Nel mare magnum dei programmi che offrono servizi di modellazione 3D, FreeCAD è uno dei migliori software di disegno 3D gratuiti. Per chi non vuole fare un investimento economico ed evitare di acquistare AutoCAD, FreeCAD è un’ottima alternativa gratuita.

È un programma open source multipiattaforma che può essere installato su Windows, Mac e Linux. Gli utenti che decidono di utilizzarlo possono creare fantastici disegni tecnici in 2D e modellare in 3D per CAD, MCAD, CAx, CAE e PLM, esattamente come farebbero con un programma molto più costoso come AutoCAD.

Chi utilizza questo software può contare su librerie open source. FreeCAD è infatti compatibile con Open Inventor e basato su Open CASCADE, una piattaforma composta esclusivamente da librerie e componenti che viene utilizzata soprattutto per lo sviluppo di programmi di CAD gratuiti come FreeCAD.

Le funzioni di FreeCAD

Persone che lavorano al pc

Shutterstock

Anche se è possibile creare disegni in 2D, non è questo lo scopo principale del software. Il programma nasce come modellatore 3D, ma grazie alla sua grande flessibilità viene utilizzato dagli utenti anche per molti altri utilizzi, tra cui l’animazione e la modifica delle mesh.

Grazie al kernel geometrico che si fonda su Open CASCADE, FreeCAD permette di effettuare anche operazioni complesse su progetti articolati. Vengono supportati i file STEP e IGES, oltre ad avere a disposizione una grande varietà di figure geometriche.

Il modellatore parametrico consente di modificare e personalizzare tutti gli oggetti di FreeCAD. Ogni azione che viene effettuata può essere vista e ricontrollata grazie all’albero delle operazioni, che permette anche di annullarle e ripeterle.

Si possono aggiungere nuovi oggetti con un clic o programmarli per intero in Python.

FreeCAD permette agli utenti di utilizzare tantissimi plugin diversi grazie alla sua architettura modulare. Si possono modificare gli oggetti creati all’interno dell’applicazione o cambiare l’interfaccia dell’applicazione stessa.

Il programma consente anche di importare ed esportare molti formati differenti, tra cui IGES, OBJ, STL, DAE e IFC.

Gli utenti possono cimentarsi nel rendering grazie ad un modulo appositamente dedicato che consente di esportare i modelli 3D e renderizzarli con software esterni. 

Le caratteristiche di FreeCAD

persona che lavora al pc

Shutterstock

Scaricare FreeCAD sul proprio computer non appesantisce il dispositivo perché il programma occupa poco spazio nella memoria del dispositivo.

L’interfaccia di FreeCAD raggruppa tutti i diversi strumenti, raccolti in workbenches, ossia ambienti di lavoro. Grazie a questa struttura gli utenti possono visualizzare soltanto gli strumenti che sono necessari per portare a termine ogni specifica azione. In questo modo l’area di lavoro risulta più pulita e semplice da utilizzare.

Nel momento in cui l’utente apre FreeCAD, la schermata del software che si visualizza è solo la base iniziale, che sarà seguita da tutti i moduli che vengono caricati solo quando l’utente deve utilizzarli. Si può dire che i moduli siano simili a dei plug-in, in cui sono memorizzati tutti gli strumenti e le geometrie.

Ripristinare una versione precedente del progetto è facile e possibile tramite l’utilizzo dello strumento annulla/ripristina che consente di accedere direttamente allo storico delle azioni e annullare nello stesso momento più notifiche.

Se si ha dimestichezza con il linguaggio di programmazione, è interessante sapere che all’interno di FreeCAD è stato incorporato un ambiente di programmazione Python, che permette agli utenti di accedere ad un editor per Python grazie al quale possono programmare diversi parametri.

L’interfaccia di FreeCAD

Persone che lavorano al pcShutterstock

Una volta atterrato sulla pagina principale del software, l’utente può notare come la schermata di FreeCAD sia divisa in circa undici sezioni. Una parte è dedicata alla vista principale, che al suo interno può avere altre schede e finestre. Sempre nell’area principale si trova la vista 3D, che viene incorporata alla pagina principale. 

La parte superiore è composta dalla vista ad albero e dal pannello delle azioni. 

La Vista 3D è la parte più importante dell’interfaccia di FreeCAD. Gli utenti possono avere diverse viste dello stesso oggetto o aprire nello stesso momento più documenti.

La vista combinata possiede due schede distinte: da un lato la scheda Modello che offre i contenuti e la struttura del documento all’interno della parte superiore, mentre nella parte inferiore sono presenti i parametri dell’oggetto selezionato.

I parametri sono a loro volta suddivisi in due categorie, ossia i Dati, che sono le proprietà che interessano la geometria stessa dell’oggetto, e la Vista, che indica il modo in cui la geometria appare sullo schermo.

Nella scheda Azioni gli utenti devono specificare i valori relativi allo strumento che si sta utilizzando. Per esempio, se si sta utilizzando lo strumento Linea, qui si potrà inserire la lunghezza della linea da tracciare.

Il pannello Report di solito è nascosto, ma è utile consultarlo per avere sempre sott’occhio tutte le informazioni e gli eventuali avvisi di errori all’interno della piattaforma. 

Infine, con la console Python si può modificare il documento utilizzando il linguaggio di programmazione. Aprendo questo pannello si è in grado di vedere i codici che rispecchiano le operazioni fatte in FreeCAD in tempo reale, consentendo agli utenti che non lo conoscono anche di imparare le basi di Python.

Gli utilizzi di FreeCAD

designer

Shutterstock

FreeCAD è stato progettato soprattutto per la creazione di modelli in 3D  nell’ambito dell’ingegneria, dell’ingegneria meccanica e nel settore dell’architettura.

Nonostante questo, sono tantissimi gli ambiti in cui è possibile utilizzare FreeCAD. Dalla creazione di disegni alla formazione di oggetti tridimensionali, file di controllo delle macchine, alla renderizzazione e la creazione di animazioni. Ognuno di questi ambienti ha i suoi strumenti dedicati. Il software permette anche di lavorare con estrema semplicità grazie alla possibilità di passare da un ambiente all’altro in qualsiasi momento, anche all’interno dello stesso progetto.

Per saperne di più: I tool più usati dai designer

A cura di Cultur-e Costruisci il tuo futuro con la connessione Fastweb