I vestiti usati da oggi si comprano online

Vestiti usati, i siti dove comprarli e venderli

I mercatini dell'usato, specie quelli dei vestiti usati, stanno velocemente diventando un fenomeno culturale. E il web non resta a guardare
Vestiti usati, i siti dove comprarli e venderli FASTWEB S.p.A.

A chi non è mai capitato di trovarsi a passare per un mercato rionale o un mercatino dell'usato e fermarsi davanti ad una delle tante bancarelle di vestiti usati presenti. Magari lo si fa più per curiosità, ma quasi sempre si finisce per acquistare uno o più capi, rimpolpando così un già ricco guardaroba.

Si finisce, così, per avere l'armadio pieno di abiti, scarpe e altri accessori e non sapere dove mettere i nuovi acquisti. L'ideale sarebbe rivenderli in un mercatino dell'usato, ma magari non si sa da dove cominciare. Il web potrebbe essere un buon punto di partenza. Sono sempre più i siti dove è possibile mettere in vendita – e comprare – vestiti usati con molteplici vantaggi: vasta scelta, prezzi bassi (se non bassissimi) e la certezza

Reoose

Più che la "solita" bancarella da mercatino dell'usato, un vero e proprio progetto di stampo sociale. Reoose nasce nel 2011 ad opera di Luca e Irina e basa la propria forza sul concetto del riuso e del riutilizzo. Un oggetto non più utilizzato non necessariamente è arrivato alla fine del suo ciclo vitale. Se si trova ancora in buone condizioni, può essere sempre ceduto (o regalato o barattato) a qualcun altro che saprà come utilizzarlo.

 

 

Reoose ospita anche una ricchissima sezione dedicata agli abiti usati. Ci si può trovare di tutto: dal jeans al paio di scarpe, dal giubbotto invernale alla cintura in pelle o la sciarpa di lana. Gli acquisti non verranno pagati in euro, ma con dei crediti che potranno essere utilizzati per gli acquisti futuri.

Private Griffe

Chi crede che i mercatini dell'usato siano solo per oggetti di dubbia provenienza e scarsa qualità dovrà ricredersi. Su Private Griffe si potranno trovare solo vestiti usati griffati: da Prada a Valentino, da Chanel a Dolce e Gabbana.

 

Private Griffe

 

I venditori verranno seguiti da un team di esperti, che li aiuterà a decidere prezzo e condizioni di vendita. Prima di essere spediti i capi vengono controllati dal reparto controllo qualità e se non sono conformi con gli standard qualitativi vengono rispediti al mittente.

Mercatino

un vero e proprio franchising di prodotti di seconda mano cui è collegato una piattaforma di e-commerce funzionale e comoda. Su Mercatino è possibile trovare dal capo firmato all'abito fatto a mano su misura. L'importante è che ogni oggetto abbia il giusto prezzo per trovare al più presto un nuovo padrone.

All'estero

Ma è soprattutto fuori dai confini italiani che gli store digitali di vestiti usati stanno conoscendo un vero e proprio boom. Inutile aggiungere che il Paese dove il secondhand market è diventato un fatto culturale sono gli Stati Uniti.

Al di là dell'Oceano è tutt'altro che raro vedere bancarelle di abiti usati agli incroci delle strade o giusto fuori il giardino di una villetta in un quartiere residenziale. I siti di vestiti usati, quindi, sono stati la naturale evoluzione di questo movimento.

Threadflip

Di gran lunga il sito più conosciuto sulla piazza, Threadflip sta crescendo a velocità ragguardevoli. Il database di articoli disponibili è molto ampio e la divisione in categorie realizzata con grande cura e minuziosità. Trovare il giubbotto in pelle o il paio di scarpe dei propri sogni, quindi, sarà tutt'altro che difficile. Il successo di questo mercatino dell'usato virtuale, però, è da attribuire anche al "trattamento di favore" che viene riservato a chi mette in vendita i propri abiti: l'utente terrà per sé l'80% del ricavato. Una percentuale altissima, se confrontata con siti similari. Al momento, però, non si prevede un'espansione al di fuori dagli USA.

Poshmark

L'anima social coniugata alle svendite di oggetti di seconda mano. Poshmark è questo e molto altro. Rivolto ad un pubblico esclusivamente femminile, questo portale permette ad ogni utente di creare una propria vetrina dove mettere in vendita vestiti, magliette, jeans, scarpe, borse, occhiali da sole e molto altro ancora. L'unica condizione è che debba trattarsi di oggetti di seconda mano. Gli ideatori di Poshmark hanno puntato tutto sulla facilità d'uso: dopo aver creato la propria vetrina, si potranno aggiungere nuovi oggetti direttamente dal proprio iPhone. Basterò scattare una foto con la fotocamera integrata, aggiungere una breve descrizione e attendere che arrivi qualche cliente.

 

Poshmark

 

Si possono seguire le vetrine più interessanti e ricevere aggiornamenti via mail ogni volta che verrà aggiunto un nuovo capo in vendita, così da essere la prima a vederlo e, magari, comprarlo. Molto interessante, infine, i Posh Party, dei veri e propri eventi mondani durante i quali il padrone di casa metterà in vendita gli abiti e gli accessori che non utilizza più.

Twice

il mercatino dell'usato per i pigri. Con Twice si scelgono i vestiti usati che non si indossano più, si inviano gli abiti (e gli altri capi da vendere) direttamente ai gestori del sito e sarà poi compito loro analizzare tutta la merce, scegliere la migliore e metterla in vendita. Non si avrà un controllo totale sull'intero processo, ma se si vuole liberare l'armadio è la scelta ideale. I capi che non vengono messi in vendita possono essere rispediti al mittente o, preferibilmente, vengono dati in beneficenza ad associazioni e organizzazioni no profit.

Per ora il servizio è attivo nei soli Stati Uniti, ma si spera di poter allargare il giro d'affari nel più breve tempo possibile.

The Chic Chance

Vi piacerebbe acquistare una pochette Luis Vuitton o un borsone Prada ma sono decisamente al di fuori del vostro budget? O, magari, desiderereste aggiungere alla vostra collezione un bell'orologio Hermes ma non riuscite proprio a trovarne uno in linea con le vostre aspettative di spesa? Allora è il caso di dare un'occhiata a The Chic Chance, portale web per accessori di alta moda usati, ma ancora in ottime condizioni. Il sito nasce nel 2015 a Milano e da allora ha già preso piede tanto in Italia quanto in altri Paesi europei.

 

The chic chance

 

Alla base di questo successo fulmineo la semplicità nel concludere gli acquisti e la certezza, sia per gli acquirenti sia per i venditori, di concludere un affare. I secondi, infatti, potranno "disfarsi" delle loro borse e degli altri oggetti di alta moda a prezzi molto vantaggiosi, mentre i primi avranno la certezza di acquistare accessori non contraffatti e in ottime condizioni. Tutti i prodotti, prima di essere consegnati, sono minuziosamente e scrupolosamente controllati dal team di esperti di The Chic Chance, cui spetta l'ultima parola per dichiarare concluso un affare. Se il capo non risponde alla perfezione alle Condizioni di vendita, sarà rispedito indietro al mittente (il venditore, in questo caso).

 

17 ottobre 2013 (aggiornato il 15 dicembre 2016)

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail