login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Dove piazzare il router WiFi e altri utili accorgimenti per migliorare la copertura wireless in casa

Ascolta l'articolo

Consigli utili per capire dove posizionare il modem Wi-Fi in casa. Ma anche per modificare le impostazioni del dispositivo e migliorare la velocità di navigazione

segnale wifi Shutterstock

Chiunque abbia problemi di connessione Internet presto o tardi finisce per farsi una domanda del tipo: dove posizionare il modem Wi-Fi in casa? Le risposte sono molteplici e molto dipende dalla conformazione e l’arredamento della propria abitazione

Per avvicinarsi in maniera consapevole all’argomento sarebbe utile studiare il funzionamento delle onde elettromagnetiche. Ma è comunque possibile seguire alcuni consigli di buon senso che permettono di migliorare l’esperienza di navigazione. 

Inoltre la disposizione del router Wi-Fi è soltanto uno degli aspetti che hanno ripercussioni sulla velocità di upload e download di informazioni sul Web. Per navigare più velocemente è anche possibile modificare le impostazioni del dispositivo

I Tech-Quiz di Mister Plus

0/ 0
Risposte corrette
0' 0"
Tempo impiegato
Vai alla classifica

È anche possibile valutare la sostituzione del router o più semplicemente delle sue antenne esterne (ove presenti). Infine è possibile valutare l’acquisto di un dispositivo amplificatore del segnale Wi-Fi

  • 1. Trovare il luogo perfetto dove posizionare il modem Wi-Fi in casa
    Ragazzo alla scrivania con cellulare in mano, router e pc

    Shutterstock

    La necessità di individuare il posto migliore dove posizionare il modem Wi-Fi in casa nasce spesso e volentieri da un problema. Ad esempio l’impossibilità di sfruttare a pieno la velocità della rete. O magari la difficoltà di connettersi da una stanza o un’area dell’abitazione specifica. 

    In entrambi i casi può capitare che a fare la differenza sia proprio il posizionamento del router o dell’amplificatore di segnale Wi-Fi. Proprio il segnale infatti può venire bloccato o “rimpallato” da ostacoli fisici di varia natura: dai muri ai mobili, dalle travi alle apparecchiature elettroniche. 

    Per comprendere al meglio dove posizionare il modem Wi-Fi in casa sarebbe utile avere almeno un’infarinatura di Fisica: più precisamente in merito al funzionamento delle onde elettromagnetiche. 

    In questa sede sarà sufficiente sottolineare come le onde elettromagnetiche della connessione Wi-Fi rendano al meglio in assenza di ostacoli fisici. Dunque l’utente farebbe bene a posizionare un router Wi-Fi o un amplificatore del segnale Wi-Fi a vista.

    Ostacoli visivi come le pareti o gli armadi rischiano concretamente di diminuire la potenza del segnale, a prescindere dalle impostazioni del dispositivo e dalla tipologia di connessione in uso. 

    A ciò si aggiunge l’ulteriore complicazione di eventuali altri segnali wireless di rimbalzo. Le onde elettromagnetiche infatti rischiano di perdere potenza nel momento in cui si trovino a interagire con altre onde elettromagnetiche

    In questo caso a volte basta spostare il modem di pochi centimetri per sperimentare risultati sensibilmente differenti in termini di velocità di connessione in upload e download. 

    In conclusione ecco qualche consiglio più concreto e mirato per trovare le posizioni ideali di un modem Wi-Fi e di uno o più connected device:

    • i dispositivi devono vedersi: la linea d’aria tra loro non deve dunque essere ostacolata da oggetti di dimensioni troppo voluminose
    • l’area nei dintorni del modemWi-Fi o dell’amplificatore del segnale Wi-Fi deve essere tendenzialmente sgombra
    • spostare il router Wi-Fi di pochi passi o semplicemente cambiare il suo orientamento può portare a risultati migliori
    • attenzione alle antenne esterne del router: anche queste possono essere spostate o girate in modo da cercare di ottimizzare la ricezione e la diffusione di segnale
    • attenzione alla concorrenza: il Wi-Fi utilizza la stessa banda di frequenza di altri dispositivi di comunicazione. Anche i telefoni cordless e determinati elettrodomestici utilizzano la banda da 2,4 GHz. Il troppo rumore elettromagnetico ambientale rischia di ridurre la qualità del segnale. 

  • 2. Interventi diretti sul router Wi-Fi
    Router wifi su tavolino in soggiorno

    Shutterstock

    Una volta stabilita la posizione ideale per il router Wi-Fi è possibile entrare nel merito di alcuni interventi diretti che spesso migliorano la qualità e la disponibilità della connessione wireless. 

    Il primo ha a che fare con la regolamentazione delle connessioni. L’utente può insegnare al dispositivo a limitare la banda utilizzata in base al dispositivo che ha bisogno di connessione. Ad esempio diminuendo la banda a disposizione delle console per il gaming online o lo streaming video. 

    Inoltre è sempre consigliabile verificare che il firmware del router sia aggiornato. Questo check serve innanzitutto a garantire che i protocolli di sicurezza siano ottimali. Allo stesso modo è consigliabile aggiornare anche i server DNS.

    I server DNS non sono direttamente collegati al router Wi-Fi. Al tempo il router utilizza di default dei server DNS assegnati dal gestore. Optare per server DNS alternativi può portare a un’esperienza di navigazione più reattiva. Inoltre permette di superare i blocchi imposti da alcuni siti Internet

    Infine è possibile modificare la banda utilizzata dal router, in modo da diminuire i fenomeni di rumore elettromagnetico descritti nei capoversi precedenti. 

    I dispositivi più moderni utilizzano automaticamente bande che vanno dai 2,4 ai 5 GHz. Regolare manualmente la banda in uso permette al router di agire senza interferenze. Allo stesso tempo è importante ricordare che la banda da 2,4 GHz ha portata maggiore e che di solito garantisce un’esperienza migliore di navigazione.

  • 3. Altri consigli per amplificare il segnale del router Wi-Fi
    Uomo collega cavo di rete al router

    Shutterstock

    Spesso e volentieri il modem Wi-Fi utilizzato in casa viene fornito direttamente dal gestore telefonico. In questo caso l’utente può richiedere una sostituzione del dispositivo, in modo da avere a disposizione un modello sempre aggiornato e perfettamente funzionante

    In alternativa è possibile pensare di sostituire soltanto le antenne del router. In questo caso sarebbe bene acquistarne di qualità superiore rispetto a quella base, in modo da migliorare la qualità del segnale wireless.

    Infine si può anche valutare la possibilità di acquistare un extender Wi-Fi: un dispositivo che svolge il ruolo di amplificatore del segnale Wi-Fi. Un extender Wi-Fi può essere la soluzione ideale per portare il segnale in stanze troppo lontane del router. E più in generale per rendere il segnale più distribuito e omogeneo

    Va però sottolineato come molti utenti preferiscano l’acquisto di un nuovo router Wi-Fi a quello di un semplice amplificatore di segnale. La spesa sarà tendenzialmente superiore, ma andrà di pari passo con la qualità della connessione wireless disponibile.

    Per saperne di più: Come si scrive, cosa si intende e come funziona il WiFi

A cura di Cultur-e
Addestramento IA non consentito: É assolutamente vietato l’utilizzo del contenuto di questa pubblicazione, in qualsiasi forma o modalità, per addestrare sistemi e piattaforme di intelligenza artificiale generativa. I contenuti sono coperti da copyright.
Fda
Prompt engineering
Immagine principale del blocco
Prompt engineering
Fda gratis svg
Come interrogare le intelligenze artificiali
Iscriviti al corso gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.