Progettati inizialmente per essere utilizzati solamente in campo militare, i droni hanno via via conquistato nuovi settori. Oramai sono uno degli strumenti più amati dai fotografi e molti utenti li acquistano per divertirsi insieme ai propri figli durante il fine settimana. Negli ultimi anni il settore degi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR) ha conosciuto una crescita inarrestabili, grazie soprattutto ai droni "familiari" di piccole dimensioni che possono essere utilizzati tranquillamente nel giardino di casa, senza la necessità di dover conseguire un brevetto per controllarli.

A dominare il mercato sono i quadricotteri provenienti dagli Stati Uniti e dalla Cina: aziende come DJI e Parrot sono diventate il punto di riferimenti per migliaia di appassionati. In Italia il mercato è in continua crescita, come dimostrano i dati rilasciati dal player europeo Conrad: nel 2016 il settore ha conosciuto un aumento nelle vendite del 16% rispetto all'anno precedente. A fare la voce grossa sono i droni dotati di GPS e fotocamera con quasi il 50% del mercato. L'altro 50% è diviso quasi equamente tra i droni da gara, i droni professionali e i droni giocattolo.

 

droni

 

Il mondo dei quadricotteri è molto vario e se non si è degli esperti si avrà qualche difficoltà a scegliere il modello che più si adatta alle proprie esigenze. Gli Aeromobili a Pilotaggio Remoto hanno caratteristiche differenti e prima di acquistarne uno è necessario informarsi sulla durata della batteria (solitamente l'autonomia non supera i trenta minuti), le dimensioni del quadricottero e la velocità massima raggiunta. Tra un drone professionale e un drone giocattolo sono molte le differenze. Ecco cosa sapere prima di acquistare un drone.

La durata della batteria

 

batteria

 

La durata della batteria al momento è sicuramente uno dei problemi principali dei droni. Difficilmente supera i trenta minuti e nella maggior parte dei casi non arriva nemmeno a un quarto d'ora. Il DJI Phatom 4 è il più efficiente e assicura 28 minuti, per gli altri modelli la situazione è molto più complicata. Se acquistate un drone giocatolo, è necessario sapere che la durata della batteria non supererà i sette minuti. Le aziende sono al lavoro per realizzare batterie con una maggiore autonomia, ma il lavoro è ancora molto lungo e tortuoso. La durata della batteria è legata anche alle condizioni atmosferiche: se il vento è troppo forte, per riuscire a controllare il velivolo è necessario un maggior dispendio di energie.

Il prezzo del drone è solo l'inizio

 

prezzo drone

 

Se si acquista un drone top di gamma, difficilmente si spenderà una cifra inferiore ai 1000 euro. Ma il prezzo è destinata inesorabilmente a salire. Dopo aver completato l'acquisto è necessario pensare alla manutenzione del quadricottero: batterie supplementari per poter continuare a volare, caricatore con tecnologia quick charge e i pezzi di ricambio nel caso in cui facciamo un incidente e alcune parti del quadricottero vanno in frantumi. I 1000 euro sono solamente la spesa iniziale. Un consiglio: non acquistate prodotti di aziende poco raccomandabili, potrebbero solamente rovinare il drone.

Rispettare la privacy delle altre persone

 

consigli acquisto drone

 

Quando utilizzate un drone fate attenzione alla privacy delle altre persone. Anche se vi state divertendo all'interno del giardino della propria abitazione e il quadricottero sta volando a un'altezza molto bassa, ci può essere qualcuno che è infastidito dalla presenza del velivolo. Cercate sempre di restare all'interno della propria proprietà o di utilizzare il drone in spazi aperti dove nessuno potrà lamentarsi.

Prendere un brevetto

Prima di acquistare un drone è necessario conoscere le regole vigenti in Italia. Se il quadricottero riesce a superare una certa altitudine e a raggiungere una velocità elevata è necessario possedere un brevetto, altrimenti si può incorrere in sanzioni pecuniarie. Grazie al brevetto si riuscirà ad acquisire un livello elevato di esperienza che permetterà di guidare qualsiasi tipo di drone.

Trovare un posto dove divertirsi

 

fotografia droni

 

Non tutte le zone sono adatte al volo dei droni. Ad esempio, vicino agli aeroporti vige la no-fly zone che non rende possibile l'utilizzo dei droni. Prima di completare l'acquisto di un Aeromobile a Pilotaggio Remoto è necessario assicurarsi che si potrà utilizzare il drone nella propria città, altrimenti sarete costretti a prendere l'automobile e andare in aperta campagna.

Droni giocattolo

I droni giocattoli sono dei quadricotteri dalle dimensioni piuttosto contenute e che possono essere utilizzati anche dai più piccoli. Sono ideali se si vuole far fare la prima esperienza ai propri figli, ma sono necessarie delle precauzioni. In nessun caso il bambino deve utilizzare il drone in completa autonomia: anche se dalle dimensioni piuttosto contenute, sono sempre e comunque dei velivoli e possono creare non pochi problemi. Inoltre, è consigliabile non utilizzarli dentro casa, potrebbero sbattere contro un muro e rompersi molto facilmente.

Alcuni termini tecnici

 

drone

 

Per essere sicuri che si sta acquistando il drone dei propri "sogni" è necessario conoscere alcuni termini tecnici. La sigla RTF (Ready To Fly) accompagna i droni che possono essere utilizzati immediatamente e non hanno bisogno di essere montati. Invece, la siglai ARTF (Almost ready to fly) è presente sulle scatole dei quadricotteri che devono essere montati per poter funzionare. RTH (Return to home) è una particolare tecnologia che permette di richiamare il drone quando non si riesce più a controllarlo: purtroppo non è presente in tutti i quadricotteri. Follow Me è un'altra tecnologia molto interessante che permetterà all'Aeromobile a Pilotaggio Remoto di seguire il GPS dello smartphone dell'utente senza la necessità di comandarlo con il joypad.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb