Tumblr nasce come una piattaforma di microblogging orientata verso il mondo dei social network. Le sue origini risalgono al 2007, riuscendo per certi versi ad anticipare i social moderni, adeguandosi alle tendenze e diventando uno dei punti di riferimento dei giovanissimi.

Nel 2013 è stato acquisito da Yahoo! Prima di diventare di proprietà di Automattic, la stessa società che si è occupata dello sviluppo di WordPress. L’idea alla base di questo “social network” era quella di dare agli utenti la possibilità di creare in maniera semplice e veloce un blog personale capace di supportare contenuti testuali, link e quant’altro; oggi la maggior parte dei contenuti caricati sulle sue pagine sono immagini, disegni, Meme e GIF.

Oggi, per molti versi, Tumblr è caratterizzato da uno stile “retrò” che pur essendo ancora esteticamente accattivante, potrebbe risultare un po’ datato rispetto ai siti e blog più moderni; tuttavia è ancora molto gettonato, soprattutto perché molto semplice da utilizzare.

  • 0. Come utilizzare Tumblr

    Tumblr su smartphone

    dennizn / Shutterstock

    Prima di procedere nella spiegazione del funzionamento di Tumblr è necessario effettuare la registrazione gratuita alla piattaforma. Dalla pagina principale è sufficiente fare click su “Registrati” e compilare l’apposito modulo con i campi richiesti. In questa fase è necessario indicare anche il nome del blog che si vuole creare.

    Una volta riempiti tutti gli spazi si può procedere cliccando sul pulsante “Registrati”. Dopo aver confermato l’account, aprendo il link inviato all’indirizzo e-mail indicato, è possibile completare la registrazione e iniziare ad utilizzare Tumblr. In alternativa è possibile anche effettuare la registrazione tramite l’account Google o quello Apple, utilizzando gli stessi dati di accesso delle altre due utenze.

    Tumblr è una piattaforma di microblogging orientata verso il mondo dei social network e pensata per accogliere contenuti multimediali di diversa natura.

    Non appena effettuato l’accesso all’area personale bisognerà premere su “Go to Dashboard”; a questo punto verranno proposti alcuni blog da seguire tra quelli presenti sul sito. Nella Dashboard si possono anche vedere i contenuti pubblicati dagli altri utenti e i post condivisi dai blog seguiti; proprio come tutti gli altri social network sarà possibile interagire con essi.

    Cliccando sull’icona della bussola, invece, è possibile trovare gli argomenti di tendenza e di tutte le pagine da seguire che trattano quegli argomenti; un modo per restare sempre aggiornati sui trend e per seguire tutti i creator che contano. Nella pagina principale è anche possibile pubblicare i propri contenuti. Ci sono diverse tipologie di post da pubblicare e nella parte in alto della Dashboard sono presenti tutti i vari strumenti di creazione. 

    Con il pulsante “Testo” è possibile pubblicare post testuali aggiungendo anche delle foto; le immagini possono essere caricate dal pc, con un massimo di 10 immagini contemporaneamente, da un sito esterno tramite link o dalla webcam. Utilizzando il pulsante “Citazione” è possibile postare una citazione con una formattazione particolare.

    Cliccando su “Link” si possono condividere link ad un sito o una pagina esterna che garantisce l’accesso a contenuti interessanti per i follower. Con il pulsante “Chat” è possibile postare delle conversazioni che vengono pubblicate in automatico con un stile molto simile a quello di una chat.

    Audio” consente di postare canzoni dai principali servizi musicali online, come Spotify ad esempio, oppure caricare file mp3 presenti sul computer. Cliccando su “Video” è possibile pubblicare un video presente sul PC o incorporare un video da YouTube o un altro dei servizi di streaming.

    Proprio come gli altri social network, il funzionamento di Tumblr è molto intuitivo e pensato per accogliere contenuti di diversa natura da quelli testuali, fino a foto e video.

    Una volta scelto il tipo di contenuto da pubblicare è sufficiente cliccare sul pulsante “Posta” oppure salvarlo come bozza, pubblicarlo in forma privata o programmarne la pubblicazione. È possibile interagire con i contenuti multimediali in modi diversi: cliccando sulla freccia rivolta verso l’alto si può condividere con altri utenti; cliccando sull’icona del fumetto si può commentare l’elemento; cliccando sulle due frecce si può fare un reblog, condividendo sulle proprie pagina un contenuti di un altro blog; poi c’è il tasto “mi piace” che corrisponde al classico cuoricino, ormai ben noto nel linguaggio dei social. 

