pannelli solari

Pannelli solari, 5 cose da considerare prima di acquistarli

pannelli solari, energia solare, sostenibilità, energia rinnovabile
Pannelli solari, 5 cose da considerare prima di acquistarli FASTWEB S.p.A.

Installare i pannelli solari sulla propria abitazione permette di produrre energia rinnovabile direttamente nella propria casa, aiutando così l’ambiente e risparmiando sui costi dell’acquisto di elettricità. La prima domanda che un utente interessato a installare i pannelli solari deve porsi, è se la propria casa sia adatta all’esposizione richiesta, affinché il costo di investimento iniziale possa ripagarsi negli anni.

Se la risposta è positiva, ci sono cinque fattori principali da tenere in considerazione nella scelta. Si dovrà prima di tutto individuare la posizione e comprendere se si abbia abbastanza spazio per l’installazione.

Poi c’è la scelta: esistono diverse tecnologie di produzione dei pannelli, ognuna con un differente costo e soprattutto rendimento in termini di energia prodotta, così come andrà valutata l’installazione o meno di un accumulatore. Ci sono poi le questioni burocratiche: per poter installare i pannelli sul tetto della propria casa potrebbero essere necessari degli specifici permessi, ad esempio del proprio comune. Eseguire una installazione in regola è importante anche per poter accedere agli incentivi statali, come le detrazioni Irpef previste dalla legge di bilancio 2021 che sono di due tipologie: il Superbonus del 110% se l’intervento è trainato da altri lavori di riqualificazione energetica di un edificio, oppure la detrazione fiscale del 50% per l’installazione dei soli pannelli. Ecco cosa sapere prima di scegliere l’impianto fotovoltaico più adatto alle proprie esigenze.

Pannelli solari: individuare la migliore posizione

pannelli solariIl primo passo da fare per la scelta deipannelli solari è comprendere se si ha abbastanza spazio a disposizione e quale sia la migliore posizione. Solitamente, i pannelli solari vengono installati sul tetto degli edifici, ma in alcuni casi prima di procedere al loro montaggio, soprattutto se la casa è molto vecchia, bisogna prima effettuare lavori di ristrutturazione. Se ad esempio si ha a disposizione un lastrico solare, si potrebbero integrare i pannelli all’interno di una specifica copertura. Oppure, per chi ha un grande giardino, si potrebbe pensare di dedicarne una parte all’installazione su strutture ad hoc.

Se lo spazio non manca, l’altro aspetto da valutare attentamente è quello dell’esposizione.

I pannelli fotovoltaici devono essere collocati in modo da ricevere la maggior quantità di luce durante il giorno. L’esposizione migliore e costante alla luce è con orientamento a sud, ma anche sud-est e sud-ovest possono essere delle valide alternative. L’inclinazione dei pannelli, invece, dipenderà dalla latitudine a cui vengono installati, e in Italia è di circa 30-35° sul territorio. Ovviamente, non dovranno esserci fonti di ombreggiamento, come ad esempio alberi o altri edifici le cui ombre proiettate sui pannelli ne invaliderebbero la capacità di raccogliere luce e produrre energia.

Pannelli solari: come scegliere la tipologia più adatta

pannelli solariEsistono principalmente tre tipologie di pannelli solari fotovoltaici, tutte e tre basate su celle al silicio. La principale differenza è nella struttura cristallina, da cui dipende sia la capacità di conversione della luce in energia elettrica, cioè il rendimento energetico, sia il costo del pannello stesso e quindi con una diretta influenza sul budget dell’utente. Ecco le tre tipologie tra cui scegliere:

  • silicio amorfo: sono la soluzione meno costoso, ma occupano molto spazio e hanno un basso rendimento energetico, stimato tra il 5% e l’8%, con potenza di picco di 60 Watt picco per metro quadro. La struttura del silicio amorfo è particolarmente flessibile e quindi sono consigliati per chi debba ricoprire una superficie curvilinea, e anche per chi ha un budget ridotto
  • silicio policristallino: il rendimento energetico di questi pannelli è stimato tra il 10% e il 15%, ma scende in caso di cielo nuvoloso. La potenza di picco è generalmente di 100 Watt picco per metro quadro e il costo e leggermente più alto di quelli in silicio amorfo
  • silicio monocristallino: sono i pannelli solari più pregiati ed efficienti, con potenza di picco di 165 Watt per metro quadro e rendimento che varia tra il 16% e il 20%. Per chi ha poco spazio di esposizione sono la scelta migliore, perché assicurano il massimo rendimento, anche se comportano un investimento iniziale maggiore per via del loro costo più alto.

I pannelli solari producono energia solo finché c’è luce, quindi potrebbe essere da valutare anche l’acquisto di un accumulatore, cioè un dispositivo che consente di immagazzinare energia e riutilizzarla durante la notte o nei giorni in cui il cielo è nuvoloso, così da aumentare la sostenibilità ambientale della propria casa.

Pannelli solari: controllare la necessità di permessi

pannelli solariOgni città e regione potrebbe avere un regolamento diverso quando si tratta dell’installazione dei pannelli solari su un edificio residenziale. Per questo motivo, prima di procedere con l’acquisto sarà necessario informarsi attentamente sulla necessità dei permessi da ottenere per effettuare i lavori di installazione, così come i tempi previsti per le relative approvazioni. Solo dopo aver svolto tutte le pratiche burocratiche, si potrà procedere con l’eventuale acquisto.

Pannelli solari: calcolare costi e ritorni

Quando si decide di investire sui pannelli solari è importante considerare non solo il budget iniziale necessario ad affrontare i costi dell’acquisto e dell’installazione, ma anche il potenziale risparmio offerto da questa soluzione di produzione di energia rinnovabile. Il costo iniziale infatti potrebbe essere piuttosto alto e comprendere la spesa relativa ai pannelli, che varia tra quelli in silicio amorfo, policristallino e monocristallino, oltre che le spese aggiuntive per gli eventuali permessi, le tasse da pagare e la manodopera per l’installazione. Da mettere in conto, anche la potenziale manutenzione dei pannelli, per verificare sempre di avere un buon rendimento.

Pannelli solari: gli incentivi fiscali nel 2021

pannelli solariLa spesa di investimento iniziale non deve spaventare, poiché per incentivare l’utilizzo di energia rinnovabile sempre più governi offrono degli incentivi statali a chi installa impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica direttamente a casa.

In Italia nel 2021 il governo ha emanato due tipologie di incentivi, sotto forma di detrazione fiscale dell’Irpef: il Superbonus 110% e il bonus ristrutturazioni del 50%.

Nel caso del Superbonus 110% per accedere all’agevolazione fiscale, sotto forma di credito di imposta, è necessario abbinare l’installazione dei pannelli solari ad altri lavori di riqualificazione energetica, che permettano di migliorare di almeno due classi la certificazione energetica dell’edificio. Ad esempio, chi decide di eseguire un intervento trainante, come la realizzazione di un cappotto termico, potrà procedere all’intervento trainato, l’installazione del fotovoltaico, beneficiando del bonus se rispetta i requisiti energetici. Nel caso di una semplice ristrutturazione, invece, la detrazione fiscale prevista per l’installazione di un impianto fotovoltaico è del 50% della spesa sostenuta, sempre in forma di credito d’imposta.

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail