Netflix è la piattaforma di streaming video più famosa al mondo. Con il suo ampio catalogo contenente film, serie tv, documentari, cartoni animati, anime e tanto altro ancora, ha attirato l’interesse degli utenti del web e degli appassionati di cinema e televisione. Un grandissimo successo, che si può identificare con il numero di abbonati che cresce anno dopo anno e i profitti ottenuti.

Fino a questo momento, seppur le politiche della piattaforma prevedevano una condivisione solo tra i membri dello stesso nucleo familiare, molti utenti del web hanno creato un solo account da utilizzare contemporaneamente anche in abitazioni e luoghi diversi grazie alla condivisione della password. Una realtà a cui Netflix vuole immediatamente porre fine.

Stop alla condivisione delle password: la decisione di Netflix

La condivisione delle password tra non conviventi, seppur non prevista dalla piattaforma, è una realtà estremamente diffusa tra gli abbonati di Netflix. Con un solo account e la sottoscrizione di un abbonamento che prevede la visione in contemporanea di due o più schermi, più utenti non appartenenti allo stesso nucleo familiare hanno potuto usufruire del servizio. 

Una pratica a cui Netflix vuole definitivamente porre fine in tutto il mondo a partire dai prossimi mesi. A dichiararlo è la stessa società in una lettera indirizzata agli azionisti, in cui, oltre a mettere in risalto i successi ottenuti nell’anno, si afferma di voler puntare ad una maggiore crescita dei ricavi. Per questo si cercherà, nel prossimo futuro, di migliorare alcuni aspetti della piattaforma.

Tra le idee che potrebbero prendere vita entro la fine del primo trimestre del 2023, quindi entro marzo, c’è quella che riguarda la condivisione della password a pagamento. Gli abbonati, per poter dividere il prezzo dell’abbonamento con altri utenti che non vivono con loro, dovranno pagare un prezzo extra.

La crescita inarrestabili di Netflix: tutti i numeri

Il passaggio alle nuove modalità, ha affermato la società, avverrà in modo graduale. Si tratta di un modo per non causare la fuga degli abbonati e poter continuare il trend positivo dell’ultimo periodo. Nell’ultimo trimestre profitti e utenti sono cresciuti superando le aspettative e le previsioni.

L’inizio del 2022 non era stato particolarmente entusiasmante per la piattaforma di streaming, che aveva riscontrato alcune difficoltà, con un incremento degli utenti e dei profitti rallentato rispetto alle attese.

La società è riuscita poi a risollevarsi e a raggiungere i 32 miliardi di dollari di ricavi, di cui 7,8 miliardi di dollari sono quelli relativi all’ultimo trimestre dell’anno. Si prevede un’ulteriore crescita nei primi mesi del 2023: si potrebbe arrivare a sfiorare gli 8,2 miliardi di dollari. 

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb