facebook privacy

Come fare in modo che Facebook non ti tracci sul web

Facebook è in grado di tracciare gli utenti anche quando navigano in rete su altri siti web: per chi desidera preservare la sua privacy, questo è lo strumento da utilizzare
Come fare in modo che Facebook non ti tracci sul web FASTWEB S.p.A.

Il social network Facebook non finisce di tracciare il comportamento online degli utenti mentre si trovano sulla sua piattaforma. Quando un utente naviga in rete, visita un sito web o altre applicazioni, può accadere che le informazioni sulle sue abitudini vengano condivise da tali piattaforme con il social network. Ciò accade perché Facebook e siti web o applicazioni terze condividono tra loro i dati di tracciamento degli ignari utenti, che però hanno dei validi strumenti per preservare la propria privacy.

Con lo strumento Attività fuori da Facebook, si può effettuare il tracciamento di tutti i dati che le varie applicazioni e siti web condividono con Facebook durante la sessione di navigazione dell’utente.

La funzione è stata introdotta dal social network nel 2019, e non solo permette di essere consapevoli di quali sono i dati che vengono condivisi in rete tra Facebook e i siti terzi, ma offre la possibilità di interrompere il tracciamento. Impostando la funzione di privacy Attività fuori da Facebook si potranno controllare quali informazioni vengono condivise, con quali siti e applicazioni, e decidere a chi concedere la condivisione e a chi negarla.

Tracciamento fuori da Facebook: cos’è e come funziona

facebook privacyQuando si naviga in rete le aziende e le organizzazioni possono utilizzare degli strumenti messi a disposizione da Facebook per tracciare il comportamento degli utenti online, anche mentre non stanno utilizzando i social network. Il funzionamento di questo meccanismo è analogo a quello che accade con la cronologia di navigazione su Google che viene tracciata e condivisa con siti web e applicazioni terze. L’utente non è mai invisibile, se non quando utilizza strumenti ad hoc per navigare in rete in incognito oppure reti virtuali private (VPN) per evirare che il suo indirizzo IP venga tracciato.

Nel caso di Facebook, invece, il social network offre alle aziende e alle organizzazioni dei tool specifici per il tracciamento online degli utenti, come il Facebook Login o i pixel di Facebook.

Il Facebook Login è facile da riconoscere: si pensi ad applicazioni di giochi per smartphone e tablet, oppure a siti web, che richiedono di eseguire l’accesso al proprio account Facebook per proseguire con la sessione di navigazione. Utilizzando il proprio account Facebook, si darà la possibilità al social network e al sito, o all’app, di condividere le informazioni dell’utente.

Altro affare sono i pixel di Facebook, cioè delle porzioni di codice che vengono applicate su in sito web per misurare l’efficacia di una inserzione. L’utente che visita il sito web viene intercettato dal pixel di Facebook, che poi userà le informazioni ottenute per mostrare inserzioni pubblicitarie personalizzate nel social network.

Attività fuori da Facebook: come funziona

facebook privacyLo strumento Attività fuori da Facebook è stato introdotto dal social network nel 2019 e offre un’importante funzionalità per preservare la privacy dell’utente. Le aziende e le organizzazioni che usano strumenti di tracciamento come Facebook Login o pixel di Facebook vengono registrati in un apposito registro, analogo alla cronologia di Google, a cui l’utente potrà accedere per gestire le impostazioni della propria privacy.

Dopo aver eseguito l’accesso al proprio account Facebook, bisogna fare clic in alto a destra sulla freccia verso il basso e seguire il percorso Impostazioni e privacy > Impostazioni > Le tue informazioni su Facebook > Attività fuori da Facebook. Si aprirà la schermata di Gestisci la tua attività fuori da Facebook, che permette di visualizzare tutte le attività condivise con tra aziende, organizzazioni e social network.

Attività fuori da Facebook: come gestirla

facebook privacyUna volta avuto l’accesso alle Attività fuori da Facebook, non resta che decidere come utilizzare lo strumento per preservare la propria privacy. Un utente che vuole ottenere inserzioni personalizzate e spunti per i suoi acquisti, dopo aver valutato quali sono le informazioni che il social e le aziende condividono, potrebbe decidere di non apportare modifiche alla sezione. Facendo clic su Accedi alle tue informazioni, si potrà vedere quali sono le ricerche recenti, il luogo in cui si è geolocalizzati e i Mi piace e le reazioni messe a post e amici.

Tutte informazioni personali che vengono usate per personalizzare la Newsfeed e le inserzioni suggerite.

Dopo aver fatto una verifica dei propri dati condivisi, si potrà decidere di fare clic su Scollega le attività e confermare l’operazione per cancellare la cronologia del proprio account e far sì che tutte le attività vengano scollegate.

L’opzione Scarica le tue informazioni permette invece di scaricare una copia delle informazioni condivise con Facebook in qualsiasi momento dall’apertura dell’account, compresi i contenuti multimediali. Infine, si potrà usare la voce Gestisci l’attività futura per disattivare la funzione di tracciamento e scollegare l’account del social network da tutti i siti web e le app di terze parti in cui si era loggati.

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail