bitcoin

Bitcoin, come generarli con il mining

I bitcoin sono sempre più utilizzati su Internet per pagamenti di qualsiasi genere. Ecco cos'è il mining e come generare bitcoin
Bitcoin, come generarli con il mining FASTWEB S.p.A.

Accendere il computer, collegarsi a internet e iniziare a generare Bitcoin con il mining: se agli albori delle criptovalute il procedimento appariva immediato e aperto a tutti, ora è diventato un’operazione complessa ed economicamente impegnativa. Moltissimi utenti della Rete hanno tentato la strada del mining per tentare la via del guadagno rapido, scoprendo invece che generare criptovalute è un’operazione tutt’altro che aperta a chiunque.

Prima di entrare nel settore, però, è necessario conoscere alcuni passaggi e termini tecnici. Insomma, se si vuole sapere come creare Bitcoin, bisogna studiare per bene l'argomento, onde correre il rischio di cadere in una delle tante trappole che hacker e truffatori vari stanno architettando in questa sorta di corsa alla criptomoneta.

Che cosa sono i Bitcoin

bitcoinPer capire come generare Bitcoin è necessario, prima di tutto, conoscere cosa sono i Bitcoin. Ideati nel 2009 da Satoshi Nakamoto (uno pseudonimo dietro il quale si nasconde il creatore - o i creatori - della criptomoneta per eccellenza) i Bitcoin sono una moneta virtuale ed elettronica "finita" (non se ne possono generare all'infinito) creata risolvendo complessi calcoli crittografici sfruttando la potenza del processore e acceleratore grafico del computer. In gergo tecnico, questa operazione è detta mining, traducibile in italiano con il neologismo "minare".

Tutte le operazioni compiute con i Bitcoin - dalla loro creazione al loro scambio tra utenti - sono segnate in una sorta di registro elettronico chiamato blockchain. Ogni transazione è registrata in un blocco differente e condivisa con tutti gli altri utenti, che in questo modo agiscono da "certificatori" della bontà e veridicità dello scambio. Proprio per questo motivo, la valuta di Satoshi Nakamoto è considerata una particolare applicazione del protocollo peer-to-peer: non esiste un gestore centrale a cui fare riferimento in caso di "disputa", ma tutti partecipano alla stessa maniera al mantenimento e funzionamento dei Bitcoin.

Come si creano Bitcoin

bitcoinPer iniziare a minare, ci sarà bisogno di un portafogli virtuale all'interno del quale custodire i Bitcoin generati. Per creare un wallet Bitcoin si dovrà dunque scaricare un programma ad hoc da installare sul proprio computer: una delle opzioni più "quotate" è Bitcoin Core, disponibile per Windows, macOS e diverse distribuzioni Linux e creato dallo stesso Satoshi Nakamoto.

Questa categoria di programmi ha alternative per ogni tipologia di sistema operativo, aprendo al mining con ogni computer o quasi.

Una volta installato il software, si dovrà creare un Bitcoin address (traducibile con "indirizzo Bitcoin") una sorta di scompartimento del portafogli che consente di "dividere" i risultati del proprio lavoro da minatore. Terminate queste operazioni "preliminari", si può finalmente passare all'azione.

Come minare

bitcoinA questo punto si è pronti per entrare nel fatato mondo dei Bitcoin. Per creare criptomoneta, si dovrà scaricare un software che si colleghi al network Bitcoin, scarichi la blockchain e, con essa, nuovi blocchi crittografici da decifrare. Uno dei software più apprezzati dagli utenti Windows è GUIMiner, che sfrutta la potenza di calcolo della scheda video del PC per creare Bitcoin. In alternativa, si può optare per BFGminer (compatibile anche con sistemi Linux) o CGminer. Quelli appena nominati, però, non sono che tre dei tanti software per creare Bitcoin disponibili online: ognuno di questi ha i suoi pro e i suoi contro e la scelta dipende molto dalle esigenze personali e da come si intende generare Bitcoin.

