Manus VR

I migliori accessori per visori VR

Fondamentali per rendere ancora più reale l'esperienza VR, si preparano a invadere il mercato a cavallo tra 2016 e 2017
I migliori accessori per visori VR FASTWEB S.p.A.

Chiunque abbia avuto modo di provare un visore per la realtà virtuale sa qual è la prima reazione, dettata da una reazione prettamente istintiva. Non appena si indossa il caschetto VR si sarà portati ad abbassare lo sguardo, alla ricerca della trasposizione virtuale delle nostre mani: inutile dire che la reazione successiva, per molti degli utenti, è il disappunto. A meno di non indossare degli accessori VR, opzionali nella gran parte dei casi, le mani non compariranno nell'inquadratura.

Si tratta solo di uno dei tanti esempi che è possibile fare al riguardo. Anche se i visori VR diventano sempre più potenti e capaci di mostrare una realtà virtuale sempre più "reale", l'esperienza risulterà in qualche modo "mancante" di qualche elemento. Anche se la realtà virtuale è, a detta di molti esperti, una delle tecnologie destinate a cambiare la nostra vita nel 2016, il mercato degli accessori per visori VR muove ancora i suoi primissimi passi.

Tra guanti per Oculus Rift, tapis roulant "omnidirezionali" e maschere VR, sono sempre più i produttori che si affacciano in questo settore commerciale. L'obiettivo, per tutti, è di migliorare ulteriormente l'esperienza d'uso dei visori VR così da renderla ancora più immersiva e coinvolgente.

Manus VR

Alla ricerca di un guanto da abbinare al vostro Oculus Rift appena sbarcato dagli Stati Uniti? Manus VR potrebbe essere ciò che cercate: questo guanto permette di aggiungere un ulteriore elemento alla propria esperienza di realtà virtuale e interagire a pieno con gli oggetti che si incontreranno nel corso dell'esplorazione del mondo virtuale.

 

 

Anche se a una prima occhiata potrebbero sembrare dei normalissimi guanti neri, la realtà è ben altra: dotati di sensori di movimento di ultima generazione e una batteria in grado di garantire fino a 6 ore di autonomia, i Manus VR permetteranno di spostare e maneggiare oggetti o, addirittura, suonare un pianoforte mentre si indossa un visore per la realtà virtuale. Il merito di questo "prodigio" tecnologico è racchiuso nella piccola scatola che si trova sul guanto: qui i dati raccolti dai sensori sono tramutati in movimenti virtuali.

Razer Hydra

 

Controller VR Razer Hydra

 

Se ritenete che il guanto VR non sia il massimo della comodità per i videogames a realtà virtuale, uno degli accessori che deve far parte del vostro corredo è il Razer Hydra. Esteriormente somiglia a un joypad per console di videogames, ma in realtà è un controller di precisione per videogiochi a realtà virtuale: si impugnano i due "manubri", si indossa il visore VR e si dà il via all'avventura. Grazie al rilevamento magnetico del movimento, ogni minimo spostamento di mani e braccia si tradurrà in un analogo spostamento nella realtà virtuale, per un'esperienza VR immersiva e coinvolgente.

Virtuix Omni

 

 

Al momento è uno degli accessori più costosi per Oculus Rift (il prezzo può arrivare a 1.000 dollari circa con la spedizione), ma è un must have per gli amanti dei videogames di esplorazione o gli sparatutto open world. Il Virtuix Omni è un tapis roulant VR che permette di muoversi all'interno di qualunque mondo virtuale senza spostarsi di un singolo centimetro. In questo modo si potrà esplorare liberamente ogni ambiente ricreato con i visori VR senza correre il rischio di andare a sbattere contro mobili o muri o rompere gli oggetti presenti in casa. Grazie a sensori di movimento di ultima generazione e a scarpe realizzate appositamente per comunicare con l'Oculus Rift, questo accessori renderà l'esperienza VR assolutamente? reale.

VR Cover

 

 

Disponibile sia per Oculus Rift sia per Samsung Gear VR, questo accessorio è l'ideale per chi non riesce proprio a separarsi dal proprio visore per realtà virtuale. Si applica nella parte interna del caschetto VR ed evita che il sudore si accumuli sulla fronte o attorno agli occhi e migliora il comfort durante le lunghe sessioni di utilizzo.

FeelReal

Anche se è ancora un prototipo (disponibile per Oculus Rift, Samsung Gear VR, Sony Morpheus e Zeiss VR One), il FeelReal è uno degli accessori per la realtà virtuale più avanzati disponibili sul mercato. Nella maschera sono presenti chip Bluetooth 2.0 così da connetterla al visore VR, due microventilatori per simulazione del vento e della brezza, due piccoli motori per generare vibrazioni, una cartuccia rimovibile per ricreare odori, due microcaloriferi con sensori di temepratura e un sistema di ionizzazione ultrasonico per riprodurre la sensazione dell'umido.

 

 

Se la si indossa insieme al visore per realtà virtuale, l'esperienza che ne risulta sarà incredibilmente più immersiva: si potrà sentire scorrere l'aria sulla propria pelle oppure annusare gli odori che ci circondano nel mondo virtuale, bagnarsi in seguito a un tuffo nell'acqua oppure provare la sensazione del calore dopo che  ci si è avvicinati a un falò.

Teslasuit

 

 

L'accessorio definitivo per ogni visore VR oggi in commercio. Teslasuit (che nulla ha a che fare con Tesla Motors di Elon Musk) è una tuta VR che basa il proprio funzionamento su elettrostimolatori neuro-muscolari in grado di far provare realmente le sensazioni e le emozioni "vissute" nella realtà virtuale. In questo modo chi la indossa potrà sentirsi toccare sulle spalle, provare caldo o freddo e avvertire una sensazione di bagnato a seconda della situazione che si troverà a vivere nel mondo virtuale proiettato dal visore VR.

PC VR

Google Cardboard e Samsung Gear VR sono molto comodi e pratici se si vuole provare per la prima volta l'esperienza della realtà virtuale ma, essendo legati alla potenza di calcolo di uno smartphone, non riescono ad esprimere al massimo tutte le potenzialità di questa tecnologia. Dispositivi come l'Oculus Rift e l'HTC Vive, invece, offrono sicuramente un'esperienza più immersiva, ma richiedono il collegamento diretto e costante a un computer, meglio se desktop. Per evitare di essere troppo limitati nei movimenti, diversi produttori hanno ideato dei PC "da spalla" dotati di batteria e componenti hardware top di gamma per assicurare la miglior esperienza videoludica VR.

 

HP Omen X

 

L'HP Omen X fa parte della serie gaming del celebre produttore statunitense ed è stato studiato appositamente per offrire il massimo comfort agli utenti. Grande, più o meno, come un laptop da 15 pollici e dal peso di poco superiore ai 4,5 chilogrammi, l'Omen X è stato studiato per assicurare la miglior portabilità possibile all'utente. Al suo interno trovano spazio le ultime generazioni di processori Intel Core i5 o i7, fino a 32 gigabyte di RAM e schede grafiche in grado di assicurare prestazioni da urlo. Completano il "pacchetto" alcune porte USB alle quali collegare varie periferiche e una porta HDMI per collegare il computer da spalla a un monitor esterno.

 

MSI Backpack PC

 

Altro modello di computer VR portatile è lo MSI Backpack PC. Su questo modello, però, non sono disponibili molti dettagli. Si sa che monterà un processore Intel Core i7 di ultima generazione e scheda video Nvidia GTX 980. Per il resto si sa ben poco e si dovrà attendere che il produttore fornisca maggiori dettagli sulle specifiche tecniche.

UnlimitedHand

 

UnlimitedHand

 

UnlimitedHand è, al momento, la più valida alternativa ai guanti VR per offrire all'utente il pieno controllo dei movimenti delle braccia e della mano anche all'interno del mondo virtuale. Questa fascia dotata di sensori si monta sull'avambraccio e traduce anche il più piccolo movimento dell'arto o delle dita della mano in movimenti all'interno del mondo creato dal visore VR. Si collega al'Oculus Rift o all'HTC Vive via Bluetooth e risulta particolarmente utile in caso si giochi con videogame FPS (First person shooter, sparatutto in prima persona): basterà trasformare la propria mano in una "pistola" per armarsi all'interno del gioco e partire all'assalto dei propri nemici.

3DRudder

 

 

A meno che non si ricorra al tapis roulant per la realtà virtuale come il Virtuix Omni, quando ci si deve muovere all'interno del mondo VR si è "costretti" ad affidarsi ai soliti joypad e alle loro modalità di controllo standard (tasto A per saltare, tasti posteriori per correre, tasti "cartesiani" per la direzione). Con 3DRudder ci si potrà muovere all'interno del mondo virtuale utilizzando i propri piedi e, allo stesso tempo, restando comodamente seduti sulla poltrona di casa. Questa periferica basculante è in grado di tradurre i movimenti dei piedi in movimenti per il mondo VR o per i videogame: sarà sufficiente inclinare 3DRudder verso sinistra per voltare alla propria sinistra, o spostare il peso in avanti per iniziare a correre.

copyright © CULTUR-E
Condividi
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail