firma digitale

Firma digitale per i referendum: come funziona

Gli utenti che vogliono firmare un referendum e le proposte di legge di iniziativa popolare possono utilizzare un nuovo strumento: cos’è la firma digitale e come funziona
Firma digitale per i referendum: come funziona FASTWEB S.p.A.

A partire da luglio 2021 con l’approvazione dell’emendamento al Decreto Semplificazioni 77/2021 è stata introdotta in Italia la possibilità di sottoscrivere con firma digitale i referendum e le proposte di legge di iniziativa popolare. Si tratta di una importante novità nel processo di digitalizzazione dell’Italia, che permette ai cittadini di appoggiare una causa con la propria firma senza doversi recare ai banchetti di raccolta, ma utilizzando uno strumento digitale che ne certifichi l’identità.

In particolare, i cittadini possono firmare le proposte di referendum online in modo semplice utilizzando l’identità digitale SPID, la carta d’identità elettronica oppure dispositivi per la firma digitalecertificata, come smart card e chiavette USB. Ecco cos’è la firma digitale, come funziona e come può essere usata per firmare un referendum.

Firma digitale per referendum: cos’è e come funziona

firma digitalePer firma digitale si intende una firma elettronica qualificata, che ha la stessa validità legale di una firma autografata su carta. Il Decreto Semplificazioni 77/2021 ha introdotto la possibilità di utilizzare le firme digitali per effettuare la raccolta delle firme degli elettori che vogliono sostenere un referendum tra le diverse tipologie previste dalla legge: abrogativo, per le variazioni territoriali o per le modifiche costituzionali. Inoltre, può essere utilizzata anche per sottoscrivere la proposta dei progetti di legge di iniziativa popolare.

Gli strumenti a disposizione dei cittadini sono diversi per utilizzare la propria firma digitale.

Il primo è l’utilizzo del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), che viene già utilizzato da molti utenti per accedere ai portati istituzionali di enti come l’Agenzia delle Entrate o l’INPS, o anche all’app IO. L’identità digitale SPID rappresenta quindi una firma elettronica qualificata, perché garantisce l’identità e l’autenticità di chi la appone.

In alternativa, è possibile utilizzare la carta d’identità elettronica (CIE), che consente l’accesso ai servizi digitali erogati sia dalle pubbliche amministrazioni che dai privati. Anche questo strumento garantisce l’identità di chi firma il referendum. Infine, è possibile utilizzare le firme digitali rilasciate da un prestatore di servizi che ne garantisce il certificato qualificato e che richiedono l’utilizzo, a volte in associazione con una smart card o una chiavetta USB. Ad esempio, si potrà usare un servizio di autenticazione della firma, come TrustPro, per cui occorre un documento di identità valido e il pagamento di una quota, che in genere è di pochi euro. Questo sistema certifica solo una firma digitale relativa al referendum che si sta sottoscrivendo.

Firma digitale per referendum: come utilizzarla

firma digitaleUtilizzare la firma digitale per sottoscrivere un referendum è semplice. Gli utenti devono collegarsi al sito della proposta di referendum che desiderano sostenere e aprire l’apposito form per l’inserimento dei dati. Solitamente, è necessario inserire i dati preliminari, come ad esempio indirizzo e-mail, regione, città in cui si vive e Comune in cui è si iscritti ai registri elettorali.

L’indirizzo e-mail deve essere valido e corretto, perché su quello fornito dall’utente si riceve il link per procedere con la firma digitale.

Dopo aver aperto il link, si aprirà una schermata che chiede all’utente di identificarsi con SPID, CIE o altro strumento di firma digitale certificato che sia supportato dalla piattaforma su cui si sta firmando il referendum. Una volta firmato, se l’operazione è stata svolta correttamente, si riceverà una email di conferma nella casella di posta elettronica indicata al momento della registrazione.

Bisogna ricordare però alcune condizioni. Chi ha già firmato fisicamente presso uno dei tavoli per la raccolta firme del referendum nelle piazze, non potrà usare la firma digitale. Firmando due volte, entrambe le firme verranno annullate. inoltre, dopo aver firmato non è possibile annullare l’operazione: se un cittadino cambia idea, la firma digitale non è più cancellabile.

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail