Con l'avvento di DALL-E e alternative open source come Stable Diffusion, i software AI-based che generano immagini e disegni realistici in tempo reale partendo da un input testuale, hanno guadagnato una grande popolarità

Microsoft, che dal 2019 collabora conOpenAI per sviluppare responsabilmente le ultime tecnologie di IA, ha deciso di investire in DALL-E 2, il nuovo software di machine learningsviluppato dal laboratorio di ricerca di Elon Musk, portandolo su app e servizi proprietari.

Durante la conferenza Ignite, l’azienda di Redmond ha annunciato due nuovi tool consumer che sfruttano l’intelligenza artificiale di DALL-E 2. Microsoft Designer permette di progettare da zero ogni tipo di contenuto grafico, mentre Image Creator di creare immagini che non esistono.

DALL-E alla portata di tutti con i tool Microsoft

Con la mission di portare la tecnologia OpenAI ad un pubblico più ampio, Microsoft lancia in anteprima gratuita Designer: simile alla famosa app di grafica Canva, è in grado di generare qualsiasi progetto digitale, dai volantini ai post per i social network, offrendo modelli predefiniti facili da modificare.

Designer sfrutta i contenuti creati dagli utenti e DALL-E 2 per ideare progetti, con menu a discesa e caselle di testo per ulteriori personalizzazioni. La versione finale sarà accessibile a tutti, ma per sfruttare le funzionalità più avanzate sarà necessario l’abbonamento a Microsoft 365 Personal o Family. Alcune funzionalità gratuite saranno a disposizione dei non abbonati. In futuro verrà integrata in Microsoft Edge.

Le due app sono alla portata di tutti: descrivendo l’immagine desiderata, il tool mostrerà “qualcosa di unico“

Un'altra app sviluppata da Microsoft supportata da DALL-E 2 è Image Creator. Accessibile tramite la scheda Immagini Bing o bing.com/create, o tramite l'icona Image Creator nella barra laterale di Edge, genera immagini partendo dalle istruzioni testuali dell’utente.

In pratica, indirizza le richieste a DALL-E 2, agendo come client frontend. A differenza di Designer, Image Creator in Bing ed Edge sarà completamente gratuito (inizialmente, solo in determinate aree geografiche) ma nell’ottica di prevenire potenziali abusi, Microsoft invita ad un "approccio misurato".

L’impegno di Microsoft per un'IA responsabile

Come è noto, l’IA potrebbe essere usata per generare deep fake, contenuti violenti e restituire immagini inappropriate cogliendo i pregiudizi nei milioni di immagini sul Web utilizzate per addestrare gli algoritmi.

OpenAI ha rimosso contenuti sessuali e violenti espliciti dal set di dati per DALL-E 2. Microsoft ha adottato misure come la distribuzione di filtri per limitare la generazione di immagini che violano le norme sui contenuti e un blocco aggiuntivo delle query su argomenti specifici. Gli utenti dovranno accettare termini di utilizzo e politica sui contenuti per utilizzare Designer e Image Creator.

Se l'utente viola ripetutamente le norme sui contenuti, verrà bandito, ma potrà presentare ricorso

Di fronte alle questioni legali di copyright emerse di recente, gli utenti Microsoft avranno diritti di utilizzo "pieni" per commercializzare le immagini create con Designer e Image Creator. Similmente a OpenAI, Microsoft non rivendicherà proprietà di prompt, didascalie, creazioni o altri contenuti che gli utenti pubblicano.

A differenza di host come Getty Images che ha vietato caricamento e vendita di illustrazioni generate con DALL-E 2 e simili, citando problemi di fair use sui set di dati formativi con immagini protette da copyright.

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb