online, al momento, sembra non esserci competizione. Forte dei mille servizi offerti agli utenti e di algoritmi di machine learning estremamente potenti, Google Translate è ampiamente considerato il migliore in assoluto. Il dominio del traduttore di Big G, però, potrebbe essere in pericolo: dalla Germania arriva DeepL, servizio di traduzioni online nato dalle ceneri di Linguee, dizionario online nato nel 2009 in quel di Colonia.

Lanciato nell'agosto 2017, DeepL ha immediatamente attirato le attenzioni della stampa di settore (e degli utenti) promettendo traduzioni di gran lunga migliori rispetto al rivale più diretto. Inizialmente disponibile solo per una manciata di lingue (tra queste, anche l'italiano), sembra essere stato subito in grado di rosicchiare piccole fette di mercato al servizio del gigante di Mountain View. In realtà ora è in grado di tradurre due lingue motlo importanti a livello globale, il russo e il portoghese. Con l'aggiunta di queste due lingue, il totale delle combinazioni linguistiche offerte sale a 72 e il servizio si estende a circa mezzo miliardo di persone in più.

Come funziona DeepL

Anche se dalla startup tedesca non fanno trapelare molto sul modello scelto e utilizzato per realizzare quello che viene definito come il miglior traduttore online al mondo, è possibile ricavare alcune informazioni che ci aiutano a capire come funziona DeepL.

Prima di tutto, nel realizzare il loro traduttore online gli ingegneri tedeschi non sono partiti da 0: DeepL poggia sulle solide fondamenta derivanti dall'esperienza di Linguee e dagli algoritmi di intelligenza artificiale e machine learning già utilizzati (e sul suo database di ricerche ovviamente). A questo si aggiungono nuovi algoritmi di traduzione e un sistema di rete neurali capaci di offrire prestazioni elevate in qualsiasi settore.

 

Traduzione realizzata da DeepL

Questa combinazione è supportata da un supercomputer estremamente potente (secondo i tecnici di DeepL si tratta del 23esimo supercomputer al mondo per potenza di calcolo) basato sul GPU computing. Il supercomputer, ospitato in Islanda così da poter essere alimentato dalle fonti di energia rinnovabile presente nel Paese nordico, è capace di tradurre oltre un milione di parole al secondo e, potendo contare su un database di ricerche a tema linguistico e di traduzioni infinito o quasi, "alimenta" uno dei traduttori online più efficienti in circolazione (forse il più efficiente). Grazie alla potenza di calcolo delle schede video, dunque, DeepL è in grado di tradurre testi di ogni tipo – anche se al momento sembra essere leggermente specializzata su testi di natura tecnica – in maniera perfetta, o quasi.

Reti neurali, machine learning e ricerche online

Le traduzioni online di DeepL, dunque, nascono dal mix tra algoritmi di machine learning altamente specializzati, reti neurali convoluzionali che replicano il funzionamento della corteccia visiva degli animali e un enorme database di ricerche online e vecchie traduzioni che consentono di "allenare" il motore di traduzione del servizio tedesco e migliorarne continuamente le prestazioni. Inoltre, i neuroni artificiali sono stati disposti in modo che la loro analisi e comprensione del linguaggio umano fosse quanto più possibile completa e precisa.

A questa struttura (e infrastruttura) informatica altamente specializzata, si unisce un team di specialisti in carne e ossa pronti a correggere eventuali errori nel codice e migliorare le traduzioni offerte da DeepL. Ai 20 dipendenti a tempo pieno presenti nella sede di Colonia, infatti, si uniscono oltre 500 freelance, per lo più traduttori, sparsi in tutto il mondo con compiti di revisione e correzione dei risultati e delle traduzioni offerte agli utenti. In questo modo DeepL è sicura di poter offrire un prodotto migliore rispetto a Google Translate.

Confronto DeepL con Google Traduttore

 

Punteggio BLEU DeepL

Le "pretese" di DeepL di essere il miglior traduttore online sono supportate sia da un punteggio BLEU (Bilingual Evaluation Understudy, sistema di valutazione che confronta traduzioni meccaniche con traduzioni umane) superiore a quello di Google Traduttore, sia dalle analisi e dai confronti fatti da vari traduttori in carne e ossa e da semplici utenti. Da test ciechi condotti da DeepL stessa, i risultati offerti dal suo traduttore online sono preferiti a quelli di Google Translate nel 75% delle circostanze. Un successo basato sulla maggior naturalezza e sulla capacità di DeepL di cogliere le sfumature e il "sottotesto" e di saper leggere "tra le righe". Le traduzioni meccaniche appaiono così più naturali e più simili a quelle che potrebbe realizzare un traduttore umano.

18 febbraio 2019

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail