Il dongle USB di Leap Motion

Leap Motion, come cambiare il mondo con USB e led

Leap Motion un rivoluzionario dispositivo USB che, sfruttando dei led a infrarossi, in grado di captare spostamenti delle dita fino a 0,01 millimetri
Leap Motion, come cambiare il mondo con USB e led FASTWEB S.p.A.

Potrebbe rappresentare il futuro dell'interazione tra uomo e computer. Così come sta accadendo con Microsoft Kinect, anche Leap Motion si propone di cambiare totalmente il modo in cui l'utente si relaziona con il computer di casa, svincolandolo da ogni contatto fisico con quest'ultimo. Tutto passerà, infatti, attraverso i gesti delle mano.

Un piccolo dispositivo con una grande idea

Leap Motion è un piccolo parallelepipedo di alluminio (ricorda molto da vicino il design e lo stile Apple) che costa appena 80 dollari e che promette di fare cose eccezionali. Il dongle, che va poggiato sulla scrivania di fronte allo schermo e collegato al computer con un cavo USB, registra tutti i movimenti – anche quelli impercettibili – delle 10 dita delle mani e li traduce in movimenti del cursore del computer.

 

Leap Motion alla prova

 

Per selezionare un'icona, per lanciare un programma o disegnare un fiore con un programma di grafica digitale non sarà più necessario il mouse, ma verrà tutto controllato con il movimento degli arti superiori.

Cambiare il mondo due mani alla volta

Per rendere ciò possibile, Leap Motion si affida a due videocamere e tre led a infrarossi capaci di captare spostamenti fino a 0.01 millimetri nei 50 centimetri cubici di spazio al di sopra del dispositivo.

 

 

A testimoniare la bontà dell'idea, decine di sviluppatori hanno iniziato a creare app ottimizzate per il funzionamento con Leap Motion e produttori come ASUS e HP hanno annunciato l'intenzione di implementare la tecnologia di riconoscimento dei movimento nei loro computer AIO (All In One) e di inserire app Leap Motion nel pacchetto di software preinstallati. Nelle prime tre settimane di distribuzione, le app ora disponibili sono state scaricate ben 1 milione di volte.

I primi dispositivi venduti

Per stimolare la creazione delle primissime app, Leap Motion è stata regalata – in migliaia di copie – a sviluppatori che avessero intenzione di cimentarsi in un'impresa nuova e dal risultato incerto. Solo in seguito, una volta che la fase di testing poteva ritenersi conclusa, si è deciso di dare il là ai preordini. Inizialmente la data di rilascio era prevista per fine 2012, ma successivamente è stata posticipata più volte, fino al luglio 2013. Le spedizioni dei primi device acquistati – l'azienda afferma di averne già 600.000 in magazzino e altri pronti in linea di produzione – sono iniziate il 19 luglio.

La storia di Leap Motion

Leap Motion nasce nel 2010 con il nome di OcuSpec e gl iinizi sono tutt'altro che semplici. Nonostante la geniale idea di fondo, i primi finanziamenti (poco più di un milione di dollari) arrivano solamente nel giugno dell'anno successivo. È a questo punto che il lavoro di progettazione e sviluppo può prendere il via sul serio.

 

Leap Motion alla prova

 

Il 2012 è l'anno del grande balzo in avanti. In un secondo round di finanziamenti, Leap Motion riceve ben 12.75 milioni di dollari e il 21 maggio di quello stesso anno annuncia la fine dei lavori. O quanto meno della prima parte dei lavori: la progettazione di Leap, primo dispositivo di riconoscimento gestuale uscito dalle officine creative di Leap Motion.

Le spedizioni, inizialmente previste per il dicembre 2012, sono state rinviate – come già detto – al luglio 2013. L'accoglienza da parte degli utenti e degli esperti è stata però contrastata.

 

20 agosto 2013

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail