Nell’ultimo decennio la tecnologia cloud sta assumendo un predominio ormai incontrastato, andando sempre più velocemente a sostituire il vecchio modello on premise. All’aumento della domanda è corrisposto ovviamente un aumento dell’offerta, sia in termini di provider piccoli e grandi, sia per l’aumento di opzioni possibili.
Al momento i servizi cloud tra cui scegliere sono quattro: cloud pubblico, cloud privato e le combinazioni di questi due modelli che prendono il nome di cloud ibrido e multicloud. Poiché l’entità del servizio varia a seconda del cloud scelto, vale la pena di conoscere e capire le differenze tra le due forme principali, così come i relativi aspetti positivi e negativi.

Quali modelli di cloud esistono?

E’ ormai evidente a tutti che gli sviluppi tecnologici degli ultimi anni ci portano ad avere il cloud ovunque. Infatti, non soltanto gli utenti finali privati si affidano sempre più spesso ai servizi cloud come Google Drive o Microsoft OneDrive, per non parlare dei derivati del cloud come Alexa o Google Home, ma anche le imprese utilizzano sempre più le prestazioni di calcolo aggregate, con accesso flessibile e l'elevata sicurezza dei dati del cloud. Attualmente gli utenti hanno la possibilità di scegliere tra due diversi modelli di cloud e due combinazioni derivanti:

  1. Cloud pubblico. Il cloud pubblico è di proprietà ed è gestito da un fornitore di terze parti. Gli utenti accedono ai servizi di questo modello tramite Internet. In sintesi, gli utenti possono condividere storage, dispositivi o hardware con tutti i tenant partecipanti senza alcun costo iniziale. In alcuni casi, i fornitori utilizzano strutture basate su abbonamento, in cui gli utenti pagano in base al loro specifico utilizzo del cloud.
  2. Cloud privato. Un cloud privato è un'architettura single-tenant con un'infrastruttura hardware dedicata. Questa disposizione può essere implementata in un data center in loco di un'azienda o dal fornitore di servizi di terze parti che lo ospita. In questo caso, il fornitore di servizi è responsabile della cura dell'infrastruttura sottostante. I server sono isolati da altri componenti e accessibili tramite una rete privata.
  3. Cloud ibrido. E' un servizio costituito da una combinazione di cloud diversi, che possono includere private cloud, cloud pubblici e provider di servizi cloud (CSP). Per esempio: in uno stack applicativo a tre livelli, il servizio di presentazione può trovarsi su un cloud pubblico, il servizio applicativo può invece risiedere su un private cloud gestito mentre, magari, il servizio di database si trova in un datacenter on-prem.
  4. Multicloud. Corrisponde all’utilizzo contemporaneo di uno stesso modello di cloud (sia pubblico che privato) messo a disposizione da diversi provider di servizi cloud. Le imprese utilizzano in questo modo più cloud pubblici e privati contemporaneamente.

 

Cloud pubblico-cloud privato-modello di cloud

gremlin / E+ via Getty Images

 

Cloud pubblico e cloud privato: quali sono le differenze?

Nella scelta tra i diversi modelli di cloud non esiste una soluzione che vada bene a prescindere. In base alle esigenze ogni modello cloud può comportare vantaggi e svantaggi, per questo è molto importante fare un’analisi dei propri processi e del proprio workload.

A mio avviso, se si sceglie un ente terzo per effettuare questo tipo di analisi, si avrà sicuramente un risultato migliore. Spesso, infatti, la visione esclusivamente interna dei propri processi fa perdere di vista dei dettagli che, guardati dall’esterno, saltano di più all’occhio.

Tra i servizi cloud più diffusi vi è senza dubbio il cloud pubblico che richiede soltanto un browser da parte degli utenti e che presenta un’ampia varietà. Il cloud privato, invece, offre vantaggi soprattutto per le aziende che preferiscono infrastrutture IT autonome e dei data center propri, che possono comunque essere gestiti da terze parti. Vediamo quali sono le differenze tra cloud pubblico e privato anche se i confini tra i due servizi sono diventati, negli ultimi tempi, sempre più labili; in alcune circostanze anche le differenze e le somiglianze possono sovrapporsi.

  • Infrastruttura: un cloud pubblico è un'architettura multi-tenant in cui la rete è condivisa tra più utenti. Qui, il fornitore di servizi ospita la rete fuori sede e gestisce l'infrastruttura. Un cloud privato è un sistema single-tenant con hardware dedicato. Qui, la rete aziendale dell'organizzazione è gestita esclusivamente da un team tecnico interno oppure da fornitori di terze parti. L'infrastruttura, inclusi hardware, storage e strutture di rete, è interamente acquistata dal tenant e configurata e gestita fuori sede o in sede.
  • Sicurezza: i cloud pubblici dispongono di un modello di conformità alla sicurezza offerto da fornitori di servizi di terze parti. Inoltre, i fornitori di cloud pubblici offrono una protezione aggiuntiva fornendo opzioni di sicurezza per affrontare le carenze di sicurezza. I cloud privati offrono un ambiente isolato che fornisce diversi livelli di sicurezza tramite server privati. Considerando i vari requisiti di conformità delle diverse leggi sulla protezione dei dati, un cloud privato offre una maggiore sicurezza in tali casi d'uso.
  • Scalabilità e affidabilità: un cloud pubblico garantisce una scalabilità quasi illimitata. Ciò garantisce che l'organizzazione disponga di ampie risorse per svolgere le proprie operazioni cloud. Inoltre, i fornitori di cloud pubblico gestiscono reti di grandi dimensioni che dispongono di moduli di sicurezza dell'infrastruttura integrati. In quanto tali, i cloud pubblici sono altamente affidabili. I cloud privati offrono una scalabilità limitata. Ciò significa che un'organizzazione può dimensionare il modello fino a un determinato limite, dopodiché potrebbe richiedere hardware aggiuntivo per eseguire più carico di lavoro. I cloud privati funzionano bene quando si tratta di affidabilità poiché il modello può essere configurato per far fronte alle contingenze. In un evento imprevisto di guasto, gli utenti possono deviare le risorse di elaborazione su altro hardware che potrebbe essere fuori sede o in sede.
  • Investimento iniziale: i cloud pubblici richiedono un costo di capitale pari a zero con un investimento iniziale minimo o nullo. I cloud privati, invece, richiedono un investimento iniziale elevato. Le aziende devono procurarsi tutto l'hardware, configurarlo e mantenerlo per tutto il ciclo di vita.
  • Conformità e prestazioni: i cloud pubblici forniscono un modello di conformità alla sicurezza di base con opzioni aggiuntive per una maggiore sicurezza. Qui, i servizi sono disponibili in movimento e sono accessibili ai clienti secondo le loro esigenze. Ciò consente alle aziende di risparmiare tempo e ottenere prestazioni complessive migliori. Un cloud privato può essere conforme alle normative sulla privacy desiderate, personalizzando il modello di conformità in base alle necessità. Inoltre, il cloud privato utilizza un server dedicato per garantire efficienza e buone prestazioni di rete per gli utenti che accedono al cloud tramite l'intranet dell'organizzazione.

Data center-server-soluzioni cloud-cloud computing

gorodenkoff / iStock via Getty Images Plus

 

  • Implementazione e manutenzione: i cloud pubblici offrono un'implementazione rapida e semplice su Internet, senza la necessità di contratti a lungo termine. Inoltre, poiché i cloud pubblici sono interamente gestiti da fornitori di terze parti, i professionisti IT all'interno dell'organizzazione devono investire tempo minimo o nullo nella manutenzione del modello cloud. Un cloud privato richiede notevole tempo e impegno da parte dei professionisti IT per un'implementazione di successo. Inoltre, i cloud privati richiedono un maggiore coinvolgimento della manutenzione poiché il tenant è l'unico responsabile della configurazione dell'infrastruttura cloud e della sua manutenzione. Ciò può anche richiedere il monitoraggio e la supervisione da parte di personale IT qualificato.
  • Controllo e personalizzazione: i cloud pubblici offrono un controllo minore sulla governance dei dati e sulle politiche sulla privacy che regolano il traffico sulla rete del cloud pubblico. Inoltre, i cloud pubblici sono limitati negli aspetti di adattabilità e personalizzazione. I cloud privati non hanno la partecipazione di dispositivi condivisi: quindi esiste un controllo sostanzialmente maggiore sulla governance dei dati e sulle politiche sulla privacy. Poiché il cloud privato è un'infrastruttura single-tenant, fornisce un ambiente completamente personalizzabile e adattabile che può essere ottimizzato per soddisfare le esigenze desiderate.
  • Accessibilità: trattandosi di un modello multi-tenancy, il cloud pubblico è disponibile per più utenti che accedono al cloud da qualsiasi luogo tramite Internet. Un cloud privato è accessibile solo tramite collegamenti di rete privati e protetti. Ciò implica che il modello single-tenant consente l'accesso esclusivo al suo tenant.
  • Adattabilità e Accesso utente: in un ambiente cloud pubblico, un singolo client non può dettare strategie di adattamento delle risorse (ovvero, le risorse non possono essere adottate da un singolo client) poiché più client tendono ad accedere e utilizzare lo stesso computer o pool di risorse. I servizi offerti da un cloud pubblico sono generalmente disponibili per tutti gli utenti associati al cloud. Sebbene i singoli utenti operino in modo indipendente, utilizzano un pool di risorse condiviso per scopi informatici o operativi. D'altra parte, un cloud privato consente alle organizzazioni di modificare l'infrastruttura cloud in base alle proprie esigenze. Ciò può includere la modifica delle capacità di computer, rete e archiviazione in una configurazione diversa. Qui, le parti private possono apportare modifiche e personalizzazioni nella tecnologia che il cloud privato sfruttata. I servizi offerti dai cloud privati sono accessibili solo agli utenti autorizzati che possiedono il diritto di accedere ai servizi cloud. Pertanto, le risorse non vengono condivise in cloud privati ma vengono invece allocate separatamente a ciascun client.

cloud computing-modelli di cloud-cloud

PhonlamaiPhoto / iStock via Getty Images Plus

 

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei due principali modelli di cloud?

