login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Google ha realizzato un gioco che insegna a scrivere prompt AI

Ascolta l'articolo

Say what you see è il nuovissimo gioco realizzato da Google per far avvicinare gli utenti alla scrittura di prompt per l’intelligenza artificiale generativa

Intelligenza artificiale Jirsak/Shutterstock

Nelle ultime settimane si sta sentendo sempre più parlare di un nuovo sistema pensato per imparare a dialogare con l’intelligenza artificiale; si tratta di un gioco interattivo, sviluppato da Google, che insegna all’utente a realizzare prompt efficaci

Parliamo di Say what you see e, in effetti, rappresenta un approccio molto intuitivo per affacciarsi al mondo dell’interazione tra essere umano e AI generativa

L’utente visualizza delle immagini e deve provare a descriverle nella maniera più dettagliata possibile. Conclusa l’operazione, può leggere il prompt realmente utilizzato con cui era stato chiesto a un’intelligenza artificiale di realizzare proprio l’immagine in questione.

Say what you see è il gioco di Google imparare a scrivere prompt

Say what you see (traducibile in italiano come “Dì cosa vedi”) è un gioco piuttosto intuitivo, che si pone l’obiettivo di avvicinare gli utenti senza competenze informatiche al mondo dei prompt

Il termine prompt viene utilizzato per indicare quei testi scritti dall’essere umano per interagire con l’intelligenza artificiale generativa. Si pensi in tal senso alle classiche richieste che vengono inviate a chatbot tipo quello di ChatGPT

Il gioco Say what you see è sviluppato a livelli e per procedere è necessario ottenere un punteggio minimo

Molto semplicemente il sistema propone un’immagine e chiede all’utente di descriverla, il giocatore, dunque, deve letteralmente “dire cosa vede”, traducendo la percezione di un’immagine in testo. Un procedimento molto simile a quello che porta ad inviare richieste scritte ai tool di intelligenza artificiale generativa. 

Come si gioca a Say what you see

Say what you see è pensato per premiare l’attenzione dell’utente e la sua capacità di restituire in forma ordinata il maggior numero possibile di particolari. 

Per fare un esempio concreto è possibile citare l’immagine utilizzata per il primo livello di gioco: una foto che rappresenta un delizioso piatto di ramen

La schermata è divisa in due parti: la foto è disposta sul lato sinistro, mentre sul lato destro appare una casella vuota, in cui va inserita la descrizione testuale di ciò che si sta osservando. 

Scrivendo come risposta “un piatto di ramen” si supera il livello. Ma non si ottiene il massimo punteggio possibile. Il prompt corretto infatti è molto più dettagliato ed è traducibile in questo modo: “Una foto close up di una bowl di ramen con uova e cipolla tagliata ad anelli”.

Procedendo di livello in livello la sfida si fa sempre più complicata. E il raffronto tra le risposte dell’utente e i prompt originali aiuta a imparare le strategie più efficaci per comunicare in maniera corretta con un’intelligenza artificiale generativa. 

Say what you see è soltanto l’ultimo investimento fatto da Google a sostegno dello sviluppo dell’AI. Il Colosso di Mountain View continua infatti a lavorare al chatbot sperimentale Google Bard. E parallelamente prosegue lo sviluppo della famiglia di LLM Gemini

Per saperne di più: Intelligenza Artificiale: cos'è e cosa può fare per noi

A cura di Cultur-e
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Fda gratis svg
Iscriviti al canale gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.