login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

Come estendere il segnale wireless con un ripetitore WiFi

Ascolta l'articolo

Ci sono punti della casa in cui la connessione wireless non arriva? Ecco come aumentare il segnale Wi-Fi con un altro router e altri consigli da seguire

router wifi Shutterstock

Gli utenti che sperimentano problemi di velocità con una connessione Internet wireless spesso decidono di dotarsi di un amplificatore Wi-Fi. Un dispositivo che può essere considerato come una specie di ripetitore del segnale Wi-Fi originario

L’amplificatore Wi-Fi permette di superare eventuali ostacoli fisici che bloccano la diffusione del segnale: ad esempio pareti, ma anche mobili di grandi dimensioni. Allo stesso modo in certi casi aiuta a ovviare alla sovrapposizione di onde elettromagnetiche sulla stessa banda di frequenza. 

Bisogna però tenere a mente che esistono tante diverse tipologie di amplificatore del segnale Wi-Fi. La prima cosa da fare dunque è imparare a conoscere i vari modelli, in modo da individuare quello di cui si ha realmente bisogno. 

Inoltre è bene considerare che esistono strade alternative che permettono di estendere e migliorare la qualità di una connessione Internet wireless. Per questo motivo in questa sede verrà spiegato anche come aumentare il segnale Wi-Fi con un altro router

  • 1. Come scegliere se acquistare un ripetitore di segnale Wi-Fi
    Amplificatore wifi attaccato alla presa a muro

    Shutterstock

    Una prima soluzione valida che permette di estendere la qualità del segnale wireless consiste nell’acquistare un Wi-Fi extender: un dispositivo che svolge il compito di amplificatore del segnale Wi-Fi

    Esistono tantissimi modelli di ripetitore di segnale Wi-Fi sul mercato e apparentemente potrebbero sembrare grosso modo tutti uguali. In realtà ci sono molti aspetti da tenere in considerazione per scegliere un Wi-Fi extender in maniera consapevole. Bisogna individuare il dispositivo più adatto alle proprie esigenze e per farlo bisogna prestare attenzione se non altro a:

    • Compatibilità con le bande di frequenza
    • Supporto di frequenze multiple
    • Standard di sicurezza
    • Compatibilità con il mesh networking
    • Funzionalità extra

    Detto ciò è importante considerare che in determinate circostanze l’acquisto di un amplificatore del segnale Wi-Fi potrebbe non essere la soluzione più corretta.

    Nel caso in cui la connessione wireless fosse poco performante in termini assoluti, sarebbe sicuramente più opportuno valutare l’acquisto di un nuovo modem. E quindi capire come aumentare il segnale Wi-Fi con un altro router. 

    Allo stesso tempo è sempre importante sottolineare come neanche il miglior amplificatore Wi-Fi sia (ad oggi) in grado di competere con la stabilità e la velocità di una connessione effettuata via cavo Ethernet

  • 2. Come scegliere il ripetitore di segnale Wi-Fi
    Coppia di amplificatori wifi su tavolo

    Shutterstock

    Dopo le opportune valutazioni, l’utente può avere deciso con ragionevole certezza che l’acquisto di un amplificatore Wi-Fi è il modo migliore per aumentare il segnale wireless domestico.

    In questo caso non resta che tornare agli aspetti a cui prestare massima attenzione, cui si accennava nei capoversi precedenti. Il primo aspetto da verificare è sicuramente la compatibilità del ripetitore di segnale Wi-Fi con bande di frequenza e standard aggiornati

    Ormai il primo celebre standard Wi-Fi (IEEE 802.11) è decisamente obsoleto. Lo stesso discorso vale per le sue evoluzioni successive 802.11a e 802.11b, oggi praticamente inutilizzate. 

    Al contrario i router Wi-Fi più attuali sono compatibili con almeno uno standard tra 802.11g, 802.11n e 802.11ac. A ciò si aggiunge che i dispositivi più moderni sono retrocompatibili. In tal senso è utile ricordare che la velocità di connessione massima sarà sempre e comunque quella dettata dallo standard più vecchio

    Le periferiche di rete compatibili con lo standard 802.11n e successivi sono generalmente dotate della cosiddetta funzionalità dual band. Questa permette di inviare pacchetti di dati su due bande di frequenza diverse: da una parte quella da 5 GHz, dall’altra quella da 2m4 GHz. 

    L’aggiornamento dell’amplificatore Wi-Fi è direttamente correlato anche agli standard di protezione che propone. Anche da questo punto di vista è fondamentale che il dispositivo sia sufficientemente al passo coi tempi. Uno standard di riferimento in tal senso è il WPA3, che ha fissato diverse carenze e falle dello standard precedente WPA2.

    Nel caso in cui il router supporti il mesh networking è necessario optare per un amplificatore di segnale Wi-Fi adeguato. In questo modo si ottiene il vantaggio di sfruttare gli stessi access point per stabilire connessioni rapidissime, senza il bisogno di un intervento di configurazione manuale.

    Infine i vari modelli di ripetitore di segnale Wi-Fi possono distinguersi per tutta una serie di funzionalità extra. Ad esempio la presenza di porte Ethernet o USB addizionali. Ma anche il supporto diretto per lo streaming audio

  • 3. Come aumentare il segnale Wi-Fi con un altro router
    Uomo sistema antenne del router wifi

    Shutterstock

    Un utente che abbia a disposizione due router dotati di connettività wireless può scegliere di collegarli per potenziare il livello di segnale. 

    Imparare come aumentare il segnale Wi-Fi con un altro router significa semplicemente imparare a orientarsi tra le varie tipologie di connessione disponibili: quella in parallelo, quella a cascata o quella in modalità ripetitore

    Il collegamento tra router in parallelo è anche noto col nome di collegamento LAN-LAN. L’utente collega i due dispositivi attraverso cavo Ethernet, andando a creare due reti che possono essere considerate contigue. Il router connesso a Internet genera la rete, quello aggiuntivo di fatto la prolunga, diventando un secondo access point

    Il collegamento tra router a cascata è anche noto col nome di collegamento LAN-WAN. Anche in questo caso i due router sono collegati via cavo Ethernet, ma è il secondo che genera una rete Wi-Fi e che diventa access point per il primo

    In questo caso dunque la rete secondaria non è continua a quella primaria. Al contrario è interna ad essa. Una delle conseguenze di questo approccio è che i device connessi a una rete wireless non possono vedere quelli connessi all’altra. 

    Infine è possibile che un router Wi-Fi supporti la cosiddetta modalità ripetitore. In questo caso un eventuale router aggiuntivo diventa un semplice ripetitore del segnale Wi-Fi. Si connette al primo tramite connessione wireless e amplifica l’intensità del segnale

    Non a caso di solito i router collegati tramite modalità ripetitore tendono a venire posizionati in aree o stanze strategiche della casa: luoghi in cui il livello di segnale fatica a raggiungere il 50%. 

    Per saperne di più: Come si scrive, cosa si intende e come funziona il WiFi

A cura di Cultur-e
I lavori del futuro
I lavori del futuro
Scopri come cambieranno e quali competenze allenare per arrivare pronto.
Iscriviti al corso gratuito!

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa