Persuadere un pubblico ampio attraverso le parole non è semplice: difficoltà personali, come l’ansia e lo stress, e la resistenza e la diffidenza degli ascoltatori possono influire negativamente e impedire agli oratori di raggiungere i propri obiettivi.

Prima di affrontare la platea è bene prepararsi attentamente e capire come parlare in pubblico per evitare di incorrere in blocchi e situazioni imbarazzanti. Si possono fare degli esercizi di rilassamento, ripetere più volte il discorso finché non ci si sente sicuri e adottare delle tecniche per rendere persuasivo il messaggio che si vuole trasmettere. 

Una delle tecniche più diffuse della comunicazione efficace è la sequenza motivata di Monroe, ideata dallo psicologo americano Alan Monroe, che ha utilizzato la psicologia della persuasione per costruire uno schema da utilizzare per pronunciare i discorsi.

  • 1. Sequenza di Monroe: un discorso efficace in cinque passaggi
    Sequenza di Monroe: un discorso efficace in cinque passaggi

    La sequenza di Monroe è schema semplice, articolato in cinque passaggi, che permette a tutti di elaborare e articolare un discorso in grado di persuadere il pubblico. Può essere utilizzato per convincere la platea delle proprie opinioni, per motivare un team di lavoro o per fare presentazioni d’impatto nelle situazioni più disparate. 

    L’obiettivo della sequenza è quello di conquistare immediatamente l’attenzione dell’audience e mantenerla elevata per tutto il tempo del discorso. Dopo aver seguito passo dopo passo quanto da Monroe suggerito, si può invitare il pubblico all’azione. È un metodo collaudato e ritenuto efficace da un gran numero di oratori.

    L’abilità comunicativa è una delle soft skills più ricercate nel mondo del lavoro: saper convincere colleghi e dipendenti della propria visione è essenziale per ottenere elevate performance.

  • 2. Attirare l'attenzione
    Attirare l'attenzione

    Il primo passo da compiere prima di iniziare a pronunciare il discorso è quello di attirare l’attenzione del pubblico. Per evitare l’imbarazzo iniziale si può utilizzare l’umorismo, raccontando una barzelletta o un aneddoto divertente. 

    In alternativa, si possono analizzare delle statistiche che forniscono dei dati inaspettati, utilizzare le tecniche dello storytelling per raccontare qualcosa di interessante su aziende o progetti o fare una domanda retorica.

    È momento cruciale, che rappresenta una vera e propria introduzione al discorso. Dura pochi minuti, ma aiuta a stimolare l’empatia del pubblico, la creazione di un legame positivo tra l'oratore e la platea e dare credibilità a chi sta parlando. Dopo questa fase, la predisposizione all’ascolto sarà elevata.

  • 3. Definire un bisogno
    Definire un bisogno

    Dopo l’introduzione, si entra nel vivo del discorso. Il problema deve essere esplicitato per cercare di convincere il pubblico della sua esistenza, portando alla luce esempi pratici e ipotetiche conseguenze che coinvolgono tutti. L’obiettivo è quello di incrementare la consapevolezza di chi ascolta.

    Viene suscitata la preoccupazione del pubblico. La tensione, durante questa fase, aumenta. È opportuno fare esempi pratici per far comprendere ad ogni membro dell’audience come il problema che è al centro del discorso lo riguardi direttamente.

  • 4. Soddisfare un bisogno
    Soddisfare un bisogno

    Una volta sollevato il problema, occorre presentare una soluzione e la propria tesi. È la parte più importante di tutto il discorso. Bisogna essere convincenti, discutere dei fatti, essere disposti ad ascoltare e a rispondere alle domande del pubblico e fornire tutti i dettagli necessari.

    La soluzione deve essere basata sui dati, concreta, realistica e chiara. Deve essere ripetuta più volte per poter essere appresa dal pubblico. L’oratore deve sempre essere pronti a ricevere delle obiezioni e a rispondere in maniera convincente. 

  • 5. Visualizzare la soluzione
    Visualizzare la soluzione

    Dopo aver dichiarato apertamente le proprie convinzioni e aver proposto la soluzione, occorre far immaginare al pubblico i benefici che deriveranno dall’applicazione. Bisogna visualizzare e descrivere il futuro realisticamente, sottolineando i vantaggi che si possono ottenere.

    Si può anche riportare una visione negativa, descrivendo quanto potrebbe accadere se la propria proposta non venisse accettata e applicata. Ci si concentra sui rischi, sui pericoli e sulle difficoltà che potrebbero coinvolgere tutti.

  • 6. Invito all’azione
    Invito all’azione

    Nella fase finale, l’oratore dice al pubblico cosa vuole che faccia. Se tutti riescono a sentirsi importanti, responsabili e parte della soluzione l’obiettivo sarà raggiunto facilmente. È bene fornire diverse soluzioni e lasciare che gli ascoltatori si sentano liberi di scegliere tra le diverse possibilità.

  • 7. Parlare in pubblico: altri suggerimenti
    Parlare in pubblico: altri suggerimenti

    Per applicare correttamente la sequenza di Monroe occorre dimostrare grande sicurezza di fronte all’audience. L’ansia e la paura di parlare in pubblico non devono essere trasmesse al prossimo. È consigliabile preparare diligentemente il discorso, provandolo più volte e registrandosi durante la ripetizione.

    In questo modo sarà possibile captare e alleggerire i passaggi più difficili, individuare le parti da rendere più chiare e capire quando inserire delle pause strategiche. Occorre fare attenzione al linguaggio non verbale e paraverbale, allenandosi davanti allo specchio. La posizione del corpo, il tono della voce e le espressioni del viso possono essere utili per creare un legame con il pubblico.

    La comunicazione non verbale ha una forte influenza sulla riuscita di un discorso: un buon oratore sa gestire la mimica e i gesti.

    Prima di affrontare il pubblico, è possibile fare alcuni esercizi di respirazione e di rilassamento. Individuare volti amici, studiare l’ambiente circostante e preparare del materiale di supporto sono possibili soluzioni per superare la paura e la timidezza e migliorare la propria abilità di public speaking.

    Per saperne di più: Cos'è il public speaking e come migliorarlo

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb