Molti utenti non sanno come si paga un parcheggio con un’app. Spesso non si avvicinano a questo genere di programmi per paura che siano troppo complicati o perché temono il servizio non sia disponibile nella loro città.

In realtà, in questo momento storico esistono tante diverse app per il parcheggio incredibilmente performanti: da myCicero a EasyPark, da Phonzie a Telepass e ParkMan. Tutti questi software permettono di pagare un parcheggio da smartphone,senza avere bisogno di un parchimetro. 

Le app per parcheggio garantiscono un livello di gestione della sosta molto più approfondito, grazie a cui l’utente paga soltanto per i minuti effettivamente passati all’interno delle celebri strisce blu. 

  • 1. MyCicero
    MyCicero per pagare il parcheggio

    Screenshot Fastweb Plus

    MyCicero è un’app per il parcheggio disponibile per iOS e Android, ma non solo. Il software, sviluppato dal Gruppo Mooney, mette a disposizione dell’utente diversi servizi legati al mondo della mobilità.

    Uno dei più noti è senza ombra di dubbio la possibilità di pagare le varie tipologie di parcheggio a pagamento presenti nelle città. Con myCicero l’utente paga esclusivamente i minuti effettivi della propria sosta. Al momento del parcheggio bisogna indicare la geolocalizzazione della propria vettura: un sistema che permette all’app di adeguarsi alle regole della fascia oraria di riferimento e di stabilire l’importo da versare. 

    Dopodiché si indica l’orario di terminazione del servizio, che però potrà essere modificato in un secondo momento. Con myCicero è possibile estendere la durata del proprio parcheggio. Ma anche ridurla, nel caso in cui ci si sposti prima del previsto. 

    MyCicero permette inoltre di acquistare il permesso per entrare in un’area ZTL e, più in generale, di acquistare diverse tipologie di servizio di mobilità. Dagli spostamenti in treno a quelli in bus o in metro, dal singolo biglietto agli abbonamenti. 

    Tutto questo utilizzando un unico account, valido in tutta Italia. L’utente non deve fare altro che aprire myCicero e scegliere uno tra i servizi disponibili. Anche la ricarica viene gestita autonomamente dentro l’app e non prevede alcun genere di costo aggiuntivo. 

  • 2. EasyPark
    EasyPark per parcheggiare

    Screenshot Fastweb Plus

    EasyPark permette di trovare parcheggio in più di 2.200 città distribuite in 20 paesi dell’Europa. Si stima venga utilizzata da più di 7 milioni di utenti e da oltre 100.000 aziende, con un gradimento che supera il 95%. 

    EasyPark è un’app di parcheggio che permette anche di prenotare o pianificare le soste. Il software mette a disposizione una funzione di nome Parking Planner, che si rivela utile soprattutto in situazioni potenzialmente congestionate.

    Si pensi in tal senso alle aree parcheggio limitrofe una stazione ferroviaria o un aeroporto. In entrambi i casi, con EasyPark l’utente può visionare i parcheggi disponibili, tenendo conto del loro prezzo e della loro distanza dal punto di interesse che devono raggiungere. 

    Un’altra funzione particolarmente apprezzata di EasyPark si chiama Find & Park: una specie di assistente con navigatore integrato, che aiuta l’utente a trovare un parcheggio all’interno della sua città. 

    EasyPark è disponibile per Android e iOS. Permette una gestione in tempo reale del parcheggio, in modo da pagare soltanto i minuti effettivi di sosta. Nel suo database sono evidenziate anche le stazioni e le colonnine di ricarica per auto elettrica. 

  • 3. BMove
    Bmove per parcheggiare

    Screenshot Fastweb Plus

    Anche BMove, che in passato si chiama Phonzie,fa parte delle app che permettono di semplificare la prenotazione e la gestione delle proprie soste. Un’app per parcheggio con cui l’utente paga soltanto i minuti effettivi e che gli permette di estendere o ridurre il tempo di sosta a proprio piacimento. 

    Bmove è disponibile su Play Store Android e su App Store Apple. Può essere utilizzata in più di 50 città italiane, con un elenco in continuo aggiornamento. 

    Il primo servizio fornito da Bmove riguarda il pagamento della striscia blu. L’utente può visionare la tariffa oraria prevista utilizzando il GPS del proprio smartphone. Dopodiché non deve fare altro che indicare l’orario di sosta previsto, che potrà comunque essere modificato in un secondo momento. 

    Una funzione collaterale molto apprezzata di Bmove si chiama Trova auto. Si tratta di un servizio che guida l’utente verso il proprio veicolo, nel caso in cui non ricordi più l’indirizzo o la posizione di parcheggio. 

    Inoltre Bmove permette di acquistare biglietti elettronici per bus, tram e metro. L’utente può optare per un viaggio singolo, ma anche per abbonamenti ove possibile. 

    Bmove si distingue grazie a un sistema che stimola il passaparola regalando credito extra. Nel momento in cui un utente si iscrive segnalandone un altro in qualità di consigliere, l’app riconosce un bonus di 1 euro a entrambi

  • 4. Altre app per il parcheggio
    Telepass per parcheggiare

    Screenshot Fastweb Plus

    Infine, spazio ad altre soluzioni perfette per chi ancora non sa come si paga il parcheggio con un’app. Si comincia con Telepass: un marchio registrato, noto soprattutto per il suo sistema di riscossione dei pedaggi autostradali

    Determinati abbonamenti Telepass permettono però di usufruire di tanti altri servizi, tra cui il pagamento della striscia blu: nello specifico i pacchetti Easy, Plus e Telepass Pay X.

    L’utente non deve fare altro che installare l’app Telepass o l’app Telepass Pay X: entrambe permetteranno di pagare un parcheggio, modificando la durata della sosta a proprio piacimento. Il servizio è disponibile in tantissime città italiane e permette anche di usufruire di parcheggi convenzionati presso stazioni, fiere e aeroporti

    Anche ParkMan è un’app per il parcheggio, che offre soluzioni su misura tanto per il privato quanto per l’azienda. È disponibile per iOS e Android e presenta almeno un paio di caratteristiche peculiari: innanzitutto permette all’utente di scegliere il parcheggio più conveniente, sia in termini economici che di distanza dal punto di interesse che ha in mente.

    Dopodiché, offre un pacchetto di funzioni pensate appositamente per gli operatori di parcheggio: dalla vendita ai permessi, fino ad arrivare a eventuali offerte dedicate. 

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb