smartwatch

Quali sono i wearable che vedremo nel 2020

Il 2020 sarą l'anno della conferma per i wearable, che dopo un periodo difficile hanno finalmente conquistato la fiducia dei consumatori. Ecco i modelli pił attesi
Quali sono i wearable che vedremo nel 2020 FASTWEB S.p.A.

Tra i dispositivi usciti nel decennio appena terminato i wearable sono stati sicuramente i più discussi e spesso più impopolari. Prendiamo ad esempio i visori per la realtà virtuale o per la realtà aumentata: per anni decantati come "the next big things" del mondo della tecnologia non sono mai riusciti a costruirsi un proprio mercato e molte aziende hanno deciso di abbandonare il settore. Discorso per certi versi simile quello degli smartwatch. Dopo una prima fase di innamoramento generale, c'è stato un secondo momento di repulsione, con le vendite che sono calate bruscamente. Infine, negli ultimi due anni del decennio appena concluso c'è stata una terza fase con le vendite che sono tornate a salire, anche grazie all'uscita di novi dispositivi molto interessanti da parte di Samsung, Huawei e Fitbit.

Cosa ci dobbiamo aspettare per il 2020 dal mondo dei wearable? Quali saranno le innovazioni che caratterizzeranno i dispositivi? Quali saranno le aziende più attive? A farla da padrone saranno sicuramente gli smartwatch, con Google, Samsung e Apple in prima linea. Dopo l'acquisto di Fitbit da parte di Google, ci si aspetta un deciso passo in avanti in questo settore da parte dell'azienda di Mountain View. Anche Samsung è chiamata a una conferma dopo un buon 2019. Infine c'è Apple che a settembre lancerà sicuramente l'Apple Watch Series 6. L'ultimo modello non ha portato grosse novità, se non l'Always On Display: per questo motivo c'è molta attesa sul prossimo smartwatch dell'azienda di Cupertino.

È arrivato il momento del Pixel Watch

google fitbit

Il 2020 potrebbe essere arrivato finalmente il momento per vedere il Pixel Watch, lo smartwatch realizzato direttamente da Google. Dopo aver sviluppato un sistema operativo abbastanza affidabile (Wear OS), l'azienda di Mountain VIew è chiamata a fare un ulteriore step: diventare produttore. E l'acquisto di Fitbit per oltre 2 miliardi di dollari va proprio in questa direzione: know how per diventare un player importante anche nel mondo degli smartwatch e dei fitness tracker. Vedremo se Google deciderà di lanciare il Pixel Watch già nel 2020 o aspetterà il 2021 per studiare il mercato e vedere come si muovono i principali concorrenti. Ma non deve perdere troppo tempo: i concorrenti hanno iniziato a innestare le marce alte e fare investimenti importanti nel settore.

Galaxy Watch 2

galaxy watch

Negli ultimi 18 mesi Samsung è stata molto attiva nel settore degli smartwatch lanciando ben tre dispositivi: ad agosto 2018 il Galaxy Watch, a febbraio 2019 il Watch Active e a settembre 2019 il Watch Active 2. Una regolarità che fa sicuramente ben sperare per il 2020 che potrebbe essere l'anno giusto per vedere il Galaxy Watch 2. Il dispositivo è in sviluppo e nelle segrete stanze di Samsung è denominato "Renaissance", rinascita in italiano. Un nome che fa ben sperare e che dimostra quanto l'azienda sudcoreana sia interessata al settore. Si vocifera dello sviluppo di nuove funzionalità che monitorano in modo ancora più approfondito la salute e l'attività fisica.

Apple Watch Series 6

apple watch 5

Come capita da oramai diversi anni, a settembre 2020 è attesa la nuova versione dell'Apple Watch. Sarà la sesta per la casa di Cupertino e ci si aspetta grosse novità rispetto all'ultimo modello lanciato sul mercato. L'Apple Watch resta uno dei migliori se non il miglior smartwatch disponibile sul mercato, ma il vantaggio sulla concorrenza si è ristretto e i vari Samsung, Fitbit e Huawei cominciano a diventare sempre più agguerriti.

Per questo motivi ci si aspetta un Apple Watch 6 con tante novità, a partire dal monitoraggio del sonno, funzionalità di cui tanto si è parlato in passato, ma che Apple non ha ancora implementato sul suo orologio intelligente. Ci si aspetta anche una batteria con una durata maggiore e una miglior resistenza ai liquidi.

Visore per la realtà virtuale

visore vr

La realtà virtuale e soprattutto i visori VR non hanno rispettato l'aspettativa che si era creata intorno a questi dispositivi. La colpa è in parte del mercato e in parte dei produttori che non hanno saputo realizzare device in grado di rispondere ai bisogni degli utenti. Per il 2020 si spera che finalmente qualche azienda lanci dispositivi dal prezzo accessibile e veramente utili nella vita di tutti i giorni

Snap Spectacles 4

spectacles 4

Gli Spectacles sono gli occhiali con telecamera prodotti da Snapchat che permettono alle persone di registrare brevi video da caricare sui propri canali social. Per il prossimo anno è in arrivo la quarta versione degli occhiali, con nuovi effetti che renderanno ancora più divertenti i filmati. Difficile una versione con effetti AR: secondo Evan Spiegel, CEO di Snapchat, non è ancora il tempo.

Apple AR Glasses

Se per quanto riguarda gli altri dispositivi c'è la quasi certezza di vederli sul mercato nel 2020, in questo caso è più una speranza. Stiamo parlando degli Apple AR Glasses, gli occhiali a realtà aumentata dell'azienda di Cupertino. Una cosa è certa: Apple ci sta lavorando e la conferma arrivata direttamente da Tim Cook, CEO della società. Ma sulla data di uscita non si sa nulla a riguardo. Potrebbe essere il 2020, come il 2021 o l'anno successivo.

2 gennaio 2020

copyright CULTUR-E
Condividi
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai notizie e approfondimenti sul
mondo del Cloud, della Sicurezza e della
Digital Transformation!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail