login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

Cos’è e come funziona il DVB-I, nuova tecnologia per il digitale terrestre

Ascolta l'articolo

Il DVB-I è un nuovo standard per i canali del digitale terrestre che è stato adottato per migliorare la qualità delle trasmissioni: come funziona

televisione digitale Shutterstock

In Italia (e non solo) sta arrivando un nuovo standard e una nuova tecnologia per la televisione digitale. Si chiama DVB-I, è l’acronimo di Digital Video Broadcasting - Internet ed è l’evoluzione del DVB-S2 e del DVB-T2. Proprio verso quest’ultimo si sarebbero dovuti avere degli switch da parte di alcune emittenti televisive, momentaneamente rimandati.

Con il DVB-I si ha una soluzione valida per la riproduzione di più contenuti televisivi e multimediali in alta qualità, poiché verranno trasmessi attraverso la rete in maniera del tutto innovativa. Lo standard è stato approvato dall’ETSI (Istituto europeo per le norme di telecomunicazione) già nel 2020, ma sarà nel prossimo futuro che verrà sfruttato in maniera prevalente. Scopriamo di cosa si tratta e come funziona.

DVB-I, come funziona e i suoi vantaggi

Lo standard DVB-I è uno standard open source che ha come obiettivo quello di proporre nuove modalità per le trasmissioni dei programmi televisivi e dei contenuti multimediali in maniera indipendente dalla loro modalità di fruizione (satellitare, via internet o terrestre). Ciò significa che gli utenti finali potranno visualizzare tutto ciò che desiderano attraverso qualsiasi tipo di connessione ad Internet, in qualità estremamente elevata.

Con questa nuova tecnologia si potrà accedere a tutti i tipi di servizi televisivi, sia quelli tradizionali sia ai canali on demand, gratuiti e a pagamento, senza dover collegare il cavo dell’antenna o quello satellitare o il digitale terrestre.

La riproduzione dei canali può avvenire da qualsiasi dispositivo a disposizione dell’utente, purché connesso ad internet: smartphone, tablet, personal computer e televisori smart. La riproduzione e la propria esperienza può essere personalizzata, grazie alla possibilità di sospendere o mettere in pausa in qualsiasi momento, riprendere la visione quando si desidera o eseguire altre azioni. 

Tutti i contenuti televisivi potranno essere gestiti da un’unica interfaccia, dal design semplice e intuitivo. DVB-I è stato pensato sia per esser utilizzato in solitaria che per integrarsi con altri sistemi già presenti. La connessione ad Internet deve essere sufficientemente stabile e forte da permettere la riproduzione. In alternativa è possibile collegarsi al digitale terrestre e continuare la visualizzazione.

DVB-I, quali contenuti si potranno visualizzare

Il nuovo standard sembra aver attirato l’interesse di molte emittenti televisive, mentre altre stanno dimostrando maggior cautela. Mediaset è stata tra le prime aziende ad esplicitare la volontà di utilizzare questa tecnologia per migliorare la qualità di visione per i telespettatori. 

Sky e Rai stanno ancora valutando la possibilità di adottare questo standard. Inoltre, Rai sta attendendo il passaggio al DVB-T2, il nuovo digitale terrestre, che avverrà con probabilità nel corso del 2024.

A cura di Cultur-e
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Immagine principale del blocco
Segui le ultime notizie sul nostro canale Whatsapp
Fda gratis svg
Iscriviti al canale gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.