Fastweb

Come si usa Google Drive

Google si ricrede sul blocco dei contenuti in autoplay Web & Digital #chrome #google Google si ricrede sul blocco dei contenuti in autoplay Google decide di rimandare il blocco audio in autoplay durante la navigazione per problemi ai giochi sul web
ISCRIVITI alla Newsletter
Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
Come si usa Google Drive FASTWEB S.p.A.
Google Drive
Web & Digital
Integrato con molti altri servizi Google, il cloud storage di Big G fa dell'intuitività uno dei suoi punti di forza. Ecco come si usa

Non un semplice servizio di cloud storage. Difficilmente Google Drive può essere considerato solamente lo spazio sulla nuvola che Big G mette a disposizione dei suoi utenti: i 15 gigabyte iniziali (e gratuiti) sono una sorta di ingresso virtuale verso un mondo fatto di servizi, trucchi e funzionalità che, come detto, vanno ben oltre il semplice storage nel cloud.

 

 

Nonostante tutti i possibili utilizzi di Google Drive, il funzionamento del servizio di cloud storage della società di Mountain View è tutto sommato semplice: l'interfaccia utente chiara e lineare permette di gestire alla perfezione i file salvati sulla nuvola (organizzandoli in cartelle e directory) e di condividerli poi con altri utenti Google e internauti e, allo stesso tempo, creare documenti di testo, fogli di lavoro e presentazioni grazie alla suite di applicativi d'ufficio (un tempo conosciuta con il nome di Google Docs) legata a doppio filo con il servizio di archiviazione nel cloud.

Come iniziare a utilizzare Google Drive

Per accedere ai servizi e alle funzionalità di Drive sarà necessario avere un Google account, un profilo gratuito e semplice da creare che apre le porte a tutti i servizi di Big G (il già citato Google Docs, Gmail, Google+, YouTube e molti altri).

 

Google Drive

 

Collegarsi alla home page del motore di ricerca più utilizzato dagli internauti e, nell'angolo in alto a destra, cliccare sul bottone celeste “Accedi”. Nella pagina che si caricherà verrà chiesto di inserire il nome utente e la password di un account Google già esistente o, appena sotto la maschera per il log in, di creare un nuovo account: cliccare sul link e attendere che si carichi la prima pagina della procedura per la creazione del profilo.

 

Google Drive

 

Sarà necessario inserire i propri dati personali, scegliere un nome utente e impostare una password di accesso. Vale la pena ricordare che, come per ogni altro servizio online, è necessario che la password sia ben costruita e difficile da scoprire: in questo modo sarà possibile proteggere al meglio tutti i dati che si vorranno conservare sul cloud storage di Google.

 

Google Drive

 

Completata la procedura si potrà accedere al proprio spazio di archiviazione sulla nuvola. Due le modalità di accesso: digitare nella Omnibox di Chrome (o nella barra degli indirizzi del browser utilizzato) l'indirizzo drive.google.com oppure cliccare sull'icona a forma di griglia che compare nella parte alta di ogni pagina legata ai servizi Google (Gmail, l'home page del motore di ricerca e altre) e scegliere Drive.

 

Google Drive

 

  • L'interfaccia di Google Drive. Come detto, uno dei punti di forza di Drive sta nella sua interfaccia grafica. Semplice, chiara e lineare come nello stile di tutti i prodotti Google, facilita gli utenti alle prime armi a destreggiarsi tra le funzionalità del servizio di storage nel cloud. La colonna sinistra ha una doppia funzionalità: da un lato permette di navigare tra le directory e le cartelle di Drive come se si trattasse di un normale file manager; dall'altro, cliccando sul pulsante “New”, si potranno aggiungere nuovi file o cartelle (creandoli ex novo grazie all'integrazione con Google Docs) oppure caricare file e cartelle già esistenti sul proprio disco rigido. Nella parte alta della schermata è presente un campo per cercare tra i file, mentre poco più sotto è presente una barra degli strumenti con diverse icone per interagire con il contenuto del proprio account o modificarlo a proprio piacimento. La colonna di destra, invece, permette di accedere ai dettagli del file o della cartella e consultare l'elenco delle varie modifiche apportate nel corso del tempo

 

Google Drive

 

  • Google Drive per dispositivi mobili. Gli utenti Android e iOS potranno installare sul loro dispositivo mobile l'applicazione sviluppata nel Googleplex e accedere in mobilità al proprio spazio sulla nuvola. Dal proprio smartphone o tablet, gli utenti Google potranno scaricare sul dispositivo uno dei file già presenti o aggiungerne di altri. Dall'estate 2014, inoltre, Google ha iniziato a rilasciare applicazioni ad hoc per i suoi applicativi d'ufficio: gli utenti potranno scaricare come applicazioni stand alone Documenti, Fogli e Presentazioni

 

Google Drive

 

  • Il client per computer. Nel caso in cui si volesse gestire lo spazio direttamente dal file manager del proprio PC (“Risorse del Computer” nei sistemi Windows, “Finder” nei sistemi OS X) si può scaricare e installare il client di Google Drive. Come accade per Dropbox, comparirà una cartella sul proprio disco rigido contenente tutto ciò che è già esistente nella nuvola: sarà sufficiente creare un file o una cartella all'interno di “Google Drive” per poi sincronizzare il nuovo contenuto nel cloud. Naturalmente, lo stesso è vero anche nel caso in cui si trascini un contenuto al suo interno: non appena ci si collegherà al web, il client si occuperà della sincronizzazione

Creare file in Google Drive

Grazie all'integrazione con Google Docs, gli utenti possono creare direttamente dei file all'interno del loro account Drive. Si potranno creare file di testo, fogli di lavoro, presentazioni, form per questionari e sondaggi, grafici e figure di varia natura. Il processo per creare un file è piuttosto semplice e segue la stessa falsariga per tutti i vari applicativi disponibili: sarà sufficiente cliccare sul pulsante “New” e scegliere il formato che più interessa.