Una volta scelto il miner, si dovrà configurare il software in modo che le fatiche del proprio lavoro finiscano nel giusto wallet e nell'address prescelto. In fase di installazione del portafogli Bitcoin, verranno forniti dei dati che aiuteranno a identificarlo univocamente: salvateli in un posto sicuro, perché saranno poi necessari in questa fase. Terminata la configurazione del wallet e del miner si potrà dare il là alle danze: si avvia il download del primo blocco e si attende che le operazioni di calcolo crittografico siano completate.

Blockchain e supercomputer

bitcoinQuando si parla di blockchain è interessante sapere di cosa si tratta nel concreto. Per avere un’idea più chiara, si può immaginare il tutto come una catena di blocchi (da qui il nome inglese). Per sbloccare uno di essi è necessario risolvere calcoli complessi compresi in un hash.

Ciò comprende una serie di caratteri in forma randomica; una volta decriptata, esso rivela un messaggio; il primo a risolvere il complesso enigma si aggiudica la moneta. Appare dunque evidente che, per approcciarsi al mondo del mining, diventa fondamentale l’uso di computer molto avanzati, con capacità di calcolo nettamente superiori alla media.

La necessità mette davanti a due strade: acquistare un computer estremamente performante oppure, più semplicemente, creare da sé un supercomputer casalingo. Nel secondo caso, molti decidono di affidarsi a un network di computer, ampliando la potenza di calcolo combinando le capacità di ogni macchina.

Nella rete di computer disponibili, la capacità di completare calcoli complessi nel minor tempo possibile è ciò che permette di mettere le mani sui bitcoin. Ecco perché molti si affidano a GPU avanzate, realizzate per i compiti più complessi (e addirittura per il mining di criptovalute) sebbene con prezzi più alti della media.

Alternative al mining per creare Bitcoin

bitcoinCome detto in apertura, minare Bitcoin non è esattamente conveniente. Le operazioni crittografiche diventano sempre più complesse e la loro risoluzione richiede un quantitativo di energia sempre maggiore. Se si decide di creare Bitcoin in solitaria si corre il rischio di restare con un pugno di mosche e rimetterci di tasca propria. Fortunatamente, ci sono delle strade alternative da percorrere: unirsi a un pool di mining oppure comprare Bitcoin.

Nel primo caso si continuerà a minare, ma unendo i propri sforzi a quelli di centinaia di altri utenti in tutto il mondo e accorciando sensibilmente i tempi necessari per terminare i calcoli e creare Bitcoin. I frutti del lavoro - le monete crittografiche - saranno poi divise tra gli utenti che hanno partecipato al mining, ma quanto meno si avrà la certezza di riempire il proprio wallet. Nel secondo caso, invece, si vestiranno i panni del trader e si "giocherà" con le criptovalute un po' come si "gioca" in Borsa con le azioni.

Oltre a quelle da “minare”, esistono criptovalute che non si creano attraverso tale procedimento ma con modalità differenti.

Infatti, invece del cosiddetto Proof of Work (sintetizzato in PoW), tali valute si basano sul Proof of Stake (PoS). Si tratta di un particolare algoritmo in cui viene garantita la validità delle operazioni attraverso l’utilizzo di una parte delle criptovalute nel proprio portafoglio come “deposito cauzionale”.

La differenza con il processo “originale” è minima dal punto di vista del risultato finale, ma netta nella fase di generazione delle monete. Con esso, diminuisce la quantità di energia necessaria per i calcoli, assicurando in ogni caso la sicurezza del processo.

Il futuro del mining

bitcoinAlti consumi di elettricità e GPU super performanti per poter accedere alle criptovalute attraverso il mining rendono il procedimento poco sostenibile, in particolare in un’ottica che guarda al futuro. Oltre i costi decisamente non irrisori dell’intera operazione, il processo che consente di generare Bitcoin è stato ritenuto dannoso per l’ambiente.

Ciò è emerso da molteplici ricerche, come quella della Columbia Climate School dalla quale è emerso come solo il 39% dell’energia impiegata provenga da fonti rinnovabili. Che le criptovalute e la loro creazione necessitino di un cambio di rotta è evidente: ciò che però ancora necessita di studio e idee è il modo in cui vengono generate, un elemento che richiede ancora di studio da parte degli esperti del settore. Solo il tempo potrà mostrarci i passi da gigante della tecnologia.

Copyright © CULTUR-E
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail