Fastweb

Wi-Fi per ricaricare lo smartphone, merito delle rectenne

kaios Web & Digital #kaios #smartphone KaiOS, l'OS emergente per telefoni low-cost KaiOS è un sistema operativo per cellulari low-cost: permette l'installazione di applicazioni e ha anche uno store. Ecco come funziona
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Wi-Fi per ricaricare lo smartphone, merito delle rectenne FASTWEB S.p.A.
Il router ricarica lo smartphone
Internet
Rese sottilissime e flessibili grazie a un semiconduttore in bisolfato di molibdeno, queste antenne sono in grado di convertire le onde Wi-Fi in corrente elettrica

La ricarica wireless è una caratteristica che compare sempre con maggior frequenza nelle schede tecniche di smartphone, smartwatch e altri dispositivi a batteria. La possibilità di poter ricaricare i device senza doverli tenere sempre collegati al cavo è effettivamente molto comoda, ma l'attuale tecnologia non garantisce grandi vantaggi: lo smartphone o lo smartwatch deve comunque restare a contatto con la base di ricarica o, al massimo, a una distanza di pochi centimetri.

Una limitazione che, però, potrebbe presto scomparire. Un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology e dell'Università di Madrid, infatti, hanno messo a punto una tecnologia che consentirebbe la ricarica wireless di dispositivi di ogni genere anche a distanza di diversi metri. Gli scienziati statunitensi e spagnoli, infatti, hanno messo a punto un dispositivo ultrasottile e flessibile in grado di trasformare le onde elettromagnetiche (come quelle del Wi-Fi o del Bluetooth) in una fonte energetica continua e capace di alimentare e ricaricare il dispositivo. Fantascienza? Sembra proprio di no.

Router Wi-Fi

Rectenna all'opera

Il merito di questo risultato è delle antenne rettificanti, o rectenne, dispositivi in grado di trasformare le onde elettromagnetiche in energia elettrica, così da poter alimentare dispositivi di piccole dimensioni. L'attuale generazione di antenne rettificanti, però, soffre di un problema non da poco: sono troppo rigide e troppo poco scalabili per essere utilizzate come fonte di ricarica wireless per smartphone e altri dispositivi di questo genere. Il lavoro del team, dunque, si è concentrato nello sviluppare delle antenne rettificanti flessibili e ridimensionabili.

Le antenne rettificanti per smartphone

Per riuscire nel loro obiettivo, gli scienziati statunitensi e spagnoli hanno realizzato le rectenne utilizzando dei materiali semiconduttori differenti rispetto al passato. Per avere dei dispositivi di conversione sottili e flessibili hanno realizzato un composto in bisolfato di molibdeno (MoS2) spesso appena 3 atomi e sufficientemente malleabile per strutturarlo nella maniera che più si preferisce. Inoltre, il semiconduttore così composto ha un elevato grado di efficienza, riuscendo a convertire in energia il 30% delle onde elettromagnetiche catturate. Nei primi test di laboratorio, infatti, è riuscito a generare 40 microwatt di energia partendo da 150 microwatt generate da onde elettromagnetiche Wi-Fi.

Prototipo di antenna rettificante

Nello specifico, il team di ricerca internazionale ha creato quello che in ambito scientifico viene chiamato diodo Schottky. Si tratta di un particolare componente elettronico ad alta velocità di commutazione, capace di convertire onde ad alta frequenza (come quelle del Wi-Fi e del Bluetooth, che lavorano sulla banda da 2,4 gigahertz e da 5 gigahertz) in energia elettrica.

Utilizzo delle antenne rettificanti flessibili

Stando agli scienziati del MIT e dell'Università di Madrid, le nuove antenne rettificanti potrebbero trovare utilizzo anche al di fuori del settore della telefonia mobile e dei dispositivi indossabili. In particolare, potrebbero essere utilizzate in ambito medico, per alimentare sonde di vario genere senza che la persona che le ingerisce rischi complicazioni mediche. Ad esempio, potrebbero trovare utilizzo nella realizzazione di gastroscopi o endoscopi "portatili", in grado di effettuare analisi mediche meno invasive e dolorose rispetto ai metodi attuali. O, ancora, potrebbero essere utilizzate per alimentare pacemaker di nuova generazione che funzionino senza batteria o con batterie non al litio e ricaricabili a distanza.

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #wi-fi #bluetooth #ricarica wireless #smartphone

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.