Fastweb

Le bufale della Rete, tra scie chimiche e rettiliani

Google Web & Digital #google #privacy Come difendere i dati personali su Google La società di Mountain View offre molti servizi gratuiti in cambio del libero accesso ai propri dati personali. Ecco gli strumenti di difesa più efficaci
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Le bufale della Rete, tra scie chimiche e rettiliani FASTWEB S.p.A.
scie chimiche
Web & Digital
Da Bilderberg alla Trilateral, passando per le scie chimiche e i rettiliani: il 2016 è stato l'anno delle bufale online, che in alcuni casi hanno anche condizionato alcuni appuntamenti elettorali

Le bufale su Internet sono sempre esistite: le teorie di qualche complottista, lo scherzo di qualche burlone o molto semplicemente qualche società che cerca di collezionare click per guadagnarci sopra. Il 2016, però, per le bufale presenti sulla Rete è stato un anno speciale: sono nati tantissimi siti che cercano di spiegare le teorie complottiste più strane e che allo stesso tempo riescono a catturare l'attenzione di milioni di persone. Il fenomeno delle scie chimiche è solo l'ultimo di una lunga lista e molto probabilmente anche il più famoso.

Come è stato dimostrato dal blogger Paolo Attivissimo e dal debunker David Puente, esiste una vera e propria rete di siti di bufale che fanno capo alla stessa società che hanno come unico scopo quello di lucrare sulla credulità popolare. In questo 2016 molto particolare, le bufale hanno condizionato il voto elettorale in alcune parti del mondo, come nel caso delle elezioni presidenziali negli Sati Uniti. Ma le bufale più cercate su Google non si fermano solamente alle scie chimiche: non poteva mancare Bilderberg, i rettiliani e il microchip sottocutaneo che controllerà la nostra mente.

È tutta colpa delle scie chimiche

 

scie chimiche

 

La bufala più cercata sulla Rete in questo 2016 è sicuramente quella sulle scie chimiche. Ogni mese produce su Google quasi quindicimila ricerche e le pagine dedicate sull'argomento sono oltre cinquecentomila. Numeri abbastanza importanti per un fenomeno che, come spiega la pagina di Wikipedia dedicato all'argomento, non ha nessuna base scientifica. Infatti, le scie che vediamo nel cielo sono un fenomeno naturale: gli aerei producono vapore acqueo, che in alcune condizioni atmosferiche particolari, si condensa e forma le famose scie chimiche. Nulla a che vedere con l'idea nata sulla Rete che sia opera di un complotto internazionale che vuole infettare le persone. Nel Parlamento italiano sono state presentate anche delle interrogazioni parlamentari per far luce sul fenomeno.

Collegato alle ricerche sulle scie chimiche è il morbo di Morgellons, ovvero un tipo di malattia che colpisce il cervello e che fa credere alle persone di essere infettate dai parassiti e per cercare di eliminarli si procurano ferite sulla pelle. Secondo i complottisti il morbo di Morgellons è una diretta conseguenza delle scie chimiche.

Bilderberg, i controllori del mondo

Rispetto alle scie chimiche, le ricerche su Bilderberg hanno un piccolo fondamento di verità. Infatti, Bilderberg esiste veramente ed è un'associazione che raccoglie i più importanti finanzieri, giornalisti e industriali di tutto il mondo e che una volta l'anno di riunisce in qualche hotel di lusso sparso per il mondo. Secondo i complottisti durante le riunioni vengono decise le sorti della Terra, tutto a discapito dei poveri cittadini. In questo 2016 la parola Bildenberg produce un volume di ricerca mensile di dodicimila, mentre i risultati superano i cinque milioni.

I rettiliani stanno cercando di conquistarci

 

rettiliani

 

Se pensate che i rettiliani siano degli appassionati di camaleonti e lucertole, vi state sbagliando di grosso. I rettiliani non sono altro che degli alieni che stanno conquistando la Terra e che hanno la capacità di prendere sembianze umane. Il motivo? Vogliono succhiare l'energia vitale. Se vi sembra di aver già sentito o visto una situazione del genere in tv non vi state sbagliando: la stessa storia è raccontata su Dragon Ball. Logicamente i rettiliani stanno conquistando il Mondo attraverso le scie chimiche e i microchip sottocutanei che vengono installati con i vaccini. Tra i rettiliani che hanno fatto "successo", la Regina Elisabetta II d'Inghilterra, Barack Obama e Hillary Clinton. Ogni mese la parola rettiliani viene digitata sul motore di ricerca Google ben 8000 volte.

Altra bufala che va per la maggiore è quella inerente i "grigi", altro tipo di alieni che stanno invadendo la Terra per riportare la popolazione sulla via della luce. Ma il volume di ricerche è inferiore, poco più di mille al mese.  

La crisi economica? Colpa del signoraggio bancario

Tra gli evergreen delle bufale presenti sulla Rete c'è sicuramente il signoraggio bancario, il meccanismo con il quale le Banche Centrali Nazionali controllano l'emissione di moneta per non far aumentare l'inflazione. Secondo i complottisti il signoraggio bancario è una truffa per rubare i soldi ai poveri cittadini. Ogni mese sono quasi tremila le ricerche che riguardano il signoraggio bancario.

Controllo mentale e il vaccino per l'autismo

 

microchip sottocutaneo

 

Le ultime due bufale riguardano due temi abbastanza delicati: il microchip da impiantare obbligatoriamente sotto pelle entro il 2018 e il rapporto tra i vaccini e l'autismo.

Per quanto riguarda la prima bufala, in molti sono convinti che entro la fine del prossimo anno lo Stato sarà obbligato a inserire sotto la pelle delle persone un microchip che avrà la capacità di controllare la nostra mente. Se la possibilità di inserire un microchip sottocutaneo è vera, è totalmente falso che sarà lo Stato a farlo. Un'altra bufala su cui i complottisti lucrano abbondantemente.

Infine c'è il rapporto tra vaccini e autismo, smentito più e più volte dalla scienza ma che riesce ad affascinare un gran numero di persone, soprattutto sui social network. Una pagina su Facebook ha molta più influenza di un medico con decine e decine di anni di studi sulle spalle.

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #internet #motori di ricerca #google

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.