login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Modalità ospite: cos’è e come attivarla su Android

Ascolta l'articolo

La modalità ospite, o guest mode, permette di creare profili utente con accesso limitato ai contenuti del dispositivo mobile. Ecco come attivarla sui dispositivi Android

smartphone Shutterstock

La modalità ospite, o guest mode, è una particolare modalità disponibile su diversi dispositivi Android. È pensata per permettere la creazione di più profili, limitando l’accesso a funzioni, app o contenuti specifici. 

Grazie alla modalità ospite gli utenti possono tutelare la propria privacy anche nel caso in cui passino il proprio dispositivo mobile nelle mani di qualcun altro

L’impostazione della guest mode e di uno o più profili ospite è però soltanto una delle opzioni a disposizione di chi vuole proteggere informazioni sensibili. 

I Tech-Quiz di Mister Plus

0/ 0
Risposte corrette
0' 0"
Tempo impiegato
Vai alla classifica

I dispositivi Android sono infatti dotati di diverse funzionalità dedicate alla privacy e la privacy online. A cui andrebbero aggiunte per lo meno le principali buone abitudini di sicurezza informatica

  • 1. Perché attivare la modalità ospite su Android
    Smartphone Android

    Kazick / Shutterstock.com

    Le ragioni che possono portare l'utente a utilizzare la modalità ospite (guest mode) su dispositivo Android sono molteplici. Ma hanno fondamentalmente a che fare con la tutela di sicurezza e privacy.

    Quando si passa di mano il proprio smartphone infatti si offre la possibilità di accedere a contenuti sensibili. La tipologia di contenuto varia di utente in utente. Così come è diverso il grado di sensibilità che spinge il singolo a considerare un’informazione più o meno privata.

    Buona parte degli utenti con ogni probabilità reputa prioritaria se non altro la tutela di credenziali di accesso e password. Se non altro di quelle che permettono di accedere a servizi legati alla gestione di un conto corrente

    O più in generale che permettano di accedere a beni di valore: si pensi in tal senso alle credenziali di accesso a broker o piattaforme di trading. E alla possibilità di lasciare asset più o meno preziosi in mani più o meno affidabili.

    Allo stesso tempo ci sono utenti particolarmente affezionati a contenuti multimediali come foto o video personali. Così come ci sono utenti che magari non vogliono rendere nota l’iscrizione a un’app o a un servizio specifico. 

    In tutti questi casi la guest mode può rappresentare un’ottima soluzione. La modalità ospite infatti permette di creare utenze ad hoc, con accesso limitato alle informazioni contenute all’interno del dispositivo mobile. 

    Le possibilità di settaggio e personalizzazione del profilo ospite variano di caso in caso. Mentre è generalmente diffusa la possibilità di creare più utenze, con condizioni di accesso diverse. 

    Si pensi in tal senso a un profilo ospite dedicato a un minore, che potrebbe seguire i principi del parental control. O a determinati profili creati per i colleghi, che limitino l’accesso a dati necessari per l’attività lavorativa. 

  • 2. Come attivare la modalità ospite su Google Pixel
    Smartphone Google

    Shutterstock

    La modalità ospite non è disponibile su tutti i dispositivi Android. Così come non è detto che sia disponibile su smartphone e tablet realizzati dallo stesso brand. 

    Gli smartphone Google Pixel sono sicuramente un buon punto di partenza per definire alcune linee guida necessarie all’attivazione della guest mode. In questo caso la procedura è stata eseguita sul modello Google Pixel 8 Pro.

    La prima cosa da fare è espandere il pannello delle Impostazioni rapide. Per farlo bisogna far scorrere un dito verso il basso sulla schermata per due volte. Dopodiché bisogna fare tap sull’icona a forma di ingranaggio

    A questo punto bisogna cercare prima la voce di nome Sistema e poi la voce di nome Utenti multipli. Spuntando quest’ultima di fatto si attiva la modalità ospite sul dispositivo. 

    Per creare un nuovo profilo bisogna fare tap sulla voce di nome Aggiungi ospite. Il profilo creato andrà poi abilitato alle funzioni e ai contenuti disponibili: ad esempio le telefonate, piuttosto che la visualizzazione delle email

    Google Pixel permette inoltre di passare velocemente da un profilo all’altro. Per farlo bisogna tornare alle Impostazioni rapide

    Nel caso in cui siano stati creati più profili, appariranno tutte le icone che li rappresentano. Per passare da un profilo all’altro sarà sufficiente fare tap sull’icona che rappresenta il profilo che si vuole selezionare. 

  • 3. Come attivare la modalità ospite su Samsung Galaxy
    Samsung Galaxy

    Framesira / Shutterstock.com

    Anche Samsung Galaxy permette di tutelare la privacy abilitando la guest mode. Ma attenzione, in questo caso la modalità ospite è disponibile soltanto sui tablet dell’azienda sudcoreana e non sui suoi smartphone: ad esempio Samsung Galaxy Tab S9.

    La prima cosa da fare per passare alla modalità ospite è selezionare il menù delle Impostazioni. Da qui bisogna fare tap sulla voce di nome Account e backup. Al suo interno è possibile abilitare la presenza di più utenti.

    A questo punto è possibile selezionare la voce di nome profilo Ospite, attivando di fatto la guest mode. Questo profilo può anche essere rimosso dalla schermata in visione. 

    Samsung Galaxy è dotato di alcune scorciatoie che permettono di avviare un profilo ospite senza passare per le Impostazioni classiche. 

    In questo caso bisogna aprire il pannello dedicato alle Impostazioni rapide. Dopodiché bisogna fare tap sull’icona dedicata agli utenti e poi selezionare la voce di nome Ospite

  • 4. Altri modi per tutelare la propria privacy su Android
    Privacy su Android

    AngieYeoh / Shutterstock.com

    Al di là della modalità ospite, gli smartphone Android offrono diverse strade per migliorare il livello di protezione della propria privacy. 

    La prima è sicuramente l’impostazione di un PIN per sbloccare lo schermo. Allo stesso modo è possibile filtrare notifiche e contenuti sensibili, in modo che non appaiano in caso di schermo bloccato. 

    Un altro modo per proteggere informazioni private su smartphone Android consiste nel nascondere determinate applicazioni. Ad esempio quelle che contengono informazioni bancarie o sanitarie.

    Infine i titolari di smartphone Android farebbero bene a seguire alcune tra le più importanti buone pratiche di sicurezza informatica

    Ad esempio evitare di connettersi a Wi-Fi pubbliche e poi condividere dati personali sensibili. Ma anche evitare di scaricare software o app al di fuori del Play Store o degli store ufficiali di produttori attendibili.

    Inoltre è sicuramente consigliabile aggiornare costantemente il dispositivo e dotarlo di un antivirus per Android. Effettuare scansioni con continuità è infatti un ottimo metodo per individuare potenziali minacce alla propria privacy. Ma anche file malevoli che rischierebbero di compromettere il dispositivo.

    Per saperne di piùAndroid, caratteristiche del sistema operativo

Addestramento IA non consentito: É assolutamente vietato l’utilizzo del contenuto di questa pubblicazione, in qualsiasi forma o modalità, per addestrare sistemi e piattaforme di intelligenza artificiale generativa. I contenuti sono coperti da copyright.
Whatsapp
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Fda gratis svg
Iscriviti al canale gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.