    Tumblr permette, ovviamente, anche di messaggiare con gli altri utenti presenti su questo social network. Cliccando sull’icona della busta da lettere si può accedere alla messaggistica, leggendo e inviando messaggi privati. Per parlare con un utente della piattaforma è sufficiente cliccare sull’icona della nuvola e iniziare la conversazione con tutti gli altri iscritti. 

    Per procedere con la personalizzazione del blog è sufficiente cliccare sull’icona utente e sul nome del blog; in questo modo si può accedere alle impostazioni e agli strumenti per curare l'estetica della pagina. Qui si avranno a disposizione tutte le modifiche grafiche che possono essere fatte al proprio blog e le impostazioni di visibilità e privacy.

    Le impostazioni per personalizzare il proprio blog su Tumblr hanno un look retrò e sono piuttosto semplici, ma rimandano chiaramente a un momento storico in cui l’estetica era subordinata ai contenuti.

    Una delle funzioni più interessanti di Tumblr è quella che permette agli utenti o ai lettori anonimi di fare delle domande o ricevere risposte. Per attivare la funzione, è sufficiente cliccare nelle Impostazioni e spuntare la casella “Permetti ai lettori di farti domande”; allo stesso modo si può anche spuntare l’opzione “Permetti domande anonime”, per consentire a chiunque di fare una domanda.

    A questo punto starà all’utente decidere di rispondere pubblicamente oppure via e-mail. Questa è una funzione utilissima per chi è in cerca di suggerimenti di qualsiasi natura; tuttavia è anche un’arma a doppio taglio e va usata con estrema cautela e sempre senza dimenticare la buona educazione.

    Per approfondimento: Guida alle migliori piattaforme per gestire il blog

  • 1. Come decidere chi seguire su Tumblr

    Tumblr su dispositivi mobili

     

    Roman Pyshchyk / Shutterstock

    A differenza di altri social network, su questa piattaforma non si seguono personaggi famosi ma solamente blog con argomenti di vario tipo. Del resto trattandosi di un blog nel senso più classico del termine l’intero sito è progettato per condividere interessi o esperienze con persone che sono interessati alle stesse tematiche. Quindi, alla domanda “chi seguire su Tumblr?” la risposta non può che essere tutte le persone che hanno interessi simili ai nostri.

    Tumblr non consente di seguire persone famose ma è costruito sull’interazione per argomenti specifici, raggruppati in diverse aree tematiche.

    Andando sulla Dashboard si possono scegliere gli argomenti o gli utenti da seguire in modo da creare una rete costruita sugli interessi reali delle persone. In questo modo, oltre a restare in contatto con chi pubblica contenuti simili, è anche possibile dare vita a una sotto-community specifica, cercando di costruire legami organizzati per categorie e argomenti. 

    Esistono blog per qualsiasi argomento, dai più comuni come il cinema o la musica, fino ad arrivare a quelli più impegnativi come la filosofia, la scienza e quant’altro. Aprire il proprio blog tematico e postare argomenti interessanti e condivisi dalla massa è un modo perfetto per “diventare famosi” e diventare parte di questa ragnatela concettuale su cui è basato Tumblr.

    Per approfondimento: Come creare un blog personale

  • 2. Tumblr e le foto

    Tumblr su talblet

     

    DenPhotos / Shutterstock

    Come già detto la piattaforma è pensata per dare una grande visibilità alle foto e a tutti i contenuti multimediali. Non per nulla, la condivisione di tali contenuti è molto semplice, con questo social che incentiva l’utente a dare sfogo alla propria creatività con foto e immagini create da zero o modificate sulla piattaforma.

    Lo scopo principale di Tumblr è quello di creare contenuti pensati per essere condivisi più volte diventando virali; secondo alcune statistiche, in media, ogni post viene pubblicato almeno 9 volte, è dunque facile capire come il sito cerchi di incentivare la creazione di nuove idee e nuovi materiali direttamente dalle sue pagine.

    Il vero cavallo di battaglia di questa piattaforma sono le immagini e i contenuti multimediali originali che sono il vero carburante per il corretto funzionamento di Tumblr.

    Uno dei “segreti” di questa piattaforma sta nell’applicare effetti creativi alla varie foto postate; la qualità delle immagini è fondamentale ma anche l’utilizzo di effetti e filtri che le rendono uniche non è da meno. Il consiglio è sempre quello di utilizzare contenuti multimediali originali, come meme, GIF e foto creati ad hoc; nel caso non fosse possibile non bisogna mai dimenticare di utilizzare materiali liberi da copyright o, nel caso, citare sempre la fonte e l’autore.

