In un documento redatto nel 2009, la Commissione Europea le ha poste al centro dei progetti di sviluppo dell'intera area Euro, definendole il motore dell'economia europea. Le Key Enabling Technologies (in italiano, tecnologie abilitanti fondamentali) sono al centro del dibattito europeo per capire e scoprire cosa ci attenderà in futuro e come l'uomo utilizzerà i dispositivi mobili. In un altro documento della Commissione Europea denominato "Developing a common strategy for key enabling technologies in the EU" sono identificate le sei tecnologie abilitanti fondamentali: nanotecnologia, nanoelettronica, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, materiali avanzati, fotonica, biotecnologie. Le Ket sono una parte fondamentale per raggiungere gli obiettivi che l'istituzione europea si è prefissata entro il 2020 (Horizon 2020). A causa dei lunghi tempi di sviluppo, la gran parte dei progetti di ricerca delle Key enabling technologies sono finanziati con fondi provenienti dalla Commissione Europea. Ecco cosa sono le Ket e come cambieranno il nostro futuro.

 

Key enabling technologies

 

Cosa sono le Ket

Le Key enabling technologies sono delle tecnologie individuate dalla Commissione Europea caratterizzate da investimenti importanti per la fase di Ricerca&Sviluppo, a cicli di innovazione rapida e da posti di lavoro altamente qualificati. Sono molto importanti perché aumentano il valore della catena di produzione e hanno la capacità di innovare i processi di produzione, semplificando le procedure e diminuendo i costi. Un prodotto basato su una Ket accresce il valore sociale del bene o del servizio prodotto.

Perché investire nello sviluppo delle Ket

All'interno del documento redatto per il programma Horizon 2020, la Commissione europea sottolineava l'importanza degli investimenti nella ricerca scientifica delle tecnologie abilitanti fondamentali per il cambiamento che apporteranno nei prossimi 5-10 anni all'interno del mondo della produzione, creando nuovi servizi e migliorando quelli esistenti. I paesi che sapranno avvalersi di queste tecnologie potranno produrre beni a basso impatto ambientale, garantendo benessere, prosperità e sicurezza ai propri cittadini.

 

Futuro a misura di hi-tech

 

Quali sono le tecnologie abilitanti fondamentali

Seguendo gli sviluppi della ricerca mondiale, l'istituzione europea ha identificato sei campi di ricerca dove concentrare maggiormente gli investimenti: nanotecnologie, nanoelettronica, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, fotonica, biotecnologie e materiali avanzati. Le ricerche finanziate dall'Unione europea risolveranno alcuni problemi legati soprattutto all'ambiente e alla velocità dei mezzi di comunicazione. Molti utilizzi di queste tecnologie sono al momento ignoti: solo i risultati delle ricerche potranno dire cosa ci riserverà il futuro.

 

Big data

 

Informazione e comunicazione

I big data avranno un ruolo fondamentale nella produzione di beni e di servizi nei prossimi cinque anni e non solo nel campo della comunicazione. Lo studio di grandi database di numeri migliorerà l'efficienza lavorativa e permetterà alle società di risparmiare denaro e di investire in nuovi macchinari e in lavoratori ad alta specializzazione. Intorno ai big data si strutturerà un'economia florida e con margini di crescita a due zeri. Un altro campo di sviluppo sarà quello dei sensori, sempre collegato con i big data. Analizzando i dati proveniente dai sensori posti nelle città o nei mari, sarà possibile programmare lo sviluppo futuro dei servizi, adattandoli alle caratteristiche degli abitanti.

 

Nanotecnologie

 

Nanotecnologie

Device sempre più piccoli e sempre più a contatto con l'uomo. Il numero di wearable aumenterà in maniera vertiginosa e saranno utilizzati per monitorare la salute fisica, il battito del cuore, e le prestazioni degli atleti. Tutti i dati saranno analizzati e spediti ai professionisti che potranno scoprire malfunzionamenti o problemi fisici. Le applicazioni sulla salute saranno sempre più precise e supporteranno il lavoro dei medici.

Nanoelettronica

Il settore manifatturiero e dell'automotive beneficerà delle nuove scoperte in campo della nanoelettronica. I nuovi semiconduttori porteranno un efficientamento dei costi e una migliore gestione delle risorse interne e del trasporto degli oggetti.

 

DNA

 

Biotecnologie

Le ricerche sul DNA miglioreranno le cure per le malattie che al momento sono difficilmente curabili. Nel settore della biotecnologia sono in campo grossi investimenti sia da parte dell'Unione Europea sia da parte delle grandi aziende farmaceutiche mondiali.

Fotonica

L'innalzamento delle temperature è un problema che ogni istituzione mondiale sta cercando di affrontare e risolvere al più presto. Le ricerche nel campo della fotonica porteranno a nuove scoperte nel campo delle rinnovabili e all'utilizzo di nuovi dispositivo che avranno un impatto minore sull'ambiente.

 

Fotonica

 

Materiali avanzati

Il futuro sarà caratterizzato da una scarsità dei beni primari, il riciclo dei materiali sarà l'unica soluzione per non dover far ricorso a oggetti altamente inquinanti. Dalla medicina fino ai trasporti, molti settori stanno investendo nella ricerca di nuovi strategie per il riciclo dei materiali.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb