login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

DuckAssist, il motore di ricerca ti fa rispondere dall'IA come ChatGPT

Ascolta l'articolo

Ecco la nuova funzionalità AI-based del motore di ricerca DuckDuckGo che genera risposte in linguaggio naturale alle query di ricerca utilizzando Wikipedia

chat Shutterstock

DuckDuckGo, il motore di ricerca europeo che tutela la privacy, ha svelato DuckAssist: la sua versione di piattaforma potenziata dall'IA di Chat GPT. Un tool gratuito realizzato grazie alla collaborazione con OpenAI e la startup Anthropic.

Così DuckDuckGo segue il percorso intrapreso da Microsoft con Bing, e quanto promesso da Google con Bard, ma DuckAssist non è un chatbot vero e proprio: piuttosto, una espansione delle Instant Answer, funzionalità già conosciuta e parte integrante dell’esperienza d’uso di DuckDuck Go.

In pratica, si tratta di uno strumento in grado di estrarre informazioni da Wikipedia per fornire risposte in linguaggio naturale alle domande degli utenti, proprio sopra i normali risultati di ricerca privata.

Per ora, la versione beta di DuckAssist è disponibile solo in inglese nelle app di navigazione (iOS , Android e Mac) e nelle estensioni del browser (Firefox, Chrome e Safari) di DuckDuckGo. Se andrà come sperato, verrà presto distribuita a tutti gli utenti della ricerca DuckDuckGo.

Come funziona DuckAssist

DuckAssist è stato progettato per essere integrato nella ricerca privata di DuckDuckGo, rispecchiando l'aspetto dei risultati di ricerca tradizionali anche se il contenuto è nuovo e generato dall'IA. DuckAssist risponde alle domande scansionando un insieme specifico di fonti per ora Wikipedia e occasionalmente siti correlati come Britannica.

La scelta di Wikipedia è imputabile alla sua relativa affidabilità su un'ampia varietà di argomenti. Poiché si tratta di una risorsa pubblica con un processo editoriale trasparente che cita tutte le fonti, si può facilmente tracciare da dove provengono le informazioni.

Formulare la query di ricerca come una domanda e l'aggiunta della parola "wiki" aumentano la probabilità che DuckAssist appaia nei risultati di ricerca

DuckAssist utilizza la tecnologia NLP di OpenAI e Anthropic per riassumere ciò che trova in Wikipedia e quindi, dovrebbe rispondere più direttamente alla domanda dell’utente rispetto ai risultati di ricerca tradizionali o ad altre risposte istantanee. 

Ma visto che il database è la versione più recente di Wikipedia, che ha al massimo poche settimane, potrebbero riscontrarsi lacune riguardo a eventi recenti o ancora in sviluppo. In ogni caso, la combinazione di IA generativa e Wikipedia aumenta il numero di risposte istantanee e aiuta a trovare le informazioni più velocemente.

Vantaggi e svantaggi di DuckAssist

L’IA generativa è progettata per generare testo in risposta a qualsiasi richiesta, indipendentemente dal fatto che "conosca" o meno la risposta. Tuttavia, chiedendo a DuckAssist di riassumere solo informazioni da Wikipedia e fonti correlate, la probabilità che inventi qualcosa diminuisce.

In tutti i casi, sotto il sommario apparirà un collegamento alla fonte che spesso indirizzerà a una sezione specifica di un articolo Wikipedia in modo che si possa approfondire.

DuckAssist non genererà sempre risposte accurate e potrà commettere errori rispondendo a domande particolarmente complesse

Poiché c'è un limite alla quantità di informazioni che la funzione può riassumere, la società fa sapere che seleziona le frasi in Wikipedia che ritiene più rilevanti.

Le inesattezze possono verificarsi con l’omissione involontaria di frasi chiave o per errori nel materiale di origine. Ecco perché è importante gli utenti condividano il feedback durante questa fase beta. 

Integrata nella DuckDuckGo Private Search, anche DuckAssist è gratuita e anonima. La società rassicura sul fatto che non salverà né condividerà le ricerche o la cronologia di navigazione e nemmeno l’indirizzo IP, mantenendo l’anonimato anche rispetto a OpenAI e Anthropic.

A cura di Cultur-e
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa