login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Cloud engineer, chi è, cosa fa e cosa fare per diventarlo

Ascolta l'articolo

Il Cloud engineer è un professionista IT responsabile degli aspetti più tecnologici legati al cloud computing. L’anatomia di uno dei lavori del futuro

tecnico IT con tablet al lavoro in un data center Shutterstock

Chi cerca lavoro nel settore dell’Information Technology ha di che rallegrarsi: l'ingegneria cloud sta vivendo un boom esponenziale di richieste. Non solo questo settore offre un'infinità di opportunità, ma anche stipendi che superano i 120.000 dollari all'anno in alcuni Paesi. Si tratta di quasi 40.000 dollari in più di quanto guadagnano gli sviluppatori di software senior.

Questo è dovuto soprattutto alla scarsità di talenti. Infatti, la maggior parte delle aziende fatica a trovare candidati con le competenze tecnologiche e di sicurezza necessarie a gestire i servizi in cloud e altri progetti di trasformazione digitale.

Mentre le aziende si affrettano per migrare al Cloud Computing al fine di risparmiare sui costi, migliorare la flessibilità e aumentare la scalabilità, questo potrebbe essere il momento perfetto per gli aspiranti ingegneri per entrare in uno dei campi più dinamici del momento.

Perché diventare Cloud Engineer

mani femminili intente a scrivere alla tastiera di un laptop

Credits Shutterstock

Diventare un Cloud Engineer è molto di più che soddisfare una semplice richiesta di mercato: significa mettersi in gioco in un campo tecnologico stimolante. Questi ingegneri sono impegnati nella risoluzione di una grande pletora di problemi per aziende in tutto il mondo. Accessibilità, archiviazione, sicurezza, sono tematiche sempre più importanti nell’era dello smart working.

Ma la padronanza di questa professione comporta molto di più. Il Cloud Computing richiede innovatori che possiedono competenze eccezionali in DevOps, sicurezza web, disaster recovery, containerizzazione, apprendimento automatico in rete e progettazione di sistemi, il tutto per realizzare la magia dell'IT.

Inoltre, se si possiede un background nello sviluppo di software, si è già dotati del know-how necessario per diventare un Cloud Engineer.

Il passaggio dai ruoli tradizionali di ingegneria del software a questa nuova professione richiede solo piccoli aggiustamenti. Ciò significa che se il nostro bagaglio di competenze include Java, Python o SQL siamo già a metà strada per essere presi in considerazione dai datori di lavoro che cercano ingegneri del cloud.

Identikit del Cloud Engineer

coppia di tecnici it all'interno di un data center

Credits Shutterstock

Il Cloud Engineer è il professionista di riferimento per tutte le questioni tecniche e tecnologiche relative all'ambiente Cloud di un'azienda. Esperto nell'elaborazione dei dati, nelle soluzioni di archiviazione e nei protocolli di sicurezza, come le politiche di Identity Access Management (IAM), è un attore chiave quando si tratta di creare best practice che mantengano le informazioni al sicuro e garantiscano l'efficienza dei dipendenti. La loro competenza spazia dalla pianificazione, all'architettura e alla gestione, al monitoraggio, fino alle attività di risoluzione dei problemi: un maestro di molti mestieri basati sul cloud aziendale.

I Cloud Engineer sono professionisti IT che sviluppano e implementano applicazioni cloud, migrano le applicazioni on-premise esistenti nel cloud ed eseguono il debug degli stack cloud

Il lavoro di un Ingegnere Cloud consiste nel garantire che un'organizzazione disponga dei giusti sistemi tecnologici. Ciò comporta la valutazione dell'infrastruttura attuale e la migrazione senza soluzione di continuità verso soluzioni basate sul cloud.

Da lì, supervisiona il funzionamento di questi servizi, configurando correttamente i sistemi informatici, di rete e di sicurezza, e apporta correzioni qualora necessario. Il tutto con la formazione di colleghi e stakeholder sull'uso corretto di queste tecnologie.

Inoltre, un Cloud Engineer collabora a stretto contatto con la direzione per qualsiasi installazione o acquisto da effettuare, prima di negoziare l’acquisto o il noleggio di apparecchiature hardware e sistemi di archiviazione.

Un Ingegnere Cloud di successo non è solo tecnicamente esperto, ma deve anche collaborare efficacemente con persone di diversi livelli di competenza. Ciò che lo distingue veramente, però, è il desiderio di non smettere mai di imparare e di perfezionare le proprie competenze.

Un Cloud Engineer ha il compito di sviluppare soluzioni innovative per applicazioni e utility basate sul cloud, garantendo che i dati aziendali rimangano al sicuro da qualsiasi rischio di sicurezza. Inoltre, mette a disposizione le sue competenze ingegneristiche per creare funzionalità che aiutino i colleghi a potenziare la loro produttività all'interno dell'organizzazione.

Cosa fare per diventare Cloud Engineer

coppia di tecnici IT all'interno di un data center

Credits Shutterstock

Coloro che desiderano entrare nel mondo dell'ingegneria del cloud dovranno prendere in considerazione una laurea in Informatica, Ingegneria o in Ingegneria informatica come pietra angolare.

Per fare carriera e distinguersi dalla massa, gli esperti suggeriscono di affinare le competenze con certificazioni pertinenti come CompTIA A+, Systems Security Certified Practitioner (SSCP) e AWS Certified Solutions Architect Associate. Queste credenziali possono fare la differenza in sede di colloqui.

Per avere successo come Cloud Engineer, è necessario possedere un arsenale impressionante di competenze hard. Oltre a una conoscenza approfondita delle principali piattaforme cloud, come Google Cloud Platform, Amazon Web Services o Microsoft Azure, occorre avere una certa dimestichezza con i componenti di rete, come firewall e router. Richiesta anche una buona preparazione in ambiti quali networking, sicurezza informatica e architetture.

Dimostrare una competenza nella sicurezza web, nelle risorse IT e nelle applicazioni software, oltre a una conoscenza approfondita dell'ambiente competitivo in cui opera la azienda, darà un netto vantaggio rispetto ad altri candidati

Inoltre, sarebbe vantaggioso avere esperienza con diversi linguaggi di programmazione (Python, Java, Go e R), così come nella manipolazione di vari sistemi operativi (Linux, UNIX, Windows, macOS), senza dimenticare i protocolli TCP/IP, compresi DNS e HTTP, tutte ottime credenziali per affinare la metodologia devOps, dove entrano in gioco strumenti come Chef, Docker o Git.

Per saperne di più: Quali sono i lavori del futuro che richiedono competenze tecnologiche e di sicurezza

A cura di Cultur-e
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Fda gratis svg
Iscriviti al canale gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.