Fastweb

Le migliori alternative a Raspberry Pi

Massimo Banzi, papà di Arduino Web & Digital #arduino #open source Che cos'è e cosa si può fare con Arduino Arduino è tra le schede con microcontroller più apprezzate dalla community dei maker. Merito della sua versatilità e del prezzo
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Le migliori alternative a Raspberry Pi FASTWEB S.p.A.
raspberry pi
Internet
L'invenzione di Eben Upton non è l'unica soluzione quando si cerca un microcomputer. Le alternative a Raspberry Pi sono moltissime: ecco le migliori

In meno di cinque anni – è stato lanciato nel 2012 – è stato in grado di creare dal nulla una nuova nicchia commerciale all'interno del mercato (piuttosto ingolfato, bisogna dire) dell'informatica di consumo. Grazie a Eben Upton e al suo Raspberry Pi il mondo ha iniziato a fare conoscenza con i cosiddetti microcomputer o computer su scheda. Nello specifico, si tratta di piccole schede di silicio (grandi, più o meno, come una carta di credito) sulle quali è possibile trovare tutte le componenti necessarie al suo funzionamento: processore, RAM, acceleratore grafico, lettore di schede SD (per l'archiviazione esterna), porte USB, porta HDMI, modulo Wi-Fi e Bluetooth.

Nonostante qualcuno inizialmente storcesse il naso, la community internazionale dei makers ha letteralmente adorato il microcomputer britannico sin dai primissimi momenti. Tutt'altro che complesso capire il perché: dai server alle hacking station, passando per retroconsole per videogame del passato, il Raspberry Pi permette di realizzare dispositivi d'ogni tipo e per gli scopi più disparati. Normale, dunque, che alcune aziende abbiano cercato di "copiare" il Raspberry Pi lanciando il proprio dispositivo. E di alternative valide al microcomputer britannico ce ne sono veramente tante: ecco le migliori.  

Arduino

 

arduino

 

Ideato dall'italiano Massimo Banzi, Arduino è una famiglia di microcomputer nati all'interno di un laboratorio di design e diventati, oggi, una delle migliori alternative alla famiglia dei Raspberry Pi. Particolarmente apprezzati dai "creatori digitali", le schede Arduino sono utilizzate per gli scopi più vari: tra queste, però, una delle più conosciute è Arduino 101 che, grazie al chip Intel Curie, è molto utilizzata nell'ambito dell'automazione domestica, della domotica e dell'Internet of Things.

NanoPi NEO Plus2

 

neo plus 2

 

Grande poco più della metà di un Raspberry Pi, NanoPi NEO Plus2 è un microcomputer funzionale e completo. Sulla piccola scheda, infatti, trovano spazio un SoC ( quadcore da 1,5 gigahertz rispondente alle specifiche A53 di ARM, 1 gigabyte di RAM, spazio d'archiviazione di 8 gigabyte e tutte le componenti necessarie per collegarlo a periferiche varie e alla Rete (Bluetooth, Wi-Fi, USB ed Ethernet). Insomma, un computer Linux completo (gira con Ubuntu) da portare in tasca e utilizzare ogni volta che se ne ha bisogno. Il prezzo è di appena 25 dollari.

Huawei HiKey 960

 

huawei hi key

 

Nato dalla collaborazione dei cinesi di Huawei con Google, ARM e altri produttori meno conosciuti, lo Huawei HiKey 960 non è esattamente un diretto concorrente del Raspberry Pi, quanto meno a livello di prezzo (superiore ai 200 euro). A livello di funzionalità e possibili applicazioni, però, siamo più o meno sullo stesso livello. Dotato di SoC Kirin 960 (lo stesso montato da Huawei P10 e Honor 9, per intendersi), 3 gigabyte di RAM e 32 gigabyte di spazio d'archiviazione (oltre a Wi-Fi, Bluetooth, Ethernet e HDMI) è dotato di due piastre di espansione da 40 e 60 pin (per collegare altre componenti più potenti, ad esempio) e un connettore per disco SSD. Dotazione più che sufficiente per sviluppare e testare app per Android (questa la sua funzione originaria) ma anche per creare robot, droni e altri dispositivi smart.

Odroid XU4

 

odroid xu 4

 

Pensato per garantire alte prestazioni con bassi consumi, Odroid XU4 è basato sul SoC octacore Samsung Exynos 5422 e GPU Mali-T628. A questo "pacchetto base" si aggiungono 2 gigabyte di RAM, spazio d'archiviazione basato sui chip eMMC5.0, tre porte USB (di cui due supportano lo standard USB 3.0), una porta HDMI, una porta Ethernet gigabit, connettività Bluetooth e Wi-Fi. Un microcomputer estremamente potente e versatile, che può essere utilizzato senza troppi problemi anche con distribuzioni Linux di ultima generazione o con le ultime versioni di Android. Insomma, un computer tascabile da usare nei momenti di emergenza ad appena 55 euro circa.

Parallela

Dotato di un SoC a sedici core, 1 gigabyte di RAM e una porta Ethernet con velocità gigabit, Parallela è un microcomputer da 100 dollari che può essere utilizzato sia come dispositivo a sé stante, sia come dispositivo per l'automazione domestica. Ma non finisce qui: come suggerisce anche il nome, Parallela può diventare parte di un cluster di schede collegate in parallelo (per l'appunto) utilizzate a mo' di web server.

BBC Micro:Bit

 

 

Sviluppato dalla TV di stato della Gran Bretagna, è grande circa la metà di un Raspberry Pi ed è stato creato con il solo scopo di favorire la diffusione della programmazione tra i giovani adolescenti britannici. Micro:bit monta un microchip ARM Cortex-M0 a 32-bit, una serie di LED che possono essere configurati nell'accensione/spegnimento, vari sensori tra cui bussola, magnetometro e accelerometro, modulo Bluetooth, una porta micro USB e si alimenta con due batterie stilo AA. Tra i vari linguaggi che permette di sperimentare, segnaliamo JavaScript, Python e C++.

cloudBit

 

 

Grande pochi centimetri, cloudBit è il modo più semplice per trasformare la propria abitazione in una smart home. Grazie alla sua versatilità, può essere collegato e connesso con qualunque elettrodomestico si ha in casa e controllarlo così dal proprio computer o dal proprio smartphone. Non richiede alcuna conoscenza di programmazione e, grazie alla compatibilità con le ricette di IFTTT, sarà possibile automatizzare, per esempio, l'accensione del forno a microonde o lo spegnimento dei riscaldamenti in maniera quasi immediata.

Rock64

Poco più piccolo del Raspberry Pi e dal costo di appena 25 dollari, il microcomputer Rock64 nasce per dare la possibilità di creare un media player versatile e in grado di trasformare qualunque televisore in uno smart TV. Merito di specifiche tecniche di tutto rispetto (SoC ARM A53 e fino a 3 gigabyte di RAM) che lo rendono in grado di leggere contenuti multimediali in 4K e supportare filmati in HDR. Grazie alla porta USB 3.0 sarà inoltre possibile trasferire i contenuti in maniera veloce, minimizzando i tempi di attesa.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #raspberry pi #arduino #microcomputer

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.