I vantaggi e gli svantaggi dei modelli di cloud pubblici e privati non dipendono tanto dai relativi punti deboli ma dalle effettive esigenze dei clienti.

Cloud pubblico: vantaggi

  • Risparmio sui costi operativi grazie all’esternalizzazione al provider del servizio e accesso facile all’ambiente di cloud.
  • I servizi di cloud pubblici gestiti riducono l’impegno necessario per l’amministrazione dei server e il rispetto degli standard di conformità e sicurezza.
  • Gli standard di sicurezza elevati semplificano le cose per piccole e medie imprese con risorse limitate da dedicare alla sicurezza informatica.
  • I software e le applicazioni cloud sono sempre aggiornate e possono essere ampliate o scalate a seconda delle necessità.

Cloud pubblico: svantaggi

  • L’approccio multiutente può significare un rischio di sicurezza non accettabile per le imprese con standard di sicurezza e di conformità elevati.
  • L’utilizzo di servizi cloud di fornitori esterni può causare dipendenza dall’ambiente IT del provider.
  • L’infrastruttura cloud non si trova sempre nel paese del cliente, il che può portare a falle della sicurezza per quanto riguarda la sovranità dei dati nel caso di legislazioni diverse in materia (ad esempio tra Europa e Stati Uniti).

Cloud privato: vantaggi

  • I più elevati standard di sicurezza grazie a un’infrastruttura cloud esclusiva e di proprietà dell’azienda.
  • Possibile sia on premises con le proprie risorse IT sia off premises con risorse IT virtualizzate, garantite tramite un managed cloud hosting.
  • Accesso flessibile e veloce all’ambiente IT interno all’azienda per i gruppi di utenti selezionati.
  • Servizi cloud su misura, ampliabili e adeguabili a seconda delle proprie esigenze.

Cloud privato: svantaggi

  • Investimenti elevati per servizi di cloud esclusivi, risorse IT, hardware e licenze software.
  • Meno flessibilità se paragonato ai cloud pubblici.
  • Un cloud privato e on premises senza virtualizzazione richiede capacità informatiche e più impegno per l’amministrazione e la manutenzione.
  • In determinate circostanze i server cloud on premises con una sicurezza IT fallace risultano più pericolosi rispetto ai server garantiti dai provider di servizi cloud.

Cloud pubblico-cloud privato-cloud ibrido

TCmake_photo / iStock via Getty Images Plus

 

Quali sono i principali fornitori di servizi cloud?

L’utilizzo del cloud pubblico dipende non tanto dal settore o dall’azienda ma piuttosto dalle sue risorse e necessità in ambito informatico. I servizi di cloud pubblico altamente scalabili possono rappresentare la scelta giusta soprattutto per le aziende che dispongono di esigue risorse IT, che vogliono concentrarsi sul proprio business principale e che hanno però bisogno di elaborare enormi quantità di dati. Le imprese che offrono (e utilizzano) la tecnologia del cloud pubblico sono:

  • AWS (Amazon Web Services)
  • Microsoft Azure
  • IBM Blue Cloud
  • Google Cloud
  • Alibaba Cloud
  • Oracle Cloud

Le imprese e gli utenti privati che danno particolare valore all’autonomia e all’indipendenza puntano su ambienti di cloud privato realizzabili sia con ambienti IT locali sia off premises grazie alla virtualizzazione. Le aziende che mettono a disposizione servizi di cloud privato e ibrido sono:

  • Oracle
  • IBM
  • VMware
  • Hewlett Packard Enterprise
  • Amazon Virtual Private Cloud
  • Google Virtual Private Cloud

I servizi di cloud ibrido consistono in una combinazione di servizi di cloud pubblico con un’infrastruttura informatica on premises o di servizi di cloud pubblici con un cloud privato: con il cloud ibrido le aziende hanno la possibilità di distribuire i servizi e le applicazioni tra cloud pubblico e privato. Considerando le prestazioni elevate dei cloud pubblici, questo sistema permette di combinare l’elevata sicurezza di un cloud privato con le prestazioni dei cloud pubblici. Anche i costi possono essere adeguati alle necessità grazie alla suddivisione flessibile dei carichi di lavoro.

In conclusione

Sia i cloud privati che quelli pubblici hanno svolto un ruolo fondamentale nel portare le tecnologie cloud alla ribalta. Mentre i cloud privati enfatizzano la privacy, l'isolamento, il controllo e la personalizzazione, i cloud pubblici fanno eco all'accessibilità, alla facilità di configurazione e alla convenienza.

Scritto da:
Luca Angelo Tagliavia
Head of ICT Multicloud
Scopri i prodotti e le soluzioni Fastweb per innovare il tuo business