    Questo è un discorso molto importante, perché su Tumblr le immagini viaggiano velocissime e se un creator dovesse scoprire che una delle sue creazioni è stata “presa in prestito” senza citare la fonte, potrebbe segnalare la cosa a chi di dovere.

    Per approfondimento: Fotografia digitale: come fare belle foto

  • 3. Le regole da seguire su Tumblr

    Tumblr,
  applicazione

     

    Burdun Iliya / Shutterstock

    Tumblr è un social network come tutti gli altri e sulle sue pagine, valgono le stesse regole che vengono comunemente seguite. Per prima cosa è sempre opportuno sottolinearlo, vanno postati solo ed esclusivamente contenuti originali; le ricondivisioni o l’upload di contenuti di terze parti va sempre specificato.

    I tag sono fondamentali sulla piattaforma, ma è sempre bene non esagerare e utilizzare solamente quelli più rilevanti. Anche gli hashtag sono di vitale importanza, soprattutto per organizzare i contenuti per argomenti e permettere agli utenti di ritrovarli inserendo semplicemente il riferimento.

    La community è al centro di tutto. Visitare i blog di altri creator, seguire il loro lavoro, mettere “mi piace” e condividere i loro post è il modo migliore per “attirare l’attenzione”. Così facendo le persone si accorgeranno dei contenuti sulle tue pagine e, magari, decideranno di condividerle a loro volta, rendendole virali.

    Tumblr segue le regole di tutti gli altri social network, privilegiando contenuti originali, l’educazione degli utenti e un forte senso della community e del rispetto reciproco.

    Altro discorso molto importante su Tumblr è il Tone of Voice. Bisogna essere sempre amichevoli e rispettosi; evitare violenza verbale e termini poco appropriati a una corretta convivenza (digitale). Insomma, anche su questa piattaforma valgono le regole del dibattito civile e della buona educazione.

    Sempre in materia di tono di voce, uno dei suggerimenti più importanti riguarda il tipo di scrittura. La naturalezza è sempre premiata ed è sempre meglio essere se stessi senza troppi giri di parole.Ultimo ma non ultimo il discorso dell’utilizzo assiduo della piattaforma. Proprio come nel resto dei social postare regolarmente è la carta vincente per attirare l’attenzione e ottenere riscontri positivi dagli altri utenti.

    Per approfondimento: La netiquette su Tumblr

  • 4. Applicazioni Android e iOS

    Tumblr su Android

     

    Daboost / Shutterstock 

    Tumblr è disponibile, naturalmente, anche sotto forma di applicazioni gratuite sviluppate per i sistemi operativi mobile Android e iOS. Per gestire e personalizzare il proprio blog da smartphone o tablet è sufficiente accedere al proprio store di riferimento e scaricare l’applicazione ufficiale. Una volta effettuato l’accesso, si aprirà in automatico la Dashboard che funziona esattamente come la versione desktop, ma con la formattazione ottimizzata per schermi più modesti. 

    Il lato positivo di entrambe queste applicazioni è che ricalcano perfettamente le funzionalità già esplorate dal sito web; l’unica differenza sta nella posizione di alcuni pulsanti che per questioni di spazio verranno posizionati in basso sullo schermo. Le funzionalità e le impostazioni restano invariate, permettendo agli utenti di gestire il proprio blog comodamente da mobile.

  • 5. La guida per diventare popolari su Tumblr

    Tumblr,
  l'app

     

    Sulastri Sulastri / Shutterstock

    Diventare famosi su questa piattaforma non è sicuramente una cosa semplice; del resto in un contesto digitale affollato di persone spiccare tra la folla diventa sempre più complicato. Ci sono, naturalmente, delle best practices da seguire, che potrebbero amplificare la popolarità su questo social.

    La prima riguarda la tipologia di blog da creare dentro Tumblr. È vero che sulla piattaforma vengono trattati argomenti di qualsiasi natura; ma è anche vero che quelli di tendenza sono, generalmente, quelli vicini a un pubblico giovanile come la musica, i libri, il cinema, le serie TV, i videogiochi e tutto ciò che è intrattenimento. Aprire un blog su uno di questi argomenti non è sinonimo di successo, perché ciò che conta sono i contenuti e il modo in cui vengono presentati al grande pubblico. 

    Non esiste un argomento perfetto per diventare popolari su Tumblr, esistono contenuti di qualità che in quanto tali riescono a catturare l’attenzione degli altri utenti.

