Fastweb

I suoni del passato? Ascoltali nel museo on line

Xiaomi A2, ultimo smartphone Android One lanciato sul mercato Smartphone & Gadget #android #smartphone Cos'è Android One La versione pura di Android, senza personalizzazioni grafiche del produttore, spesso è confusa con Android Go. Facciamo chiarezza e capiamo cos'è esattamente Android One
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
I suoni del passato? Ascoltali nel museo on line FASTWEB S.p.A.
La cassetta VHS, la sigla del Gameboy, la suoneria del primo modello Nokia
Web & Digital
La cassetta VHS, la sigla del Gameboy, la suoneria del primo modello Nokia: i suoni dimenticati tornano protagonisti in Rete

Non si trovavano in Rete perché allora Internet non era diffuso: si infilava la cassetta nel mangianastri (già si chiamava così), si spingeva “play” e poi, a suon di stop, rewind e di nuovo play si trascrivevano i testi delle canzoni. Non si scaricavano da Internet: i film si guardavano noleggiando grosse videocassette e il VHS si inseriva in solidi videoregistratori. Il tasto play era grosso, faceva rumore, segnava l’inizio dello spettacolo. Suoni dimenticati che appartengono a oggetti fuori portata, forse in cantina o soffitta, nel presente, relegati a un passato che sembra vicinissimo e invece è lontano, distante, sconosciuto. 

Sono passati decenni, qualcuno quei suoni non li ha mai ascoltati e, forse, non immagina neanche che forma avessero quegli oggetti dai quali provenivano. Ora per i nostalgici, i curiosi, la generazione del nuovo millennio, è possibile riappropriarsi di qualcosa che non c’è più: quel rumore torna proprio nella Rete colpevole, almeno in parte, di averlo annullato e ridotto al silenzio. Nasce il Museo on line dei suoni in estinzione, Museum of Endangered Sounds, un sito che si riempie del trillo dei primi cellulari Nokia, del rumore dei segmenti di Tetris che cadono ipnotici uno alla volta, del suono del floppy disk che veniva letto e sovrascritto mille volte, del bip del Tamagochi. 

Il progetto, nato nel corso del 2012, si propone di allargare la collezione dei reperti audio fino al 2015, quando il suo ideatore, lo studente Brendan Chilcutt, inaugurerà lo sviluppo di un linguaggio di  markup adatto per reinterpretare i suoni come composizione binaria. A chi piace l’iniziativa? Intanto alle decine di associazioni e gruppi di appassionati di antiquariato tecnologico che hanno finanziato la galleria virtuale. E ora silenzio, il passato torna a farsi ascoltare.


16 luglio 2012

Silvia Santoni Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #museo #vhs #videocassette #nokia #gameboy

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.