 

Google Drive

 

Il nuovo file si aprirà in una nuova finestra e sarà modificabile in ogni singolo aspetto: dal nome al contenuto, passando per le varie impostazioni e settaggi. Il file sarà creato all'interno della cartella in cui ci si trovava nel momento in cui si è cliccato sul pulsante “New”: potrà essere poi spostato in una qualsiasi directory del proprio account.

 

Google Drive

 

A differenza degli applicativi d'ufficio offline, l'utente non dovrà aver timore di perdere il proprio lavoro nel caso in cui il computer vada in blocco o ci sia un calo improvviso nella tensione elettrica che faccia spegnere il PC: Google Drive salverà automaticamente e in background ogni singolo cambiamento apportato al file. In questo modo sarà sempre possibile riprendere il lavoro dal punto esatto in cui ci si era fermati.

Come caricare file in Google Drive

Il servizio di cloud storage di Google rende semplice il caricamento e la condivisione dei file sulla nuvola. Ogni utente ha a disposizione 15 gigabyte di spazio gratuito (con la possibilità di espanderli a pagamento) sul quale poter caricare ogni tipo di file. Nel caso in cui si tratti di un file compatibile con Google Drive (file compatibili con il pacchetto Microsoft Office, PDF, immagini e altri file testuali) l'utente potrà aprirli e modificarli; nel caso di file non compatibili (musica, video, archivi compressi e moltissimi altri file) potranno essere salvati e condivisi, ma non aperti e modificati. Comunque, grazie all'integrazione con applicazioni sviluppate da sviluppatori terzi, il novero dei formati compatibili è in continua espansione.

 

Google Drive

 

L'utente potrà caricare sul proprio spazio di archiviazione nel cloud uno o più file o intere cartelle. Sarà sufficiente cliccare su “New” e cliccare su File upload o Folder upload: si aprirà una nuova finestra dalla quale selezionare il contenuto da importare nel proprio Drive e sincronizzarlo con tutti i dispositivi utilizzati.

Condivisione e collaborazione

La condivisione dei file e delle cartelle con altri utenti è estremamente semplice: basteranno pochi click per inviare un file ad un altro utente e invitarlo, magari, a collaborare alla stesura di un progetto. Google Drive, infatti, permette a più utenti di modificare lo stesso file, consentendo in questo modo la collaborazione in tempo reale.

Condivisione

Ogni volta che si sceglie di condividere un file contenuto all'interno di un account di Google Drive si possono anche stabilire i privilegi di accesso di ogni utente: alcuni potranno solo consultare il file, altri potranno anche contribuire a modificarlo. All'interno del Drive, dunque, potranno esserci file privati non condivisi; file condivisi in sola lettura; file condivisi e modificabili; file che altri utenti hanno condiviso con noi. Quando si sceglierà di condividere il file con un gruppo ristretto di utenti, sarò necessario che questi abbiano un loro account Google e siano collegati; nel caso si decida di rendere pubblico un file, chiunque potrà accedervi e, se previsto, apportare tutte le modifiche che si vogliono.

 

Google Drive

 

Condividere un file

Per permettere agli altri utenti di accedere ai file e allecartelle salvate nel proprio storage cloud sarà sufficiente selezionare il contenuto da condividere e cliccare sul pulsante “Share” in alto a sinistra (identificabile dall'icona a forma di omino stilizzato con un segno “+” vicino la testa).

 

Google Drive

 

Comparirà una finestra di dialogo nella quale inserire gli indirizzi di posta elettronica delle persone cui si vorrà rendere accessibile il file: andando ad agire sui privilegi (basta cliccare sul menu a discesa e scegliere una delle tre opzioni) si deciderà quali utenti far collaborare alla modifica, quali potranno commentare e quali, invece, solo leggere.

 

Google Drive

 

Cliccando sul link “Advanced” presente all'interno della finestra di dialogo (nell'angolo in basso a destra) si potrà decidere se tenere il file privato oppure se renderlo pubblico sul web: in quest'ultimo caso, il file potrebbe comparire tra i risultati di ricerca di Google effettuati da qualunque utente.

Condividere un file con il link

 

Google Drive

 

In alternativa, si potrà decidere di condividere il file con più persone mettendo a loro disposizione un link diretto verso il contenuto. Si potrà ottenere il link seguendo due strade differenti: cliccando sul pulsante “Get shareable link” presente nella finestra di dialogo che si utilizza per condividere i file oppure selezionando il contenuto dal file manager di Google Drive e cliccare sul bottone “Get link” presente nella barra degli strumenti in alto a destra.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Autorizzo il trattamento dei dati di contatto per l’iscrizione alla newsletter e per la ricezione di mail di carattere informativo e commerciale. Informativa e condizioni di utilizzo.
TAGS: #drive #google #cloud storage #guida

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.