    Parlare, ad esempio, di musica su Tumblr potrebbe avere una grande risonanza, a patto che se ne parli nel modo giusto e con la giusta “autorevolezza”. Il suggerimento è quello di creare un blog più specifico possibile e concentrare le proprie energie per offrire contenuti sempre interessanti e accattivanti.

    Naturalmente, questi post dovranno essere sempre diversi da altri blog o da altri siti; il suggerimento è quello di non copiare in giro per il web i post da condividere ma utilizzare sempre materiale originale. Gli utenti dei blog sono sempre molto attenti alla qualità dei contenuti e non impiegheranno troppo tempo a “smascherare” materiali non originali o copiati completamente da altre fonti.

    Se dovesse accadere una cosa del genere, il blog ne risentirà molto e la credibilità di chi scrive potrebbe essere messa in dubbio. Avere contenuti sempre originali è il primo passo per il successo e non si parla necessariamente di contenuti testuali ma vanno più che bene anche opere e materiali artistici.

    Disegni, illustrazioni, meme, GIF sono tutti contenuti molto apprezzati dalla community di Tumblr, perciò è sempre un ottimo suggerimento iniziare proprio da questo punto. Tutto ciò che è creativo è apprezzato sul web, ma su questo social i contenuti multimediali di qualsiasi natura hanno sicuramente una marcia in più.

    Un altro dei suggerimenti per diventare popolari su Tumblr è quello di utilizzare gli hashtag. Questi caratteri particolari non solo si occupano di categorizzare i post, ma hanno anche il compito di aumentarne la visibilità. Il ragionamento è lo stesso che bisogna fare per tutti gli altri social, Instagram e Twitter per primi, e utilizzare questi hashtag per comparire tra i risultati di ricerca più gettonati in relazione a quella determinata parola chiave.

    Rispettare gli altri membri della community e fare squadra con loro è sicuramente un modo per non passare inosservati sulla piattaforma e diventare un creator riconosciuto.

    Per utilizzare gli hashtag giusti e quindi parlare di argomenti in trend, il consiglio è quello di cercare nell’elenco dei contenuti popolari e cavalcarne il successo. L’ultimo suggerimento riguarda l’interazione con gli altri utenti. Parlando di un social network, la popolarità si ottiene anche attraverso la community e il delicato gioco di interazioni tra utenti.

    Creare una community ed essere riconosciuto come un membro di valore è uno dei passi più importanti per diventare famosi su Tumblr e farsi notare dalle persone che contano. La piattaforma, come sappiamo, mette a disposizione diversi modi per interagire con gli altri utenti, dal semplice commento, fino alla condivisione o al reblog; sono tutte strategie per entrare in contatto col prossimo e iniziare un rapporto di amicizia o di collaborazione virtuale.

    Naturalmente questi suggerimenti sono molto simili a quelli che si possono applicare a tutti gli altri social network e per avere effetto hanno bisogno di tempo, di interazioni, di creatività e di strategie di marketing e di comunicazione efficienti. Perciò, anche su Tumblr vale lo stesso discorso fatto per tutte le altre piattaforme con il successo che va guadagnato giorno per giorno, un post alla volta.

    Per approfondimento: Gli errori da non commettere quando si usano i social network

  • 6. L’impatto di Tumblr sul web moderno

    Tumblr,
  app su tablet

     

    Tattoboo / Shutterstock

    In un contesto digitale sempre più veloce, Tumblr essendo una via di mezzo tra un social e un blog, potrebbe soffrire di quella “lentezza” che poco si sposa con i moderni ritmi digitali. Passare ore a leggere pagine e pagine sul web e commentare i post di utenti sconosciuti è una tendenza che forse non trova più posto nell’internet di oggi; eppure Tumblr è ancora uno dei social più gettonati di sempre. 

    Il perché è semplice: secondo alcuni è il posto perfetto per i creator che possono condividere i propri lavori in maniera semplice e senza il peso dei like compulsivi; allo stesso tempo è anche il posto perfetto per parlare di se stessi e delle proprie passioni senza il bisogno di sembrare “cool” con stories e foto artistiche di pranzi, cene o delle proprie vacanze da sogno.

    Per molti Tumblr è ancora il ricordo dell’internet che fu; un posto nato per condividere e per fare squadra restando ben lontani dalle apparenze e dalle critiche feroci degli haters digitali e non. 

    Tumblr, forse, è l’ultimo baluardo di un web costruito su blog dai look scarni e un pochino cringe, ma che tutto sommato, dimostrano più umanità rispetto a quella smania del postare la propria vita com’è o come vorremmo che fosse.

    Per approfondimento: Quali sono i social network più usati in Italia

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb