login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

Influencer, le tipologie

Ascolta l'articolo

Sono sempre di più coloro che hanno intrapreso la carriera di influencer. Ne esistono varie tipologie: scopriamo quali sono e come vengono scelti dalle aziende

influencer Shutterstock

Quella dell’influencer è ormai una vera e propria professione che sempre più persone vogliono intraprendere. Richiede intraprendenza, carisma, conoscenze negli argomenti che vengono trattati nei propri canali, capacità di empatizzare e socializzare con le persone, abilità digitali e tanto altro. 

Non ci sono regole ferree da seguire, poiché quello degli influencer è un mondo complesso e variegato, in cui tutti possono potenzialmente trovare spazio, purché siano in grado di attirare l’attenzione degli utenti del web e di suscitare il loro interesse e la loro fiducia.

Esistono diverse tipologie di influencer ed è importante che aziende, organizzazioni e professionisti che si occupano di influencer marketing o che vogliono inserirlo nelle proprie strategie ne conoscano le caratteristiche per far ricadere la loro scelta su coloro che meglio possono rappresentare i propri interessi, prodotti e servizi o il brand in generale. 

Il primo elemento che differenzia i vari influencer è la quantità di follower in loro possesso. Ma non finisce qui. Per una scelta consapevole sono da valutare le caratteristiche del pubblico che li segue, i temi trattati e gli interessi, i lavori svolti in passato e altri dati importanti.

Che cos’è e come si diventa un influencer

influencer

Shutterstock

Un influencer è una persona che grazie alle sue caratteristiche personali, alle sue capacità e conoscenze e alla sua autorevolezza riesce ad attirare l’attenzione delle persone, a coinvolgerle e a influenzarne gli interessi e le azioni.

Tutti possono diventare influencer, purché siano in grado di costruire una community basata su un rapporto di fiducia e stima e che abbiano qualcosa da comunicare. È una professione che richiede impegno, tempo e costanza, conoscenza delle piattaforme social e capacità di realizzare varie tipologie di contenuti per il web.

Gli influencer pubblicano regolarmente contenuti sulle piattaforme prescelte, sono sempre presenti e interagiscono con i follower costantemente. Grazie a queste attività riescono ad avere un seguito consistente e a collaborare con vari brand.

Tipologie di influencer, differenze in base al seguito

Influencer

Shutterstock

Ci sono varie tipologie di influencer e una prima differenziazione si può effettuare sulla grandezza del loro pubblico e sul numero di follower posseduti sui social network presidiati.

I nano influencer sono coloro che hanno pochi follower, da un minimo di 1000 ad un massimo di 10 mila, ma tutti molto coinvolti e particolarmente attivi. Si tratta di persone che, generalmente, sono esperte in un determinato campo o hanno un elevato grado di specializzazione. Ciò rende questi influencer molto interessanti per le aziende, che possono, attraverso di loro, raggiungere un pubblico potenzialmente interessato ad un prezzo contenuto. 

I nano influencer vengono coinvolti soprattutto dalle piccole realtà, che hanno un budget ridotto ma che non vogliono rinunciare ai vantaggi derivanti dalle attività di influencer marketing

I micro influencer hanno tra i 10 mila e i 500 mila follower e spesso si occupano di argomenti di nicchia. Hanno un seguito notevole e interattivo, che rende le loro collaborazioni di valore e importanti per le aziende.

Tra i 50 mila follower e i 1 milione di follower ci sono i macro-influencer, che hanno una buona notorietà sulle piattaforme social e che tendono a lavorare specialmente con le grandi aziende.

I mega influencer hanno più di 1 milione di follower e sono delle vere e proprie celebrità. Collabora principalmente con multinazionali o aziende molto grandi, poiché il loro costo è elevato. Nella maggior parte dei casi si tratta di persone che hanno ottenuto la fama attraverso il loro lavoro principale. Possono essere, ad esempio, attori, sportivi, cantanti o altre tipologie di artisti.

Tipologia di influencer per tipo di lavoro, brand ambassador e altri: le differenze

influencer

Shutterstock

Un’altra differenziazione tra le tipologie di influencer può essere fatta sulla base del lavoro che svolgono e di come influenzano le persone. Vi sono i brand ambassador, persone particolarmente coinvolte da un brand e molto informate su tutto ciò che riguarda i prodotti proposti, i servizi offerti, i metodi di produzione, i valori e tanto altro ancora.

Un brand ambassador riesce ad orientare le scelte del pubblico poiché dimostra di credere intensamente nei valori dell’organizzazione con cui collabora e nella qualità di prodotti e servizi

I brand ambassador comunicano attraverso i social network o sfruttando gli strumenti di comunicazione scelti e utilizzati dall’azienda, come l’advertising. Non vanno confusi con i testimonial, poiché il legame con l’azienda di quest’ultimi sono meno profondi.

Un testimonial incarna i valori di un brand ed è coerente con la sua immagine, ma viene coinvolto principalmente in spot o contenuti pubblicitari condivisi sui canali ufficiali dell’azienda. 

Gli opinion leader sono persone che riescono ad influenzare le persone grazie al ruolo che ricoprono in un determinato ambiente e alla loro autorevolezza. 

Tipologia di influencer in base ai contenuti

influencer

Shutterstock

Gli influencer possono realizzare diverse tipologie di contenuti, su piattaforme molto differenti. Esistono i blogger che riescono ad essere molto influenti e che, con impegno e costanza, sono diventati famosi tra il pubblico e i brand. Spesso si tratta di individui specializzati in determinati settori, come la finanza o lo sport.

Gli youtubers sono influencer molto amati, che, pur essendo presenti su altri social network, pubblicano principalmente contenuti video. I podcaster si dedicano ai contenuti audio, rendendoli disponibili su differenti piattaforme. 

Per saperne di più: Cos’è e cosa si intende per digital marketing

A cura di Cultur-e
Piattaforme di video streaming: l'ebook con la guida completa
Scarica il nuovo ebook gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa