Fastweb

Rete 5G a Matera, accesa la prima antenna del progetto BariMatera 5G

Antenne 5G Internet #5g #spettro radio 5G, onde radio millimetriche per connessioni ultraveloci La tecnologia 5G sarà la prima a sfruttare la banda millimetrica, riuscendo così a raggiungere velocità di connessione elevatissime
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Rete 5G a Matera, accesa la prima antenna del progetto BariMatera 5G FASTWEB S.p.A.
Una veduta di Matera
Internet
Il progetto, selezionato tramite concorso dal MISE, vede la partecipazione di TIM, Fastweb e Huawei. Impiegate tecnologie all'avanguardia come antenne Massive MIMO

Al momento, a vederle su una mappa del nostro Paese, somigliano a tanti piccoli pois sulla pelle di uno giaguaro. Fatto sta che la rete 5G in Italia inizia a prendere forma e, città dopo città, la sperimentazione della nuova tecnologia di connettività mobile continua a vele spiegate. Dopo Roma, dove la prima antenna era stata accesa presso la Biblioteca Giovenale nel Municipio IV a fine febbraio 2018, è il turno di Matera. Nella città lucana, che sarà Capitare della Cultura Europea nel 2019, Tim, Fastweb e Huawei hanno acceso la prima antenna 5G in via Carlo Levi, a due passi dai Sassi.

L'Italia, e i suoi operatori tecnologici e telefonici, confermano così il loro ruolo di leader nel settore del 5G tanto in Europa quanto nel mondo. Come accennato, diverse sperimentazioni sono state già avviate in alcune città del nostro Paese e, se dovessero dare i risultati sperati, l'Italia potrebbe essere una delle prime nazioni al mondo a creare una propria rete cellulare 5G su tutto il suo territorio.

 

Antenna 5G

Che cos'è il progetto BariMatera 5G

Frutto di un bando di concorso fortemente voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico, BariMatera 5G è il progetto ideato da TIM e Fastweb (e realizzato con la collaborazione tecnica e tecnologica di Huawei) che consentirà di coprire con il segnale 5G gran parte del territorio comunale dei due centri del Sud Italia. Grazie a BariMatera 5G, il capoluogo pugliese e quello lucano diventeranno due delle prime città in Europa a offrire la banda ultralarga mobile ai propri cittadini, ai turisti e, soprattutto, alle aziende del territorio. L'obiettivo è quello di coprire con il segnale 5G il 75% delle aree interessate alla sperimentazione entro la fine del 2018.

Il progetto, che prevede investimenti sul territorio per oltre 60 milioni di euro nell'arco di quattro anni, vede la partecipazione (oltre alle 3 aziende capofila) di 52 partner di eccellenza, tra cui 7 centri universitari e di ricerca, 34 grandi imprese e 11 pubbliche amministrazioni.

Rete 5G Matera, gli aspetti tecnici e tecnologici

L'antenna impiantata in Via Carlo Levi a Matera impiega la tecnologia Massive-MIMO (traducibile con "MIMO massivo", dove MIMO sta per Multiple-In Multiple-Out), che consente di gestire contemporaneamente decine di segnali radio in entrata e in uscita. L'antenna lavora nello spettro di frequenze tra i 3,7 e i 3,8 gigahertz (banda messa a disposizione dal MISE) ed è in grado di adattarsi dinamicamente alla domanda di traffico e alla posizione degli utenti.

 

L'antenna Massive MIMO presentata da Huawei nel corso di un evento

Sin dai primi test condotti sul campo, le antenne Huawei scelte da TIM e Fastweb hanno mostrato performance notevoli. La velocità di connessione 5G si è attestata mediamente attorno ai 3 gigabit al secondo, con una latenza di appena 2 millisecondi. Una volta a regime, la rete 5G in fase di realizzazione a Matera e Bari garantirà una capacità trasmissiva 10 volte superiore a quella garantita dal 4G LTE.

Connettività 5G, quali settori ne beneficeranno

Le migliori performance – sia sul fronte della velocità di connessione, sia su quello della latenza e della banda passante a disposizione – garantite dalla rete 5G rispetto alle tecnologie precedenti dovrebbero richiamare le attenzioni di aziende attive in alcuni dei settori tecnologici a maggior tasso di crescita. Nel corso di questi anni, a Bari e Matera saranno condotte diverse sperimentazioni (previsti, almeno nel piano iniziale, ben 70 use case) in settori come la sanità, l'industria 4.0, il turismo, la cultura, l'automotive e la sicurezza pubblica.

5 marzo 2018

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #5g #industria 4.0 #realtà virtuale

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.