Fastweb

Come rendere il Chromebook più veloce

ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Come rendere il Chromebook più veloce FASTWEB S.p.A.
Chromebook
Web & Digital
Dopo mesi o anni di utilizzo è normale vedere dei bug o dei rallentamenti sul nostro Chromebook, ecco una serie di trucchi semplici da mettere in pratica per ridare sprint al nostro notebook ChromeOS

Anche se alle nostre latitudini faticano a trovare spazio, i Chromebook sembrano essere tra i pochi computer a non conoscere crisi (quanto meno a livello mondiale). Tra i PC favoriti degli universitari di mezzo mondo, i Chromebook sono caratterizzati da un prezzo di listino tutto sommato basso (se ti chiedi quale laptop low cost comprare, la risposta potrebbe essere proprio un Chromebook) e buone prestazioni. E in entrambi i casi il merito è di ChromeOS, il sistema operativo open source sviluppato dagli ingegneri di Google.

Il laptop lento, a prescindere da produttore, sistema operativo o modello, è sempre un incubo per gli utenti. I continui bug, i rallentamenti o i blocchi ingiustificati rendo impossibile non solo lavorare con il Chromebook ma anche difficoltoso riuscire a divertirci con film on demand o videogiochi. Proprio come gli altri laptop anche i Chromebook iniziano a diventare più lenti per dei motivi specifici. Per esempio, l'accumulo nel tempo di file spazzatura, di documenti, di foto e di video iniziano ad appesantire la memoria e a rendere più lento il device.

Ma anche le troppe applicazioni inutilizzate e installate oppure le tante estensioni per browser che ci siamo dimenticati di eliminare possono causare incompatibilità e continui rallentamenti. La buona notizia è che velocizzare un Chromebook è davvero un gioco da ragazzi. Si tratta di un'operazione che anche un utente con pochissime conoscenze specifiche può fare senza problemi. Ecco nel dettaglio come ripulire il nostro Chromebook e farlo tornare scattante come il primo giorno che lo abbiamo comprato.

 

Chromebook acceso

 

Usa il Task Manager per capire cosa non va

Proprio come un classico computer Windows, anche i laptop con sistema operativo Chrome OS hanno un task manager integrato. Questo strumento offre un report dettagliato di ciò che il tuo sistema sta facendo e delle prestazioni del computer quando apriamo applicativi o navighiamo in Rete. Se abbiamo notato nel tempo delle incompatibilità, dei bug o dei blocchi improvvisi su alcuni programmi questo è il punto di partenza da cui iniziare a osservare per capire cosa non va sul nostro Chromebook.

Dov'è task manager nel Chromebook? Semplicissimo, facciamo click sul pulsante del menu Chrome, quindi andiamo al menu "Altri strumenti" e nella scheda che apparirà selezioniamo l'opzione "Task Manager". Si aprirà la pagina con il report sull'utilizzo di ogni singolo programma installato sul laptop e più in generale avremo una lista delle prestazioni del nostro Chromebook. È possibile ordinare ogni applicativo per nome, per uso della memoria, per uso della CPU e così via. Prima di tutto controlliamo le app che occupano più memoria RAM (solitamente le responsabili dei maggiori rallentamenti del Chromebook) e poi verifichiamo se ci sono delle anomalie nell'uso della CPU da parte del browser o di altri programmi. Un uso eccessivo della CPU potrebbe indicare delle incompatibilità tra uno o più programmi o un tentativo di attacco hacker in corso. Se volessimo avere una mano nella gestione del Task Manager perché non siamo molto pratici di informatica potremo rivolgerci all'applicativo Cog, che si scarica direttamente da Chrome Web Store. Questo programma ci consiglierà sul da farsi in caso di problemi con l'uso della RAM o della CPU del nostro Chromebook.

Elimina vecchie app ed estensioni

La maggior parte degli utenti ha il cattivo vizio di scaricare tantissime applicazioni o estensioni per il browser e poi, anche se non le utilizza più da tempo, le lascia installate sul computer ad occupare spazio nella memoria. Un Chromebook, così come qualsiasi altro laptop, con la memoria interna satura sarà un notebook lento e che aprirà anche i programmi più leggeri con ritardo oppure tenderà ad avere diversi blocchi se apriamo più di un applicativo alla volta. Che fare dunque? Semplice, diamo un'occhiata a tutte le app o estensioni che abbiamo installato nel tempo e cancelliamo tutte quelle che ci sembrano inutili. In pochi minuti ridaremo velocità al nostro Chromebook.

 

Chromebook

 

Estensioni per velocizzare il Chromebook

È vero: installare molte estensioni possono appesantire il sistema operativo e rendere lento il laptop, ma alcune sono fondamentali e andrebbero installate. Tra queste troviamo The Great Suspender. Si tratta di un programma che arresta le schede di navigazione non usate. Se lavoriamo con il web è normale avere un sacco di schede aperte all'unisono. Finché queste schede di navigazione sono aperte e in esecuzione stanno consumando risorse di sistema e rallentando il computer. The Great Suspender mette automaticamente le schede in modalità "dormiente" dopo un certo periodo di inattività, in modo da rimuoverle dalla memoria RAM. Per ricaricare la scheda basta semplicemente fare click in qualsiasi punto della pagina che era inattiva. Un'altra estensione da avere quasi per forza è AdBlock. Con questa estensione bloccheremo in automatico gli annunci pubblicitari dei siti. Le pubblicità occupano tante risorse di sistema e possono rallentare il dispositivo. Quindi, bloccando gli annunci, puoi facilmente impedire al sistema di impantanarsi.

Attenzione allo spazio d'archiviazione

Non tutti i Chromebook hanno uno storage interno molto capiente. Esistono anche modelli con appena 16GB di memoria interna. Una volta raggiunto il limite il nostro laptop sarà veramente lento e tenderà a bloccarsi di continuo. E per raggiungere 16GB bastano pochi programmi installati. Che fare dunque? Per prima cosa eliminiamo non solo app ed estensioni ma anche file e documenti che non ci servono più per recuperare un po' di spazio e archiviamo in servizi cloud foto e video, per non doverli cancellare e al tempo stesso per non occupare spazio sul Chromebook. In alternativa possiamo comprare una scheda microSD esterna da aggiungere al nostro Chromebook per aumentarne la memoria. Per poche decine di euro possiamo comprarne con capacità d'archiviazione compresa tra i 64Gb e i 128GB.

 

Chromebook in fase di reset

 

Esegui un reset ai dati di fabbrica

Se hai provato davvero di tutto e il tuo Chromebook sembra ancora molto lento, l'ultima spiaggia potrebbe essere il powerwash. Si tratta di un'azione per ripulire completamente la tua macchina che la riporta alle impostazioni di fabbrica. Il classico reset ai dati di fabbrica che esiste su praticamente tutti i notebook del mondo. L'unica cosa da ricordarci è quella di eseguire prima un backup per salvare foto, app, documenti e video. Perché come dice il nome stesso il powerwash riporta il Chromebook allo stato di quando lo abbiamo comprato ed elimina tutto il resto. Per eseguire il Powerwash del Chromebook accediamo al menu Impostazioni di Chrome OS, scorriamo fino in fondo nella pagina e quindi facciamo click sulla dicitura "Avanzate". Nella pagina delle impostazioni avanzate in fondo troveremo la voce "Ripristina impostazioni", clicchiamoci e nella scheda che si apre selezioniamo l'opzione "Powerwash". Confermiamo di essere pronti per il reset e aspettiamo che il processo sia completato.

 

3 settembre 2018



Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS:

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.