Dalla riapertura delle frontiere che ha dato il via libera allaripresa dei viaggialle crescenti istanze in seno alla sostenibilità, scopriamo le cinque tendenze che condizioneranno il mercato dei pagamenti digitali nel 2023, secondo Visa.

Con i viaggi, crescono gli acquisti retail

Con l’allentamento delle misure sanitarie e la riapertura delle frontiere, lo shopping dei turisti stranieri si è ripreso nel 63% delle 500 destinazioni più visitate prima della pandemia.

Tra giugno e agosto del 2022, è aumentato su larga scala anche l’importo medio speso per viaggiatore all'estero (+ 13% rispetto al 2019), sia per la vendita al dettaglio che per hotel, ristoranti e attività di intrattenimento. 

Considerando poi che alcune frontiere devono ancora riaprire, come la Cina, è probabile che la spesa per i viaggi e quella retail crescano ancora.

Consumatori: sì ai comportamenti sostenibili

Secondo Skift and McKinsey, il 40% dei viaggiatori a livello globale è disposto a pagare fino al 2% in più per biglietti aerei a zero emissioni. Eppure solo il 14% lo ha fatto. Ma nel 2023 le opzioni disponibili aumenteranno.

Ad acquistare popolarità è il recommerce, ossia il commercio circolare in cui noleggio, ricarica, riparazione, vendita, restituzione e ridistribuzione dei beni consentono di compiere scelte più sostenibili. Il 69% dei consumatori dichiara di scegliere i retailer in base a queste attività.

Anche la convenienza giocherà un ruolo fondamentale, come nel caso della possibilità di pagare il trasporto pubblico con una carta di credito, di debito o prepagata contactless o con un dispositivo di pagamento abilitato. Il 91% degli utenti si aspetta che i pagamenti contactless faranno parte dell'esperienza di viaggio. 

Il B2B accelera sui pagamenti digitali

La digitalizzazione dei processi aziendali continuerà ad accelerare le transazioni B2B (l’80% sarà digitale entro il 2025) e le offerte di pagamento integrato al di là degli assegni e delle fatture cartacee. I team dedicati alla contabilità clienti già oggi sperimentano i vantaggi dell'invio di fatture elettroniche e della ricezione di pagamenti digitali. 

Anche le PA fanno progressi nella digitalizzazione dei pagamenti, sia sotto forma di erogazioni ai cittadini che da e verso le agenzie in qualità di clienti. Banche, processori di pagamenti e reti avanzano rispetto ai possibili casi d’uso delle carte virtuali.

Criptovalute, chi sopravvivrà vedrà

Visto il periodo di contrazione delle criptovalute, solo i progetti basati su un approccio misurato e conforme al nuovo sviluppo tecnologico, continueranno a generare soluzioni web3 significative per aziende e consumatori.

Governi, banche centrali, istituzioni finanziarie tradizionali e fintech si concentreranno su moneta e pagamenti programmabili, sia per quanto riguarda le CBDC che per le stablecoins o altre monete fiat tokenizzate.

I principali casi d'uso includono buste paga e micropagamenti in streaming e gli esborsi transfrontalieri. Inoltre, sempre più brand sfruttano la tecnologia NFT per nuove esperienze digitali.

Sicurezza e fiducia fondamentali

Lo stile di vita-lavoro "ibrido" apre nuove vie ai truffatori per accedere a dati sensibili. Il 58% dei viaggiatori è preoccupato di incorrere in frodi alle carte di credito o di debito. La minaccia più recente è quella delle identità sintetiche, create mescolando dati fittizi ad altri veritieri.

Mentre le piccole imprese continuano ad essere un bersaglio per la scarsità di risorse o know-how che impedisce di adottare strumenti di sicurezza adeguati, i progressi in materia di autenticazione e protezione degli utenti, come EMV 3D Secure (EMV 3DS), rendono più sicuro il commercio elettronico globale in tempo reale.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb