La notizia ha ormai fatto il giro del mondo: Netflix ha deciso di impedire la condivisione della password e dell’account ponendo definitivamente fine ad una pratica mai veramente autorizzata, ma sempre tollerata nei fatti. La società vuole raggiungere l’obiettivo entro i primi tre mesi del 2023 e dalla fine di marzo si potrebbe già assistere ai nuovi provvedimenti.

La società lo ha fatto sapere attraverso una lettera inviata agli investitori in cui ha messo in luce i successi ottenuti nell’anno appena passato e i miglioramenti che intende apportare per poter ottenere ancora più introiti. Ma come procederà per non rendere possibile la condivisione dell’account tra membri che non appartengono allo stesso nucleo familiare?

Netflix, le funzionalità per ostacolare la condivisione della password

Per poter evitare che persone che non vivono nella stessa abitazione condividano l’account Netflix e, di conseguenza, anche l’abbonamento e le relative spese, la piattaforma ha previsto la verifica del dispositivo per gli accessi da device che non sono stati precedentemente associati al nucleo familiare.

Per verificare un dispositivo, la piattaforma invia un codice all’indirizzo e-mail o al numero di telefono associato all'account, che dovrà essere inserito su Netflix in fase di login. 

Partiranno delle verifiche, basate su indirizzi IP, ID dei dispositivi e attività dell’account dai dispositivi che hanno effettuato l’accesso all’account e, qualora risultasse che un utente non appartenente al nucleo familiare sta usando l’account, verrà addebitato una spesa extra, non ancora quantificata o dichiarata, direttamente sulla carta di credito associata.

Gli abbonati al piano Standard o Premium in molti paesi (tra cui Canada, Nuova Zelanda, Portogallo e Spagna) possono aggiungere fino a due account secondari per utenti extra che non abitano con loro, ciascuno con un proprio profilo, suggerimenti personalizzati, login e password. Per avere un'idea dei costi, riportiamo quelli già dichiarati: il costo mensile aggiuntivo per persona è di 3,99 euro in Portogallo e 5,99 euro in Spagna. 

Netflix e condivisione password per chi viaggia

Si pone immediatamente un problema. Molti utenti utilizzano l’account Netflix anche quando sono in viaggio. Ciò potrebbe essere ostacolato dalle limitazioni pensate dalla società per evitare che la password venga condivisa da persone che non abitano insieme.

In un post pubblicato sul proprio sito, Netflix assicura che gli abbonati potranno continuare a guardare facilmente i contenuti della piattaforma sui loro dispositivi o accedere a una nuova TV, ad esempio in un hotel o in una casa in affitto per le vacanze.

Per consentire agli utenti che fino a questo momento hanno condiviso la password di continuare a visualizzare Netflix mantenendo la cronologia di visualizzazione, i consigli personalizzati e altro ancora, è stata attivata la funzionalità Trasferisci profilo che consente di trasferire un profilo da un account ad un altro appena realizzato.

A cura di Cultur-e