login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo
ACCEDI CON MYFASTWEB

mostra
Non sei registrato? Crea un account
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.
Torna alla form di Login
Non sei registrato? Crea un account

Algospeak, il trend che ha preso piede su TikTok e sui social network

Ascolta l'articolo

Algospeak è una tendenza che sta spopolando su TikTok e che mira ad evitare lo shadow ban camuffando le parole vietate sulle piattaforme social

algospeak trend social network Shutterstock

TikTok e le altre piattaforme social hanno previsto delle regole ferree per far sì che tutti gli utenti possano visualizzare immagini, video e commenti ed interagire senza correre rischi di incappare in contenuti inappropriati, non adatti all’età dell’utente e che non rispettano le linee guida. Per questo motivo alcune parole subiscono delle limitazioni e chi li utilizza potrebbe essere oscurato e subire il fenomeno conosciuto come shadow ban, una moderazione che nasconde un utente o ciò che esso pubblica ad una determinata community.

Per evitare che ciò accada, gli utenti hanno trovato delle scappatoie, adottando un linguaggio proprio, che è stato definitivo Algospeak e che si è diffuso rapidamente negli ultimi anni. Scopriamo di cosa si tratta e come riconoscerlo e comprenderlo.

Algospeak, che cos’è

L’Algospeak è un modo di comunicare che viene utilizzato principalmente sui social network per evitare che alcune conversazioni siano individuate dagli algoritmi della piattaforma e limitate o persino censurate. È importante imparare a riconoscerlo, per poter comprendere i messaggi che si ricevono e per poter interagire in piena consapevolezza, senza fraintendimenti. 

Il termine Algospeak è il frutto dell’unione delle parole inglesi 'Algorithm' e 'Speak', e indica un modo di parlare plasmato dagli algoritmi basati sull’intelligenza artificiale che moderano e regolano la diffusione dei contenuti su TikTok e sulle altre piattaforme social. Le parole vengono, così, leggermente modificate o al loro posto vengono utilizzate delle emoticon. I simboli dei dollari, per esempio, sostituiscono le due esse della parola 'sesso', le lettere vengono sostituite da i numeri o da un asterisco e tanto altro ancora.

L’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per la moderazione dei contenuti è indispensabile, soprattutto sulle piattaforme più grandi, come TikTok, dove ogni giorno vengono pubblicati migliaia e migliaia di video, immagini e post. Tuttavia, la moderazione dell’AI, per quanto affidabile e necessaria, viene effettuata solo sulle parole, è rigida e non tiene conto del contesto e degli intenti degli utenti.

Algospeak, perché viene utilizzato

L’obiettivo degli utenti che utilizzano l’Algospeak è quello di evitare che i propri post vengano bloccati o, su alcune piattaforme dalle regole più rigide, che possano essere svalorizzati e non permettere una monetizzazione. 

Su YouTube i contenuti che presentano parole vietate non possono sfruttare i banner pubblicitari e sono causa di un guadagno minore, mentre su TikTok viene nettamente ridotta la possibilità che un video possa diventare virale.

Le motivazioni alla base non sono sempre frivole e legate al denaro, ma talvolta l’utilizzo dell’Algospeak è una rivendicazione della propria libertà di parola e nasce dalla necessità di esprimersi al meglio su determinati argomenti e tematiche sui social network, come guerre o questioni sociali e politiche particolarmente delicate, senza infrangere le linee guida delle piattaforme.

Per saperne di più: Cos'è e come funziona TikTok: dal profilo alla produzione dei contenuti

A cura di Cultur-e
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Anche Fastweb Plus ha il suo canale Whatsapp
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati. Leggi l'informativa