login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

Effetto "Luddite Club": i giovani si cancellano dai social

Ascolta l'articolo

Sono in aumento coloro che sentono di aver perso il controllo sulla tecnologia e sulla vita online. Tra questi una studentessa che ha fondato il Luddite Club

giovani che usano smartphone Shutterstock

Giovani e social network sembrano avere un legame indissolubile. Tutte le più recenti generazioni, a partire da quella dei Millennials, sono native digitali.

Gli individui fin dall’infanzia hanno imparato a socializzare e ad interagire servendosi delle piattaforme social. Tuttavia, si inizia ad assistere ad un’inversione di tendenza, con il diffondersi dell’effetto ‘Luddite Club’ e con la presenza di sempre più ragazzi che decidono di cancellare i propri account.

È un ottimo modo per riscoprire sè stessi, trovare nuove passioni e imparare ad apprezzare la natura e tutto ciò che ci circonda. Lo ha ben compreso la giovane studentessa che, spaventata dagli effetti dello smartphone sulla sua vita, ha fondato il Luddite Club.

Luddite Club: cos’è e quando è nato

Il Luddite Club è un club fondato lo scorso anno da Logan Lane, una giovane studentessa della Edward R. Murrow High School, e a cui hanno preso parte diversi ragazzi di Brooklyn. Insieme, hanno deciso di abbracciare uno stile di vita lontano dai social network e, più in generale, dagli smartphone e dalla tecnologia.

Il nome rievocativo è ispirato a Ned Ludd, l’operaio inglese che nel XVIII secolo distrusse un telaio in segno di protesta contro l’industrializzazione e la meccanizzazione del lavoro, vista come causa dell’elevata disoccupazione del periodo.

L’ispirazione per Logan Lane arriva durante il lockdown istituito a causa della pandemia da Covid-19, quando il suo utilizzo dei social ha subito un incremento tale da preoccuparla. Come prima cosa ha deciso di cancellarsi da Instagram e, successivamente, ha iniziato a vivere sempre più lontana dalla tecnologia.

Giovani lontani dai social: come vivono

Lane, abbandonati i social network, ha riscoperto il valore delle passeggiate all’aria aperta, ha preso l’abitudine di frequentare la biblioteca e leggere libri cartacei, di addormentarsi ripensando alla sua giornata e lasciando liberi i pensieri.

I membri del Luddite Club si incontrano la domenica, spengono i telefoni, e trascorrono del tempo in compagnia disegnando, leggendo, scrivendo lettere, lavorando a maglia, parlando o semplicemente facendo meditazione e ascoltando i suoni e gli odori di ciò che li circonda. Si sentono rinati, affermano di aver trovato nuove passioni e di essersi riscoperti come individui.

Al momento i giovani che prendono parte a questa attività e adottano questa modalità di vita sono ancora pochi, ma il Luddite Club promette di espandersi e di coinvolgere più persone. D’altro canto, sono in costante aumento coloro che si sentono sopraffatti dagli smartphone, dalla tecnologia, da una vita sempre connessa e che decidono di disinstallare le applicazioni più invadenti e di eliminare i propri account su Instagram, Twitter, Pinterest, Facebook e su altre piattaforme social.

Per saperne di piùSocial Media, la lista dei principali social media

A cura di Cultur-e

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa