login LOGIN
CHIUDI chiudi
Il mio profilo

mostra
Hai dimenticato la password?
Inserisci l'indirizzo email di registrazione per reimpostare la password.
Segui le istruzioni che ti abbiamo inviato per posta elettronica.

ChatGPT arriva anche su Slack, cosa cambia

Ascolta l'articolo

Slack sarà integrato con ChatGPT: l’intelligenza artificiale entra a gamba tesa nella celebre applicazione per la comunicazione professionale. Scopriamo di più

Slack Yalcin Sonat / Shutterstock.com

Slack è il celebre servizio di messaggistica sviluppato per semplificare la comunicazione all’interno di un team di lavoro. L’applicazione ha ricevuto nel tempo consensi più che positivi, diventando uno dei punti di riferimento in materia di Project Management.

La vera notizia che sembra aver colto tutti di sorpresa è che, già dalle prossime settimane, il sistema potrà contare sull’integrazione con ChatGPT, l’ormai celebre chatbot che sta cambiando per sempre l’idea di intelligenza artificiale.

Salesforce, l’azienda dietro allo sviluppo di Slack, ha confermato che la nuova funzione avrà il compito di “partecipare” alle chat aziendali, rispondendo alle domande e dando il proprio supporto (quando richiesto) proprio come farebbe un utente qualsiasi.

Scopriamo di più al riguardo.

Slack e ChatGPT, cosa cambia per gli utenti

ChatGPT si sta diffondendo a macchia d’olio entrando a gamba tesa nei servizi web più disparati da Bing fino ad arrivare allo smartwatch AmazFit.

L’ultima novità riguarda Slack che si sta preparando all’integrazione col chatbot, che a breve sarà inserito in ogni spazio di lavoro. 

Al momento, la funzionalità non è ancora attiva, ma gli utenti interessati possono “mettersi in fila” e richiedere la versione beta dalla pagina ufficiale di OpenAI. Da sottolineare, però, che i tempi di attesa potrebbero essere piuttosto lunghi.

Da quanto rivelato da Salesforce sembra che l’intelligenza artificiale farà parte dei diversi progetti attivi su Slack e potrà essere richiamata utilizzando semplicemente @Einstein.

ChatGPT, quindi, si occuperà di potenziare il servizio già offerto dall’applicazione, andando a gestire dati, informazioni e funzionalità che potrebbero tornare utili durante lo svolgimento di un lavoro.

 Un cambiamento notevole per tutti gli utenti che utilizzano comunemente Slack per migliorare la comunicazione aziendale che, di colpo, si ritroveranno nel team una vera e propria AI.

ChatGPT: dubbi e perplessità

La domanda che tutti si pongono è se davvero ChatGPT riuscirà a potenziare i servizi offerti da Slack e, in generale, se le prospettive di sviluppo saranno davvero così interessanti.

Sicuramente l’intelligenza artificiale potrebbe fornire supporto e soluzioni su diversi problemi, aiutando i lavoratori a districarsi tra le incombenze e i vari task. Ma questo potrebbe non essere sufficiente per diradare il velo di diffidenza al riguardo.

Restano, infatti, i dubbi sull’etica e sulla tutela di privacy e dati personali, ma sia Saleforce che OpenAI hanno rassicurato l’utenza, confermando che il chatbot opererà solo in totale trasparenza e che non utilizzerà in alcun modo i dati estrapolati dai vari spazi di lavoro per aggiornarsi e potenziare le proprie informazioni.

Naturalmente è tutto una grandissima novità e prima di poter esprimere un parere favorevole o contrario bisogna provare sul campo le potenzialità dell’intuizione.

Al momento, quindi, non resta che procedere un po’ per tentativi, lasciandosi cullare dolcemente da questa rivoluzione dell’intelligenza artificiale che sta già stravolgendo tutti i settori del vivere e del lavorare quotidiano.

A cura di Cultur-e
Sai che Fastweb Plus è anche su Instagram?
Instagram
Sai che Fastweb Plus è anche su Instagram?
Fda gratis svg
Seguici gratuito

Iscriviti
all'area personale

Per ricevere Newsletter, scaricare eBook, creare playlist vocali e accedere ai corsi della Fastweb Digital Academy a te dedicati.